“Belle ripiene”, la prima commedia in una vera cucina da marzo in Sicilia.

“Belle ripiene”, la commedia tutta al femminile per la regia di Massimo Romeo Piparo raggiunge la Sicilia con tre appuntamenti a marzo: il 24 a Ragusa; il 26 a Barcellona Pozzo di Gotto e il 27-28 a Palermo. La storia di quattro donne, che in cucina condividono esperienze, tradizioni differenti e momenti di ilarità. Con degustazione finale per gli spettatori.

Confessioni, aspetti di vita e amori, sono gli ingredienti immancabili nella cucina della commedia “Belle ripiene” diretta dal messinese Massimo Romeo Piparo con tre appuntamenti a marzo in Sicilia: il 24 a Ragusa, il 26 a Barcellona Pozzo di Gotto e il 27-28 a Palermo. Tratta dalla pièce di Giulia Ricciardi, viene messa in scena un’allegra opera dal gusto pink, che mette al centro le vicende di quattro donne: Rossella Brescia (Ida), Tosca D’Aquino (Ada), Roberta Lanfranchi (Leda) e Samuela Sardo (Dada), intente a destreggiarsi in cucina, luogo di incontro, di scambio e condivisione di tradizioni e dialetti differenti. A far da sfondo alla vicenda, l’innovativa scenografia curata da Teresa Caruso corredata da una reale cucina girevole professionale, in cui le protagoniste si divertiranno a cucinare piatti che, poi, saranno serviti al pubblico in sala con la consulenza dello chef enogastronomico Fabio Toso. Tra risate e leggerezza, le pietanze cucinate rispecchiano la terra di origine di ciascuna protagonista: Roma, Napoli, Salento e l’Alta Padana e per l’occasione è stato creato lo “scrigno Belle Ripiene”, un raviolone ripieno di cime di rapa, guarnito con guanciale croccante, pomodoro piennolo confit e fonduta di stracchino. Non mancheranno altre gustose pietanze come: il risotto allo zafferano e gamberi boreali; le mezzelune pere, taleggio con crema di zucca e castagne e le perle di salmone croccante, yogurt ed erba cipollina. Tanta preparazione per le quattro attrici che, per calarsi nei panni del loro personaggio, hanno seguito un corso intensivo di cucina professionale al Centro di Formazione Engim S.Paolo, seguite dallo chef Fabio Toso, e sostenuto l’esame per il certificato H.A.C.C.P per la somministrazione di cibo al pubblico.

Nata per far divertire uomini e donne, “Belle Ripiene” gira intorno ad una passione comune, unico strumento che avvicina e demolisce le differenze e barriere tra gli individui e che lascerà gli spettatori sazi di risate.

Selinunte: “Google camp 2019” tre giornate con parata di stelle top secret.

Ultimo week end di luglio con il summit del colosso Google “Google camp 2019” che, per la terza volta, sceglie la bellezza storica di Selinunte, il cui parco archeologico chiuderà per un giorno le porte ai turisti, per discutere di tematiche di attualità e società. Grande attesa per il possibile arrivo dell’ex presidente della Casa Bianca Barak Obama che alloggerà, insieme ad altri divi, reali e premi Nobel, al Verdura golf resort di Sciacca.

La bellezza e l’antichità del parco archeologico più grande d’Europa nell’antica città greca di Selinunte, collocata nella zona sud-occidentale della Sicilia, diviene per la terza volta cornice maestosa e sfondo ricco di storia per accogliere il simbolo della contemporaneità dell’ azienda statunitense: Google, con l’evento “Google camp 2019”. Fervono i preparativi, dunque, per il meeting del colosso di Larry Page e Sergey Brin che interesserà l’ultimo week end di luglio, al quale prenderanno parte star dello spettacolo, reali, milionari, premi Nobel e dirigenti di multinazionali per discutere di attualità e società. Ad ospitare la parata di stelle, protette dalla massima riservatezza, il Verdura golf resort di Sciacca (blindato per una settimana). Pernottamento, ma anche scoperta dei piccoli paesi della Sicilia con il sapere delle guide turistiche dei tour operator di lusso, pronti a scortare i vip tra le bellezze nascoste dell’Isola come: Castronovo; Sant’Angelo Muxaro; Santo Stefano di Quisquina e Cammarata, tra economia, monumenti e buon cibo.

