Gerardo Cesari: tris di Premi Internazionali

Pioggia di medaglie per la cantina di Cavaion Veronese in tre dei più prestigiosi concorsi d’oltre confine: Decanter, International Wine Challenge (IWC) e  Concours Mondial de Bruxelles 

Senza-titolo-10

Roma, 31 Maggio – Nuove soddisfazioni e riconoscimenti internazionali per la Gerardo Cesari. La pregiata cantina di Cavaion Veronese ha infatti ottenuto prestigiosi riconoscimenti al Decanter World Wine Awards, all’International Wine Challenge (IWC) e al Concours Mondial de Bruxelles. Al Concours Mondial de Bruxelles, in programma dal 29 aprile al 1 maggio 2016 a Plovdiv, in Bulgaria, la Gerardo Cesari si è vista assegnare due medaglie d’oro e due d’argento. Ad aggiudicarsi i premi, alcune delle eccellenze della produzione veronese: Amarone della Valpolicella Classico Riserva DOC “Bosan” 2007; Amarone della Valpolicella Classico DOC “Il Bosco”2009; Amarone Classico della Valpolicella DOCG 2012; Corvina Veronese IGT Jèma 2011; Una giuria composta da oltre 350 degustatori di alto livello internazionale, divisi fra giornalisti, sommelier, enologi e buyer, ha selezionato i migliori vini tra 8500 bottiglie provenienti da più di 50 Paesi. I riconoscimenti non sono mancati anche al Decanter World Wine Awards con due medaglie Argento all’Amarone della Valpolicella  DOC Classico Riserva Bosan 2007 e al Valpolicella Ripasso Superiore DOC Mara 2014. Tre invece i bronzi assegnati ad altrettanti vini: Amarone Classico della Valpolicella DOC Il Bosco 2010, Amarone Classico della Valpolicella DOCG 2012 e Valpolicella Ripasso Superiore DOC Bosan 2013. Ad aggiudicarsi la Menzione Speciale in questa importante competizione è stato invece il Lugana DOC Cento Filari 2015.  I vini del Veronese firmati Gerardo Cesari hanno conquistato anche la giuria dell’International Wine Challenge (IWC) che ha premiato l’azienda di Cavaion Veronese con tre argenti (Amarone della Valpolicella  DOC Classico Riserva Bosan 2007, Valpolicella Ripasso Superiore DOC Bosan 2013 e Corvina Veronese IGT Jèma 2011) e un bronzo al Valpolicella Ripasso Superiore DOC Mara 2014. Raccomandato invece da questo prestigioso concorso l’Amarone Classico della Valpolicella DOC Il Bosco 2010.

Cucunci: il vino dal carattere siciliano

Cucunci è un vino frizzante da uve 100% Chardonnay

Senza-titolo-9

Roma, 31 Maggio – Frizzante, aromatico, fresco e minerale. Così si presenta all’assaggio Cucunci, il nuovo vino firmato Barone Montalto. Un prodotto in cui si ritrova l’autentica anima siciliana, come racconta già il nome. Cucunci è infatti la pianta del cappero, un arbusto che vive in luoghi difficili, con pochissima presenza d’acqua. Una pianta dal carattere forte e selvaggio, simbolo della sapiente selezione delle uve e della vinificazione rispettosa delle caratteristiche naturali dei vitigni che Barone Montalto applica in ogni vino della propria produzione. Cucunci è un vino frizzante da uve 100% Chardonnay. Ideale come aperitivo, è perfetto con antipasti di mare o di verdure, grigliate di pesce e tartare, panzanella con piselli e alici marinate. Vino frizzante aromatico e piacevole, presenta un’acidità fresca e un aroma di frutti gialli e mela verde. La sua rinfrescante mineralità regala una sfumatura finale molto piacevole e prolungata. Si consiglia di servirlo a 10°- 12° C.

