Connect with us
Azzera la bolletta

Italia

GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. ‘WALL OF DOLLS’ DIVENTA UN DOCUMENTARI

Published

on

Tempo di lettura: 3 minuti

[AdSense-A]

 

Comune di Milano e Associazione ‘Fermati Otello’ insieme per sensibilizzare. Tajani: “Un’iniziativa importante per diffondere rispetto e una nuova cultura del rapporto tra i generi”

 

senza-titolo-11

In occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne del prossimo 25 novembre, il Comune di Milano e l’associazione ‘Fermati Otello Onlus’ saranno insieme per promuovere la cultura del rispetto della donna. Venerdì, infatti, presso lo Spazio Oberdan Cineteca Italiana di Milano verrà proiettato in anteprima a Milano il docu-film WALL OF DOLLS – Il Muro delle Bambole contro il femminicidio”, realizzato da Jo Squillo.

Il documentario, reduce dal successo alla Festa del Cinema di Roma 2016, ha come protagonista la storia e il mondo di Wall of Dolls di Milano, l’installazione realizzata nel 2013 da 50 stilisti, 20 artisti e 30 associazioni no profit sul muro di via De Amicis, nel centro della città, contro la lotta al femminicidio e alla violenza sulle donne.

“E’ significativo che i protagonisti del mondo della moda, della musica e dello spettacolo abbiano deciso di spendere il proprio nome per una causa così importante, anche alle luce dei recenti fatti di cronaca. Fatti che dimostrano come ci sia ancora molto da fare per contrastare la violenza sulle donne ed ogni discriminazione di genere – ha commentato l’assessore Tajani –. Violenza che avviene soprattutto tra le mura domestiche ed è quindi nascosta. È necessario che tutti, e in primo luogo chi è più conosciuto al grande pubblico, apporti il suo contributo per sensibilizzare le nuove generazioni ad una cultura del rispetto e della parità tra i generi”.

“Dall’inizio dell’anno ci sono già stati oltre ottanta casi di femminicidio in Italia – ha dichiarato la consigliera Vasile –, un numero che ci allarma e ci addolora, a cui si vanno sommare i casi di violenza domestica e maltrattamenti in famiglia. Le nostre parole d’ordine sono sensibilizzare, prevenire, educare, spiegare per riflettere sul fenomeno e arginarlo”.

“È una bellissima iniziativa, che noi sosteniamo a pieno – afferma Francesca Savoldini, Presidente di ‘Fermati Otello’ –. Il nostro impegno nelle scuole continua anche quest’anno con i corsi alla prevenzione della violenza di genere. Ci piacerebbe portare il docu-film di Jo Squillo tra i più giovani e proprio per questo abbiamo invitato alcune classi delle superiori alla proiezione”.

Il docu-film, della durata di 40 minuti, verrà proiettato venerdì 25 novembre, presso lo Spazio Oberdan Cineteca Italiana di Milano, viale Vittorio Veneto 2, dalle ore 18.45.

All’anteprima, che sarà presentata da Jo Squillo e avrà il patrocinio del Comune di Milano, parteciperanno oltre a Cristina Tajani, assessore alle Politiche del Lavoro, Attività Produttive e Commercio, anche la consigliera Angelica Vasile, Presidente della Commissione Politiche Sociali, Francesca Savoldini, Presidente dell’associazione ‘Fermati Otello Onlus’, Valentina Pitzalis, testimonial di Wall of Dolls e Presidente dell’associazione Fare Per Bene, Marianella Rognoni rappresentante Unione Donne in Italia (UDI).

Il Muro delle Bambole è divenuto simbolo dell’impegno della città meneghina nella lotta contro il femminicidio e la violenza sulle donne. Nel corso della serata del 25 novembre Wall of Dolls, l’Associazione Fermati Otello Onlus e il Comune di Milano lanceranno l’iniziativa ‘Un muro delle Bambole per ogni Municipio di Milano’, per invitare tutti i cittadini e le associazioni milanesi a costruire il proprio muro delle bambole in ognuno dei nove Municipi, come testimonianza capillare e duratura dell’impegno per il rispetto delle donne.

Print Friendly, PDF & Email
Apollo Mini Fotovoltaico
Serratore Caffè