Le prime indiscrezioni vorrebbero come ospite d’onore l’ex inquilino della Casa Bianca Barak Obama, secondo quanto confermerebbero le imponenti misure di sicurezza avviate in questi giorni con le forze dell’ordine americane, mentre tra gli ospiti certi ci saranno: Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook; Diane von Furstenberg ed il marito Barry Filler, proprietario di TripAdvisor ed Expedia, giunti con il loro yacht dalla Sardegna. La cena di gala sarà allestita per il secondo anno consecutivo davanti al tempio di Hera, con l’assenza dello chef palermitano pluristellato Tony Lo Coco, per quattro anni protagonista con i suoi piatti all’insegna della cucina siciliana, per dar spazio alle specialità del resto d’Italia. Massimo riserbo anche all’aeroporto Birgi di Trapani: “Siamo orgogliosi -dice Paolo Angius, presidente di Airgest, società di gestione del Birgi- di essere stati scelti per il quarto anno di fila come partner aeroportuale di riferimento di The camp, per i servizi di aviazione generale che forniamo ai massimi livelli in Italia. Per rispetto della privacy non possiamo fornire dettagli su velivoli e passeggeri”.

 

È Roma la capitale italiana del catering e dei personal chef

[AdSense-A]

 

Sono Lazio, Umbria, Toscana e Veneto le regioni in vetta alle classifiche con le maggiori richieste di catering e chef a domicilio. Un dato che fotografa anche le enormi opportunità di lavoro che si aprono in un mercato in continua crescita…

 

senza-titolo-6

È Roma la capitale del catering e dei cuochi a domicilio. Crescono infatti a due cifre le richieste nell’ultimo semestre per catering e personal chef in Italia, con un aumento del 34 % delle richieste per organizzare pranzi e cene a casa con Roma che viene incoronata la città con più richieste di catering per eventi pubblici e privati. Le regioni più calde sono il Lazio con Roma in prima linea, seguita dall’Umbria con Terni e dalla Toscana con Siena e Prato pronti a organizzare un catering a domicilio. Quarto posto al Veneto con Venezia e Padova. Le altre regioni compresa la Lombardia sembrano essere meno interessate all’organizzazione di un pranzo con l’ausilio di un catering o di un cuoco a domicilio. Gli utenti inoltre richiedono sempre più finger food ed è in aumento il numero di catering organizzati per eventi diversi dai matrimoni. Sono questi i dati analizzati e tratti dalle ultime 1.000 richieste di preventivo ricevute su Justpro.it, piattaforma di ricerca di servizi, professionisti e location per l’organizzazione di eventi. Secondo Ivan Laffranchi, Ceo di JustPRO: “Vengono richiesti molti catering per  feste di laurea e compleanni importanti come i 30 e i 40 anni e visto il crescente interesse per questo genere di servizio si aprono nuove opportunità di lavoro per giovani cuochi imprenditori che possono iniziare con zero investimenti come chef a domicilio per poi ampliare il business organizzando un lavoro più strutturato e offrire un servizio di catering professionale”. Sul fronte dei prezzi il personal chef, che rappresenta ancora una piccola fetta di questo grande mercato, è più economico con un prezzo medio di 35 euro per coperto contro i 48 euro del catering che, per ovvie ragioni di costi correlati alle attrezzature e al personale, è più caro. Il numero medio di ospiti previsti da chi vuole organizzare un matrimonio o un altro evento con un catering è compreso tra le 40 e le 80 persone mentre per lo chef a domicilio il numero di invitati non supera mai la dozzina. L’attività di personal chef e in particolare di catering si rivelano una grande opportunità professionale in tutte le regioni, ma in particolare nel centro Italia. Il cuoco a domicilio è un’attività che può essere svolta senza investimenti di capitali ma con grande attenzione alle esigenze del cliente riservando soddisfazioni e una interessante esperienza professionale.

Justpro.it è un marketplace interamente sviluppato in Italia che mette in contatto professionisti degli eventi come catering, fotografi, location, wedding planner con utenti interessati a ricevere fino a 3 consulenze e preventivi gratuiti. La piattaforma è usata dai professionisti i cerca di un canale di comunicazione che permette di entrare in contatto con potenziali clienti senza investimenti pubblicitari tradizionali o strategie di couponing.

Orecchiette regine di Puglia, tutto pronto per la loro festa

[AdSense-A]

 

Dodici chef, 12 cantine, la musica della grande cassa armonica e laboratori tematici. Nei caratteristici vicoli candidi del centro storico, sfilano loro in tutte le salse e persino sotto forma di dessert.