Nuova televisione Intesa strategica tra Vaticano e HD Forum Italia

Lo speciale video di Key4biz

Senza-titolo-8

Roma, 31 Maggio – I media vaticani, su richiesta di Papa Francesco, stanno attraversando un importante processo di trasformazione. Ed è proprio in questo percorso che si colloca l’intesa strategica siglata tra la Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede e l’Associazione HD Forum Italia (HDFI). La partnership è stata presentata lo scorso 12 maggio in Vaticano durante una conferenza stampa a cui hanno partecipato: mons. Dario Edoardo Viganò (Prefetto della Segreteria per la Comunicazione), Benito Manlio Mari (presidente HD Forum Italia), Stefano D’Agostini (direttore CTV), e Alfredo Bartelletti (presidente SMPTE Italia). L’accordo si concretizzerà, tra l’altro, nella promozione congiunta della tradizionale conferenza dell’Associazione HDFI che quest’anno festeggia il suo decimo compleanno. L’appuntamento, dal titolo “Passaggi: comunicazione e tecnologie oltre le frontiere“, avrà luogo il 6 e il 7 ottobre presso il Media Center ‘San Pio X’, struttura vaticana in Via della Conciliazione a Roma. Durante la presentazione è stato proiettato “Behind-the-scenes”, innovativo reportage in Ultra HD/HDR sul backstage della cerimonia d’apertura della Porta Santa, avvenuta l’8 dicembre 2015, che proprio domani sarà al centro dell’intervento di Benito Manlio Mari al workshop sull’HDR organizzato a Ginevra dall’European Broadcasting Union (EBU). Un lavoro che mons. Viganò, con visibile commozione, ha definito “affascinante”. Viganò, inoltre, ha lasciato intravedere altri progetti futuri, frutto della partnership: “Per l’edizione 2017 dell’evento HD Forum Italia mi piacerebbe un documentario mondiale che racconti la fascinosa città sotterranea vaticana. Mi piacerebbe che a narrare questa storia ci fosse un attore del calibro di Colin Firth o Morgan Freeman. Sotto la Basilica, dove è sepolto Giovanni Paolo II, c’è un mondo fatto di grande bellezza che possiamo far vedere a tutti con la straordinaria tecnologia che abbiamo a disposizione”.

Arriva in Italia Comfort wash 360, il rivoluzionario sistema per lavare gli animali domestici

Comfort wash 360 è accompagnato anche da un guanto in microfibra, per lavare con delicatezza ed efficacia il nostro amico animale, e da un tubo da collegare agli impianti da giardino 

Senza-titolo-7

Fermo, 31 maggio 2016 – Grosse novità in arrivo per gli animali domestici italiani. È disponibile da oggi anche in Italia infatti il rivoluzionario sistema, divertente, comodo e salutare per lavare i nostri amici animali. Si tratta di Comfort wash 360 (www.comfortwash360.com), un sistema di lavaggio casalingo composto da un anello che collegato al rubinetto eroga dei getti d’acqua controllati lungo tutto il corpo del cane, o di un qualsiasi altro animale domestico, permettendo così sia il lavaggio con il sapone, grazie al dispenser integrato, che il successivo risciacquo. Questo innovativo strumento di lavaggio dei propri animali oltre ad essere di facile di utilizzo, evita i fastidiosi schizzi di sapone e acqua, lava in maniera accurata, ed è un massaggio molto piacevole per gli animali. Probabilmente l’aspetto più interessante di Comfort Wash 360 è quello evidenziato dagli esperti: usandolo per la shampoo therapy (il trattamento detergente di cute e manto sensibilizzati che prevede anche lavaggi frequenti) si riduce al minimo lo strofinamento e quindi l’ulteriore sensibilizzazione della pelle. Inoltre il getto di acqua localizzata è di grande aiuto nell’operazione di lavaggio vicino alle orecchie evitando che l’acqua entri accidentalmente nei condotti auricolari durante il bagno, perché l’acqua è una delle principali cause di fastidiose otiti, infezioni e relative cure antibiotiche. Comfort wash 360 è accompagnato anche da un guanto in microfibra, per lavare con delicatezza ed efficacia il nostro amico animale, e da un tubo da collegare agli impianti da giardino che, grazie ad un adattatore, si può utilizzare in ambienti domestici con acqua tiepida o calda. Il prezzo del Comfort wash 360 è molto accessibile, a partire da soli 27,90€, ed il rischio di usare questo nuovo sistema è solo uno e cioè che i padroni, pur di divertirsi ad usare questo nuovo aggeggio si facciano prendere la mano e fare il bagno un po’ troppo spesso ai propri amici: ricordiamo infatti che gli esperti sconsigliano il lavaggio dei nostri animali domestici più di una volta al mese. Per ulteriori informazioni su questo nuovo e facile sistema di lavare i propri animali si può visitare il sito web www.comfortwash360.comvisionare il sito di Youtube www.youtube.com/watch?v=LZu2ALaO0EU o cercare sui social il profilo di Comfortwash360 e l’hashtag #cw360

Colsole: il gusto “tipico italiano” di mangiare bene si acquista online

L’offerta da oggi si è ampliata con l’aggiunta delle categorie “Olio” e “Dolcezze” e anche il bouquet dei vini è stato completato con una serie di spumanti, di rossi e di bianchi di alta qualità

Senza-titolo-6

Milano, 31 maggio 2016 – Dal cuore delle colline piacentine al top dei prodotti enogastronomici italiani offerti in tutta Italia e nel mondo: è questo il percorso compiuto da Colsole che, partita nel 2014 con un’attenta e selezionata offerta di salumi e formaggi tipici dei colli piacentini propone oggi al mondo, tramite il negozio online shop.colsole.com, una grande varietà di prodotti tipici, perfetta per soddisfare le esigenze di chi è alla ricerca dei sapori autentici e genuini italiani. L’offerta da oggi si è ampliata con l’aggiunta delle categorie “Olio” e “Dolcezze” e anche il bouquet dei vini è stato completato con una serie di spumanti, di rossi e di bianchi di alta qualità. Colsole firma così la sua capacità innovativa, mantenendosi sempre nel solco di una tradizione che la vede impegnata ad offrire al mercato solo prodotti selezionati, in partnership con una serie di piccole aziende che producono con metodi tramandati di padre in figlio, ma che controllano la filiera con tecnologie all’avanguardia. L” e-commerce rinnovato rende da oggi fruibile lo shop anche su mobile, sia smartphone che tablet, con un’esperienza di navigazione e di ricerca più friendly, che sarà presto anche multilingue per consentire l’accesso al mercato internazionale, e con la possibilità di iniziare la procedura d’acquisto on-line dei prodotti anche senza registrazione preventiva. Sono poi state studiate alcune abbinate di prodotti, che permettono di combinare particolari specialità di eccellenza per sperimentare gusti e sapori da veri gourmet. L’acquisto diretto è inoltre già attivo dalla pagina Facebook https://www.facebook.com/colsole/app/156393791048177/, mentre a breve sarà implementata la connessione di shop.colsole.com con altri importanti canali di emarketplace. Il nuovo shop online è stato realizzato dall’agenzia di comunicazione Roger con l’ausilio di una tecnologia Saas che ha permesso di ridurre drasticamente i tempi ed i costi di realizzazione.

Riforma costituzionale: per D’Attorre sono molte le criticità che minano la riforma

D’Attore: “Io penso che la non elezione diretta del Senato sia inaccettabile nel quadro complessivo che delineano la riforma costituzionale Renzi-Boschi e la nuova legge elettorale.”