Senza-titolo-7

Orecchiette per tutti i gusti: quelle con pancetta di maiale croccante su crema di pecorino e pepe nero,  gluten free, o quelle con battuto di cipolla rossa in agro e pancetta cruda, menta e pomodoro fresco. Oppure con peperoni e ricotta affumicata. E persino le orecchiette dessert, con sorbetto di cime di rapa e crumble di acciughe. Questi alcuni prelibati piatti che proporranno i 12 chef protagonisti di Orecchiette nelle ‘nchiosce. Il grande evento enogastronomico pugliese trasformerà per due giorni (mercoledì 17 e giovedì 18 agosto) le tipiche ‘nchiosce  – i caratteristici vicoli bianchi nel cuore del centro storico di Grottaglie (TA)-  in veri e propri percorsi gastronomici. Accanto ai grandi chef anche 12 cantine, tra cui anche un birrificio artigianale, pronte ad esaltare i sapori delle tante ricette e scoprire l’abbinamento giusto. Ma non ci sarà solo l’enogastronomia a prendersi la scena e tenere banco. Orecchiette nelle ‘nchiosce 2016 promette anche musica, cultura popolare e arte. Immancabile sarà, infatti, l’imponente architettura della cassa armonica che ospiterà quest’anno la BandaAdriatica (17 agosto) il gruppo salentino che da anni ormai racconta la storia del nostro Sud riprendendo canti antichi e rigenerandoli con modernità, e la Banda della Posta (18 agosto), nota al grande pubblico per le collaborazioni con Vinicio Capossela, un ensemble di anziani musicisti di Calitri, paese di origine del cantautore, che già dagli anni ‘50 si esibisce in un repertorio musicale energico e vitale fatto di mazurke, polke, valzer, passo doppio, tango, tarantella, quadriglia e foxtrot. E poi anche artisti di strada, bande itineranti, cantastorie e l’uomo orchestra. Chi non si accontenta solo di mangiare, bere e ascoltare musica ma vuole mettere le mani in pasta, troverà ben due laboratori: quello per imparare a preparare manualmente le orecchiette, a cura dell’Associazione Utopia di Grottaglie e quello per scoprire il mondo della ceramica attraverso la lavorazione della creta. Inoltre, Poste Italiane parteciperà con uno speciale annullo filatelico ed una cartolina dedicata allo straordinario successo di Orecchiette nelle ‘nchiosce. Giovedì 18 agosto ci sarà uno stand per la distribuzione del cofanetto delle cartoline da collezione con l’annullo speciale creato per la ricorrenza . Insomma, due serate all’insegna del gusto, della cultura e del divertimento in uno dei centri storici più belli del Tarantino, a due passi dal mare. Con calice in mano, piatto e mappa si andrà alla scoperta dei vari stand disposti nelle tipiche ‘nchiosce”. I piatti sono monouso biodegradabile e per l’occasione gli eco-volontari aiuteranno il visitatore a gettare i rifiuti nei giusti contenitori. Il tutto per il rispetto dell’ambiente. Orecchiette nelle ‘nchiosce è un evento organizzato dall’Associazione “Le idee non mancano” con la direzione artistica di Danilo Giaffreda, architetto, fotografo e food- blogger meglio noto sul web come Il Ventre dell’Architetto.

Eataly Roma compie 4 anni e festeggia insieme a 7 chef stellati

[AdSense-A]

Martedì 21 giugno 2016 Eataly Roma

Senza-titolo-16

Il 21 giugno 2012, nell’ex air terminal della stazione Ostiense di Roma, apriva le porte, per la prima volta, il tempio dell’enogastronomia italiana: Eataly. Il 21 giugno 2016 siamo felici di poter festeggiare insieme a tutti i nostri clienti, amici, collaboratori, quattro anni di una storia che non ha mai smesso di raccontare in Italia e nel mondo la cultura enogastronomica italiana, i prodotti e i produttori, le ricette più belle e importanti del nostro Paese; che non ha mai smesso di insegnare e trasmettere una giusta educazione alimentare, trasmettendo metodi, conoscenze e segreti dei più grandi chef. Per quest’occasione abbiamo riunito in una sola sera sette chef stellati, per una cena EATinerante nei nostri ristorantini. Avremo con noi:

Massimo Viglietti – Ristorante Achilli
Al ristorantino della carne. Piatto: la scottona incontra un pesce
Roy Caceres – Metamorfosi
Al ristorantino della pasta
Gianfranco Pascucci – Al Porticciolo
Al ristorantino del pesce. Piatto: insalata di gamberi rosa, granatina di prugne fermentate e rosmarino
Oliver Glowing
Al ristorantino del fritto. Piatto: tartare di gamberi, avocado e mela verde
Marianna Vitale – Sud
Al ristorantino delle verdure. Piatto: minestra di mare con frutta e verdura di stagione
Rosanna Marziale – Le Colonne
Ristorantino della birreria. Piatto: la pizza al contrario
Niko Romito – Reale
(cena dedicata al ristorante Spazio)
Menu Spazio
Fiore di zucca in pastella, ripieno di ricotta, salsa di acciughe (Spazio)
Cocomero e pomodoro (Reale)
Cacio e pepe (Reale)
Linguine con alici, pesto di finocchietto e capperi (Spazio)
Vitello e misticanza (Reale)
Essenza (Reale)
Prezzo: € 60 bevande escluse.
Per info e prenotazioni contattare il ristorante Spazio: 06.90279240

Oliver Glowing e Pasquale Torrente inoltre, al ristorantino del fritto, faranno una cena a 4 mani. È possibile prenotare qui: http://www.eataly.net/it_it/auguri-eataly-cena-a-4-mani-di-pasquale-torrente-e-oliver-glowig-eve10057

Le cene saranno accompagnate dai vini di:

Brandini – Piemonte
Frescobaldi – Toscana
Triple A – Velier
Chateau de Roquefort – Francia
Calafata – Toscana
Feudi San Gregorio – Campania

Sarà un evento unico, in cui ogni chef, in un ristorantino diverso, preparerà un piatto, ma ci sarà anche modo di parlare con loro, soddisfare curiosità, strappargli qualche piccolo segreto sulla loro cucina stellata.

 Gli altri eventi del compleanno

Ma il compleanno di Eataly non finisce qui… Ecco tutti gli eventi in programma:

Il 21 giugno alle ore 17.00 – Il taglio della torta

Offriremo a tutti i nostri clienti una fetta della buonissima torta preparata da Luca Montersino, che sarà con noi a festeggiare il grande evento.

Dalle 18.00 alle 21.00 – La diretta di Radio Rock

Saranno con noi anche i due speaker di Radio Rock, Matteo e Barbara, per un’altra puntata in diretta di “Made in Eataly” dalla Birreria.

Lunedì 20, mercoledì 22 e giovedì 23

Tre osterie romane del circuito Slow Food per tre sere, per raccontare la storia della romanità in cucina.

Da venerdì 24 a domenica 26 – La festa di compleanno di Eataly Roma

Una grande festa per concludere il mese dedicato al quarto compleanno di Eataly. Una tre giorni imperdibile, 15 proposte di street food, 18 birrifici artigianali, show cooking, eventi, laboratori di cucina per bambini, musica live.
Ecco il dettaglio:

Orari:
Venerdì 24 dalle ore 17.00 alle 02.00
Sabato 25 dalle ore 17.00 alle 02.00
Domenica 26 dalle ore 17.00 alle 24.00

Le proposte di street food

  • I panini di Dar Ciriola
  • La Piadina dei fratelli Maioli
  • La Polpetteria di Roberta Lamberti
  • Lo street food de I Borghi più belli d’Italia
  • I fritti di Pasquale Torrente
  • La pasticceria di Eataly
  • I panini de la Birreria di Eataly

I Birrifici

  • Birreria Eataly Roma
  • Birrificio Turbacci
  • Birradamare
  • Birra del Borgo
  • Birrificio Turan
  • Birrificio dei Castelli
  • Birra Oxiana
  • La birra di Frascati
  • Birrificio 04
  • Birrificio Itineris
  • B-Four Beer
  • Birrificio Aurelio
  • Birra Losa – Fabbrica di birra italiana
  • Birrificio Mash-out
  • Birra Alta Quota
  • Birrificio Vale la Pena
  • Birrificio dei Perugini

La musica

Venerdì 24
Dalle 0re 19.00 alle 21.00 la diretta di Radio Rock
Alle ore 20.00: Karaoke Rock Bike di Dejan Cetnikovic
Alle ore 21.00: l’etichetta discografica indipendente LDM presenta i Folcast, Le Larve, Jekesa e Il Branco
Alle ore 23.00: The Rollercoaster Crash