Senza-titolo-5

Roma, 31 maggio 2016 – L’on. Alfredo D’Attorre, deputato di Sinistra Italiana, in un’intervista rilasciata alla redazione di  Pro\Versi (www.proversi.it), mette in luce le principali criticità della nuova Riforma costituzionale, oggetto del referendum previsto per l’autunno prossimo. Non sono certo i principi di fondo che hanno condotto alla revisione della seconda parte della Costituzione a suscitare l’opposizione dell’on. D’Attore, sui quali è sostanzialmente d’accordo: dalla necessità di una riforma del bicameralismo a quella di riformare il “cattivo intervento sulla Costituzione che c’è stato nel 2001”. Sono, invece, le modalità di elaborazione di tale riforma: “fatta in maniera frettolosa,arrogante e scritta anche molto male”, e le conseguenze indirette, che evidenziano interventi poco meditati, soprattutto in relazione alla nuova legge elettorale. In riferimento alla questione se sia accettabile o no un Senato non eletto direttamente dai cittadini, l’on. D’Attore afferma: “Io penso che la non elezione diretta del Senato sia inaccettabile nel quadro complessivo che delineano la riforma costituzionale Renzi-Boschi e la nuova legge elettorale. Le due cose sono strettamente collegate […] Questa nuova riforma elettorale, nel momento in cui si congiunge a un nuovo Senato, molto pasticciato, peraltro, nella sua composizione e nelle sue funzioni, che non sarà eletto direttamente dai cittadini, crea un problema democratico serio”. “Sarebbe stato preferibile davvero andare verso un sistema monocamerale, anziché mantenere in vita un Senato […] che servirà semplicemente a un po’ di consiglieri regionali e sindaci, scelti non dai cittadini ma dai partiti, di godere dell’immunità parlamentare”. Alla domanda se questa riforma riconduca il Senato al ruolo di rappresentanza degli enti locali e delle Regioni, l’on. D’Attorre afferma: “sarei stato favorevole a una vera riforma del bicameralismo che creasse un’autentica Camera delle Autonomie, in cui gli Enti locali principali, le Regioni, le città metropolitane, fossero direttamente rappresentate, sul modello […] del Bundesrat tedesco”, ma le proposte di modifica in questo senso sono state respinte dalla stessa ministra Boschi, poiché “l’accordo del Nazareno, l’accordo con Berlusconi […]prevedeva una diversa modalità di elezione dei senatori”. Ora ci troviamo di fronte a un “ibrido di nuovo Senato”, che “alla fine non è stata neppure votata da Forza Italia”, e che non aiuta ad avere una vera rappresentanza delle autonomie territoriali. Alla tesi secondo la quale il fatto che il Senato non possa revocare la fiducia al governo rafforzi pericolosamente il potere dell’esecutivo, l’on. D’Attorre risponde: “non sono affatto contrario a un sistema in cui sia soltanto la Camera dei deputati a dare la fiducia a un governo: il confronto, qui, non è tra sostenitori e avversari del bicameralismo”, il problema sta nella natura del nuovo Senato e della nuova legge elettorale, con il suo “abnorme” premio di maggioranza: “con l’Italicum il rischio è che un solo partito che magari al primo turno ottiene meno del 20% dei voti, al ballottaggio […] potrebbe tranquillamente vincere le elezioni, e quel suo 18/20% di voti si trasforma in un 54% di seggi alla Camera”. “Quindi, un partito che non ha neppure un quinto della rappresentanza degli elettori che votano […] avrebbe da solo la maggioranza assoluta alla Camera e il controllo totale sul governo, con la possibilità di potersi eleggere quasi da solo anche gli organi di garanzia. È un sistema che garantisce una vera rappresentanza democratica? Io credo di no”. In riferimento all’art. V della Costituzione, alla domanda se sia giusto ricondurre in capo allo Stato una serie di competenze al fine di arginare la cattiva gestione di alcune amministrazioni locali, il deputato di Sinistra Italiana afferma: “l’obiettivo di questa parte della riforma, quella sul Titolo V, era gusto e condivisibile, ma il modo in cui è stato portato avanti tradisce un tratto di fondo di tutta la riforma Renzi-Boschi, fatta in maniera frettolosa, arrogante e scritta anche molto male”. “Il modo in cui questa riforma è stata scritta, non solo contiene in sé il rischio di un eccesso di centralismo, opposto speculare rispetto all’errore fatto nel 2001, ma […] rischia di riaprire di fronte alla Corte Costituzionale un conflitto di attribuzione tra Stato e Regioni che, nel corso di questi 15 anni […] la Corte Costituzionale, attraverso una serie di sentenze, era riuscita a dirimere”. Per vedere la video intervista visitare la pagina www.proversi.it/multimedia/details/25.