Sabato 25
Alle ore 21.30: The Power Shakers
Alle ore 23.30: I Distillados

Domenica 26
Alle ore 21.00: Fabulous Wood

I laboratori di cucina per bambini con Mulino Marino

Venerdì 24 dalle ore 18.00 alle 19.30: Sottili e Fragranti.
Sabato 25 dalle ore 18.00 alle 19.30: Il panino Giotto

Gli Showcooking al tavolo dei 10 fortunati

Venerdì 24 ore 19.00: la cacio e pepe di Felice A Testaccio. In abbinamento la birra di Semi di Libertà Onlus.
Sabato 25 ore 19.00: i salumi di Bassiano con Rocco Lutrario di “Cibaria”. In abbinamento la birra di Birradamare.
Domenica 26 ore 18.00: Pasticceria d’estate, con Francesca Minnella della pasticceria di Eataly. In abbinamento la birra di Birra del Borgo.

Mercoledì 29 alle ore 20.00

La grande cena con Enrico Panero Corporate Executive Chef di Eataly
Tra terra e mare
Menu
Benvenuti della cucina
Lingua a colori d’acciuga
Baccalà in panzanella
Il riso in parmigiana di gamberi
La ricciola e l’orto
Pesche e cioccolato
Caffè espresso
Vini in abbinamento

 

Spigaroli regala i segreti da grande chef

Ogni domenica fino a luglio 2016, “Pillole di cucina”: incontri gratuiti al Labirinto di Fontanellato con lo stellato e il suo staff. Una scuola sui classici italiani, dai risotti alle paste secche

image001Roma, 15 Aprile –  Si fa presto a dire “preparo un brodino”, ma non è affatto semplice. Quanti e quali tipi di carne utilizzare? Si parte con acqua fredda o bollente? E le verdure? Per non parlare del risotto: mantecare sì, ma come? E quanto a lungo? Le risposte a questi interrogativi sono custodite gelosamente dai grandi chef, che in anni di fornelli hanno raccolto preziosi accorgimenti che nessun libro di cucina può svelare. Ebbene: Massimo Spigaroli, stellato Michelin dell’Antica Corte Pallavicina, è pronto a regalarli. Lo fa ogni domenica dalle ore 17 insieme con il suo staff al Bistrot del Labirinto di Fontanellato (PR) durante gli incontri gratuiti “Pillole di cucina”. Una serie di appuntamenti dedicati a ricette italiane classiche, dalle paste alle conserve, ma anche più creative e veloci, come le insalate e i panini, dove il tocco dell’artista fa la differenza tra un gusto solito e noioso a un risultato sorprendente. In questi brevi e conviviali ritrovi, lo chef propone un piatto, spiega la scelta degli ingredienti adatti ad ottenere il massimo risultato e lo prepara passo passo, in una vera e propria scuola di cucina che si conclude con l’assaggio del risultato finale. Per poterlo poi ripetere a casa propria. Domenica 17 aprile 2016 si approfondiranno i trucchi per preparare il brodo, il 24 aprile sarà il turno dei risotti, il primo maggio tocca ai grani antichi, cereali da riscoprire in tutta la loro forza e genuinità, mentre la settimana successiva, l’8 maggio, toccherà all’appuntamento cucinare con le uova, tenendo conto che proprio Spigaroli tra i suoi piatti ormai cult, conta l’uovo a guscio bianco pochè su purea di patate dolci, con asparagi e caviale e croccante di Culatello, incantevole narrazione di gusti e texture. Il 15 maggio è in calendario un appuntamento molto pratico e casereccio, con tutti i segreti del pane fatto in casa, mentre il 22 maggio, dopo aver imparato a cucinare la base, toccherà ai panini gourmet, sfiziosità quanto mai adatte ai pic-nic del mese in corso. Si prosegue il 29 maggio con un incontro sulla pasta secca lunga e la domenica successiva, 5 giugno, la scuola di cucina tratterà la pasta secca corta. Il 12 giugno un grande classico dell’arte di Spigaroli, che dall’orto ha portato a tavola un mondo salutare e ricco di sapori: si parla infatti delle insalate con le verdure dell’orto,per scoprire che la materia prima conta, eccome, e che si può preparare un piatto gustoso anche senza esagerare con condimenti e calorie. Più “peccaminoso” l’appuntamento del 19 giugno, quando lo chef insegnerà come ottenere la frittura croccante e perfetta delle verdure. Il 26 giugno sarà dedicato a un approfondimento sulle conserve di verdura dell’orto, mentre il 3 luglio inizia la stagione ideale per le conserve di frutta. Il 10 luglio toccherà a un altro cavallo di battaglia emiliano: si parla di frutta sotto spirito e liquori.