RiminiWellness ribalta internazionale

[AdSense-A]

La manifestazione riferimento dei settori fitness, benessere e sport anche oltre confine. Importanti arrivi business da Danimarca, Finlandia, Grecia, Norvegia, Polonia, Russia, Serbia, Spagna, Turchia, Ungheria e Uzbekistan

di Kat

Senza-titolo-4

Rimini, 31 maggio 2016 – Ribalta mondiale per RiminiWellness, assurta a crocevia del business di settore. La manifestazione di Rimini Fiera calamiterà centinaia di operatori, buyers e presenter esteri. Importanti arrivi business proveranno in particolare da Danimarca, Finlandia, Grecia, Norvegia, Polonia, Russia, Serbia, Spagna, Turchia, Ungheria e Uzbekistan. Migliaia anche i visitatori che scenderanno fra i padiglioni da oltre confine. Gruppi organizzati sono attesi  da Spagna, Bulgaria, Ungheria, Serbia. Solo online sono stati acquistati biglietti da 50 Paesi diversi: in testa Russia e Svizzera. Un risultato importante, frutto di progetti rivolti proprio ai mercati esteri che sono stati condotti negli ultimi mesi e che in fiera culmineranno con la collaudata piattaforma on line di businness meeting che consente, solo agli espositori, di fissare incontri nel periodo precedente la manifestazione. Nel dettaglio, per RiminiWellness 2016 è stata portata avanti una promozione all’estero rivolta sia al B2C che al B2B. In particolare, la promozione B2C è stata indirizzata verso le principali palestre e fitness club di numerosi paesi dell’area UE e dei Balcani e tramite i media specializzati dei Paesi di riferimento. La promozione B2B si è concentrata maggiormente sulle nazioni in cui il settore si mostra più dinamico e produrrà la discesa a Rimini di importatori diretti, in qualità di buyer ufficiali.

“Tredici martedì” con sant’Antonio “Perdonare le persone moleste” è un atteggiamento attivo che richiede coraggio

Penultima opera di misericordia nel giorno di avvio della Tredicina

Senza-titolo-3

Roma, 31 Maggio – Penultimo appuntamento del percorso di preghiera e meditazione dei “Tredici martedì”, che con oggi segnano l’inizio dellaTredicina di sant’Antonio. “Perdonare le persone moleste”, la video-meditazione odierna, affidata a padre Antonio Bertazzo, affronta il tema del perdono del nostro prossimo, anche di chi si comporta in modo avverso nei nostri confronti. «Un atteggiamento di carità impegnativo, se pensiamo al contesto in cui viviamo, dentro al quale l’aggressività è spesso una realtà quotidiana che ci fa assumere un atteggiamento difensivo verso l’altro – spiega il francescano – Siamo meno disposti al perdono e più facilmente a dare in cambio la stessa moneta. Antonio ha parole forti con i potenti che esercitano soprusi verso i poveri, tuttavia sa cosa vuol dire la mitezza». Perdonare e pazientare con coraggio di fronte a comportamenti avversi, all’inimicizia, alle offese è un atteggiamento attivo e non di sottomissione. Seguendo l’esortazione di san Paolo a non lasciarsi vincere dal male ma a vincere il male con il bene, «possiamo sopportare le persone moleste guardando con misericordia, a imitazione del Cristo, il cuore di ogni persona, al di là di atteggiamenti e gesti molesti, offensivi e sgradevoli». Con l’avvio della Tredicina cambiano gli orari di trasmissione dello streaming web dalla Basilica: oggi e martedì prossimo la diretta streaming inizierà alle 17.25 con la preghiera della Tredicina dalla Tomba del Santo, per proseguire alle 18 con lasanta Messa dall’altare maggiore