I posti sono limitati, è consigliata la prenotazione telefonando allo 0521 1855372 oppure inviando una mail a [email protected]

Al Castello di Grumello i bambini fanno gli chef

Appuntamento nelle cucine del maniero il 13 marzo

bimbi-chef-per-un-giornoal-castello-di-grumello_17b2edde-889f-11e5-83ea-7fb74464ce87_998_397_big_story_detailRoma, 17 febbraio -Sono i bambini i veri protagonisti al Castello di Grumello (BG). E così il divertimento dei piccoli ospiti è assicurato per un giorno. Capita domenica 13 marzo quando le cucine del maniero aprono le porte ai visitatori in tenera età (6-12 anni) che possono provare l’emozione unica di indossare il grembiule e mettere il cappello da cuoco in testa. Un po’ come fossero a una puntata speciale di “Masterchef”. Con emozioni e soddisfazioni garantite, pur non essendo una gara quella in programma a Grumello. Coadiuvati da esperti animatori, i bambini imparano ad imbandire una tavola perfetta e a preparare uno speciale menu in preparazione della Pasqua (con tante divertenti e golose idee che i piccoli possono poi ripetere nella cucina di casa propria durante le vacanze scolastiche). Divisi in gruppetti i bambini si rimboccano prima di tutto le maniche e lavorano con le mani, scoprendo come si prepara un insolito e variopinto antipasto di verdure, dando libero sfogo alla loro creatività. A seguire imparano come si fanno gli gnocchetti (conditi con pesto o salsa di pomodoro), per chiudere infine il menu con un gustoso dessert “sorpresa”. Quindi tutti collaborano nel decorare la tavola apparecchiata nella sala da pranzo, trasformando dei semplici bicchieri in buffi coniglietti e pulcini. I “bimbi chef” partecipano in prima persona alla preparazione di tutto il pranzo (stiano tranquilli i genitori: ogni cosa si svolge nella massima sicurezza in quanto i piccoli non utilizzano assolutamente coltelli e fornelli accesi, perché vengono sempre aiutati in questo dagli animatori). Dopo tanta fatica, i bambini hanno la soddisfazione finale di servire in tavola il “loro” menu a genitori, amici, fratelli e a quanti vorranno avere come ospiti per trascorrere insieme questa bellissima festa. Nel pomeriggio è prevista una grande tombolata medievale in compagnia.

“BIMBI CHEF”, domenica 13 marzo ore 10/17.30, prenotazione e prepagamento obbligatori al 348.30.36.243, ingresso: bambini e adulti 25 euro (corso, pranzo e degustazione vini per i genitori compresi).

Per info: Castello di Grumello, cell. 348.30.36.243, e-mail: [email protected], sito Internet: www.castellodigrumello.it

INFORMAZIONI PER LA STAMPA (n° da non pubblicare sui giornali): Giorgio Cannì, cell. 335.61.72.773, e-mail: [email protected]

Fish & Chef 2016: cene stellate, street food, street art e street music

Dal 21 al 27 aprile

fish-and-chef-201601 febbraio – Cene stellate, alla portata dei portafogli di tutti, in alcuni dei più esclusivi hotel e ristoranti del Garda ma anche street food, street art e street music, un evento nell’evento sul lungolago della cittadina di Garda durante il quale alcuni tra i migliori chef del Benaco faranno conoscere (e degustare) le loro creazioni, in un appuntamento che unisce anche arte e musica grazie alla collaborazione con (E)VENTO tra i Salici. Tutto questo e molto altro per l’edizione 2016 di Fish & Chef, la manifestazione in programma dal 21 al 27 aprile in alcune delle più belle località del Garda. L’appuntamento ideato dallo chef stellato Leandro Luppi e da Elvira Trimeloni si prepara infatti a stupire ancora.

LE CENE STELLATE FIRMATE FISH & CHEF – Sono 6 le cene gourmet in programma (costo 70 euro, prenotazioni direttamente negli alberghi). Esse toccheranno località dai panorami mozzafiato come Malcesine, Gardone Riviera, Garda, Bardolino e Costermano. A mettersi alla prova con la cucina del pesce di lago saranno alcuni dei più importanti chef internazionali, due dei quali in arrivo dal Giappone. Ad alzare il sipario sull’evento, giovedì 21 aprile, sarà lo chef Luca Marchini (1 stella Michelin) dell’Erba del Re di Modena, protagonista della cena in programma all’Hotel Bellevue San Lorenzo di Malcesine (VR).

Il 22 aprile al Grand Hotel Fasano a Gardone Riviera  (BS) scenderà in campo Peter Brunel (1 stella Michelin) del ristorante Borgo San Jacopo di Firenze. Domenica 24 aprile, Fish & Chef torna sulla sponda veronese del Garda: all’hotel Acqualux di Bardolino toccherà ad Andrea Berton (1 stella Michelin) del ristorante Berton di Milano. Lunedì 25 aprile al ristorante Villa Fiordaliso di Gardone Riviera  (BS) gli ospiti potranno lasciarsi estasiare dai sapori della cucina di Andrea Aprea (1 stella Michelin) del ristorante Vun di Milano. Martedì 26 aprile, all’Hotel Regina Adelaide di Garda (VR) andrà in scena la cucina degli ospiti internazionali di questa edizione: Valentino Palmisano e Kido Toshimizu del Ritz-Carlton di Kyoto, in Giappone. A La Casa degli Spiriti di Costermano, mercoledì 27 aprile, andrà in scena il gran finale a più mani: anche la conclusione dell’edizione 2016 è affidata al Dream Team Lake Garda composto dai top chef del Garda che giocheranno in casa per interpretare i prodotti del loro territorio in una sfida che nel 2015 aveva visto all’opera ben 11 cuochi.

 STREET FOOD STREET ART STREET MUSIC – Tutti i giorni dal 21 al 27 aprile il lungolago della cittadina di Garda sarà animato da un evento nell’evento, che nasce dalla collaborazione tra Fish & Chef e (E)VENTO tra i Salici, un’associazione che organizza manifestazioni culturali per dare voce alla creatività giovanile. Nell’evento di piazza si avvicenderanno alcuni tra i migliori chef gardesani con le loro preparazioni e performances di street artist e street band. Un’occasione per conoscere i segreti dei cuochi stellati e degustare le loro specialità. A rendere possibile quest’anno la realizzazione di Fish&Chef numerosi partner come Air Dolomiti, grazie a cui sarà ancora più facile raggiungere le sponde del Garda e che organizzerà una speciale edizione di Fish & Chef in volo. Il Consorzio Tutela Vino Custoza porterà sulle tavole i suoi vini. Accanto alle paste di Monograno Felicetti, storico pastificio della Val di Fiemme nato nel 1908, non mancherà l’OlioExtra Vergine D’Oliva Ca’Rainene di Paolo Bonomelli, caratterizzato da un profondo legame con il territorio del Lago di Garda e con le sue cultivar autoctone, i prodotti Trota d’Oro, quelli della Sartori Carni. Tra i partner anche il Club Amici del Toscano, STOBAG I.S.L.A., il Caffè Omkafè di Riva del Garda (VR), il pane firmato Saporè di Renato Boscolo di San Martino Buon Albergo (VR) e i distillati EVO della Franciacorta.

Costi dei cooking show sul Garda: gratuito

Costi delle cene: 70 euro

Informazioni per il pubblico: www.fishandchef.it

Le prenotazioni per le cene e i pernottamenti devono essere effettuate direttamente negli alberghi.

Seguiteci anche sui social network: #FishAndChef – @FishAndChef

La caccia al tartufo nelle nobili terre del maniero dei Montefeltro

Da settembre 2015, nella tenuta che avvolge il millenario Hotel Castello di Petroia (PG) gli ospiti-cercatori vanno alla ricerca del prezioso fungo, per poi degustarlo alla tavola dello Chef.

 