Elezioni Latina: il PCdI non sarà presente con il suo simbolo e i suoi candidati

L’impossibilità di raggiungere un accordo con liste antagoniste al centrodestra, ha prodotto una situazione che risente della propaganda anticomunista.

Senza-titolo-2

Roma 31 Maggio – Il simbolo del PCdI non sarà presente alle elezioni comunali di Latina il prossimo 5 Giugno. Né saranno presenti candidati del Partito Comunista d’Italia o di area, confusi in liste civiche. L’impossibilità di raggiungere un accordo con liste antagoniste al centrodestra, ha prodotto una situazione che risente della propaganda anticomunista, ormai attecchita in settori sedicenti progressisti, volti ad attirare voti “moderati, né di destra né di sinistra”. Come sempre siamo contrari all’astensionismo ed alla scheda bianca. All’area di elettori, avversa ai dilettanti della politica, vicina alla Sinistra Comunista con cui condivide i temi della difesa del lavoro e dell’occupazione per chi ne è escluso, nonché della salvaguardia dei diritti sanciti dalla Costituzione Repubblicana, chiediamo di individuare e votare quei candidati che con coerenza e determinazione conducono tali battaglie nei posti di lavoro.

Dall’Opera al Libro, dal Libro all’Opera Ezio Gribaudo e i maestri del Novecento

Palazzo Corvaja, Taormina  – 19 Luglio – 16 Ottobre 2016

 Senza-titolo-1

Roma, 31 Maggio – Dal 19 luglio al 16 ottobre 2016, Palazzo Corvaja di Taormina ospita la mostra Dall’Opera al Libro, dal Libro all’Opera. Ezio Gribaudo e i maestri del Novecento, nata dalla collaborazione tra Taobuk Taormina International Book Festival e Artelibro Festival del Libro d’Arte. L’esposizione, che anticipa la VI edizione di Taobuk (10-16 settembre 2016), il festival delle Belle Lettere fondato e diretto da Antonella Ferrara e Franco Di Mare, è un viaggio tra i protagonisti del XX secolo attraverso l’ampia e variegata raccolta iniziata nei primi anni Sessanta dall’artista ed editore d’arte Ezio Gribaudo. Ezio Gribaudo (Torino, 1929) si è misurato in prima persona e con successo con la sperimentazione pittorica, scultorea e grafica, ma grazie alla sua lunga e fertile attività di editore d’arte prima con Le Edizioni d’Arte Fratelli Pozzo e poi con Fabbri Editori, e alla sua passione per il collezionismo, ha saputo creare e mantenere un attivo e prolifico dialogo con le personalità artistiche più importanti del XX secolo. Una fitta rete relazionale di frequentazioni e sinergie che ha suggerito di inquadrare la progettualità dell’intellettuale piemontese nel concept dell’edizione 2016, dedicata ad un tema – “Gli Altri” – che postula la necessità dell’apertura, del confronto. E nell’atteggiamento verso l’alterità, rileva in Ezio Gribaudo la predisposizione a coltivare una blasonata pluralità di contatti, maturata e mantenuta nel tempo, alla ricerca dell’altro e dell’altrove. Le opere in mostra presenteranno un notevole spaccato del contesto culturale e artistico del Novecento, grazie alle relazioni con grandi artisti di cui Gribaudo fu amico, editore e collaboratore, quali Lucio Fontana, Giorgio De Chirico, Hans Hofmann, Hans Hartung, Joan Mirò, Henry Moore, Francis Bacon, Graham Sutherland, Renato Guttuso, Fernando Botero, Jean Dubuffet, Man Ray, Conrad Marca-Relli. Straordinaria la raccolta di opere, disegni, fotografie, documenti e testimonianze raccolti da Gribaudo nel corso della sua vita, parte dei quali saranno esposti in mostra, accanto ai libri che contribuì a creare a partire dal 1960, tra i quali le Grandi Monografie Fabbri, dedicate a personalità del calibro di Alberto Burri, David Alfaro Siqueiros, Willem de Kooning, Louise Nevelson. Su iniziativa di Gribaudo, alcune copertine furono concepite come interventi artistici inediti degli artisti, come il Taglio realizzato da Lucio Fontana per la copertina della monografia a lui dedicata e scritta dal critico Michel Tapié, o i progetti di Pierre Alechinsky, Hans Hofmann, Hans Hartung, Graham Sutherland, Antoni Tàpies, solo per citarne alcuni. La mostra raccoglierà anche alcune opere d’arte realizzate dallo stesso Ezio Gribaudo e dei suoi libri d’artista, una delle forme-oggetto a lui più care, alcuni dei quali in esemplare unico con aforismi inediti di Antonio Tabucchi e altri in edizione limitata, tra cui Lo Scultore di carta del 1975, Logogrifi realizzato con il raffinatissimo editore Vanni Scheiwiller nel 1970, fino alle recenti Avventure di Pinocchio realizzate da Tallone nel 2014. A concludere il percorso, la proiezione del breve documentario su Ezio Gribaudo La Magia bianca di Marco Agostinelli, prodotto nel 2015.

Paola Gribaudo. Libri e librini

In esposizione saranno presenti anche alcuni dei piccoli volumi che costituiscono la Collana Disegno Diverso, ideata da Paola Gribaudo, figlia di Ezio e sua più fidata collaboratrice fin da giovanissima, e alcuni dei libri più significativi da lei realizzati nel corso di 35 anni di attività, tra cui l’ultimo, il n. 1000, che racconta la sua personale avventura editoriale. In conclusione della mostra parte dei volumi esposti curati da Paola Gribaudo saranno donati alla Biblioteca Comunale S. Agostino di Taormina. www.paolagribaudo.org. In occasione della mostra sarà presentato il catalogo Dall’Opera al Libro, dal Libro all’Opera. Ezio Gribaudo e i maestri del Novecento. Paola Gribaudo, libri e librini, edito da Gli Ori. Un’edizione speciale che non solo documenta l’esposizione ma offre anche una lettura sull’editoria d’arte attraverso la storia di Ezio e Paola Gribaudo.

Taormina International Book Festival

Proseguendo la storica vocazione di Taormina come culla dell’incrocio di culture e della Bellezza, il Festival Taobuk ha restituito alla città il primato di capitale delle Belle Lettere. Protagonisti della letteratura mondiale e dell’arte, del giornalismo e delle istituzioni si ritrovano a Taormina guardando a temi cardine dell’attualità da un osservatorio privilegiato. Con un programma ricco di grandi mostre e progetti innovativi, la kermesse si svolge grazie al sostegno del Comune di Taormina e della Regione Siciliana, con il concorso di autorevoli partner privati come l’Associazione Albergatori di Taormina www.taobuk.it

Artelibro Festival del Libro d’Arte

Dalla sua fondazione nel 2003 e per le sue undici edizioni successive, Artelibro ha trasformato Bologna nella capitale del libro d’arte contemporaneo, antico e di pregio, coinvolgendo tutte le più importanti istituzioni cittadine, pubbliche e private, nell’organizzazione di mostre, conferenze, laboratori didattici e incontri professionali, oltre alla grande mostra mercato di Palazzo Re Enzo, sua sede principale. Oggi l’obiettivo di Artelibro è quello di patrocinare nuove iniziative e partnership su tutto il territorio nazionale. www.artelibro.it

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]