download (3)Perugia, 27 agosto – Nelle mense di nobili e signori, già nel Medioevo – raccontano studi e aneddoti antichi – si apprezzavano le portentose proprietà del tartufo, considerato come la“quintessenza” per il piacere dei sensi. Chissà se i conti e i duchi, che hanno abitato il millenario Castello di Petroia (PG), hanno avuto il raffinato fiuto che guida oggi i cercatori di tartufo e soprattutto gli amici a quattro zampe nelle meticolose ricerche del pregiato fungo. Senza dubbio oggi, intorno a questo gioiello storico, dove Elisabetta Accomandugi diede i natali a Federico da Montefeltro, e che si erge autentico con il suo mastio dell’ XI secolo e le antiche mura del borgo medievale sulla fresca collina che si staglia sulla strada provinciale tra Gubbio e Perugia, la morfologia del terreno e la sovrabbondanza di “piante da tartufo” creano le condizioni perfette per la nascita del re della tavola umbra. Così, per mettere alla prova fiuto e abilità, i privilegiati ospiti dell’Hotel Castello di Petroia – dove ancora oggi si può vivere come signori medievali nelle 13 camere ed esclusive suite del maniero – a settembre 2015 partono al seguito dell’arguto fattore Cesare e l’inseparabile compagna Stella lungo i sentieri che si snodano nella natura che decora i 300 ettari di boschi e prati che circondano la fortezza. Cesare individua le tartufaie e lo splendido esemplare femmina di Kurzhaar (Stella) completa l’opera, scavando con estrema precisione il posto in cui si trova il più nobile prodotto della terra. Il freschissimo tartufo, che gli ospiti del Castello si divertiranno a cercare con l’infallibile coppia di cavatori, sarà poi portato nella cucina dello Chef Andrea Laurenzi, re del ristorante del maniero, che esalterà i sapori del rinomato fungo preparando piatti d’autore che saranno serviti agli ospiti-cercatori. Un’esperienza unica per quanti parteciperanno a questa particolare “caccia al tartufo”, in quanto potranno godersi anche il piacere di passeggiare nella natura più selvaggia, tra roverelle, lecci, noccioli, cerri e querce secolari, scoprendo i 19 percorsi che si snodano nel parco naturale del maestoso Castello di Petroia, dove non mancano coltivazioni di olivo e dove vige un severo rispetto per la biodiversità.

 

 

In cucina con la Tognazza

Il primo contest del brand d’autore per gli amanti della cucina. In collaborazione con VIC. Presentazione del contest giovedì 9 aprile a Velletri

 Vic_contest_Banner-620x230Roma, 4 aprile – Pronto a partire il primo contest per gli amanti della cucina organizzato dalla Tognazza, la storica azienda nata da una lungimirante idea di Ugo Tognazzi e dalla sua sfrenata passione per il cibo sano e buono. Chiamati all’appello i food blogger di Roma e dei Castelli Romani e tutti gli appassionati dei fornelli per creare una serie di ricette alternative e originali in cui poter usare e rivisitare i prodotti enogastronomici della Tognazza. Vino, olio, confetture, condimenti aromatizzati, creme, cereali e legumi, pasta e passata tutto è a disposizione dei concorrenti, che potranno decidere in libertà quale ricetta ideare e come utilizzare in modo creativo i prodotti del celebre brand, magari ispirandosi alle ricette di Ugo o a qualche piatto cinematografico. Il Contest è organizzato in collaborazione con VIC – Very Important Chef, store specializzato in attrezzature professionali per la cucina a Velletri in via Roma. E sarà proprio nella sede di VIC che verrà lanciato il contest “Cucina con La Tognazza”, giovedì 9 aprile alle ore 18 con un aperitivo per degustare le bontà che potranno essere messe in gioco dai partecipanti. Presenti gli organizzatori e Gian Marco Tognazzi, che racconterà i vari prodotti, come sono stati selezionati e le loro peculiarità. Le iscrizioni al contest partono dal 9 aprile e si chiuderanno il 15 maggio. Sarà possibile iscriversi compilando l’apposito modulo pubblicato sul sito della Tognazza e inviandolo alle mail delle segreterie organizzative ([email protected] – [email protected] ).  Partecipare è semplice, basta iscriversi, scegliere il prodotto Tognazza che più vi ispira e proporre la ricetta con foto, dosi e procedimento sulle pagine ufficiali FB della Tognazza e di VIC. Saranno i lettori stessi e gli utenti del social a decretare i finalisti con i loro like. Ma non finisce qui….Le ricette con più voti, una per categoria (antipasto, primo, secondo e dessert) formeranno un menu per la cena da realizzare nella sede storica della Tognazza a Velletri, dove i quattro cuochi provetti si sfideranno in cucina e in sala presentando le loro ricette, realizzate per questa speciale finale di gara. Gli ospiti della serata saranno i giudici finali e insieme a una giuria speciale, e decreteranno dopo aver degustato i piatti il vincitore assoluto del contest, che sarà omaggiato con un “gustoso” premio!!  Allora via alle iscrizioni e alla creatività in cucina! Il Regolamento è consultabile al link: http://latognazza.net/contest-tognazza/

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]