Connect with us

Italiani nel Mondo

Le squadre di calcio di origine italiana nel mondo – Football Clubs of Italian origin around the world

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 11 minuti

di emigrazione e di matrimoni

Le squadre di calcio di origine italiana nel mondo

L’arrivo di immigrati dall’Italia e altri paesi europei ha portato alla formazione di società sportive delle varie comunità di immigrati

Nell’ultimo articolo (Lo sport che creava discriminazioni – The sport that created discrimination) ho parlato del calcio in Australia e come, nel corso degli anni, era la fonte di discriminazione verso gli immigrati, e non solo italiani, in quel paese. E ora allora vorrei fare una breve carrellata di squadre famose di calcio con legami con le comunità italiane in altri paesi.

Vorrei dire che queste discriminazioni verso lo sport, il più popolare del mondo, che il grande Pelé definì “the Beautiful Game” (il Gioco Bello), non erano la norma in molti altri paesi, ma ci potrebbero essere almeno due paesi dove questo accadeva.

Anzi, in un continente particolare, le società di origini italiane, e in modo particolare i giocatori di queste squadre, hanno svolto un ruolo importante nello sviluppo dello sport a livello mondiale e i lettori troveranno i nomi di alcuni delle società e i giocatori più importanti dello sport a livello internazionale.

Purtroppo lo spazio non ci permette di fare più di un breve accenno alla Storia di queste società, e quindi invitiamo i nostri lettori in questi paesi, e naturalmente anche altri paesi, a inviare la Storia delle squadre di origini italiane nei loro paesi all’indirizzo email in fondo all’articolo perché il calcio è stato parte integrale dello sviluppo di queste comunità di immigrati italiani.

Ex Colonie

Partiamo da due paesi importantissimi per l’emigrazione italiana dove, come l’Australia, il calcio non è mai stato considerato parte fondamentale della vita degli autoctoni che invece avevano sviluppato sport professionali importanti che, con un’eccezione, non si sono mai espansi in giro per il mondo ai livelli del calcio.

Come l’Australia, gli Stati Uniti d’America e il Canada furono creati da ex-colonie britanniche. E, come il continente australe, hanno sviluppato i propri sport che sono diventati le passioni principali di questi paesi. Uno di questi è la pallacanestro che ha un seguito mondiale, ma che ha sempre gli USA come il suo centro di gravità. Ma gli altri sport autoctoni come il football americano (Gridiron), per cui in questi paesi, compresa l’Australia con il football australiano, il nostro calcio generalmente si chiama “soccer” e non “football” in inglese, il baseball e l’hockey su ghiaccio (in modo particolare in Canada e alcuni stati americani) sono gli sport di squadra professionisti più importanti.

L’arrivo di immigrati dall’Italia e altri paesi europei ha portato alla formazione di società sportive delle varie comunità di immigrati. Purtroppo nelle ricerche online per questo articolo abbiamo trovato poche tracce di queste società e quindi chiediamo ai lettori di farci sapere di più di queste società per altri articoli nel futuro.

Nel frattempo possiamo nominare le società in questi paesi che abbiamo trovato. Naturalmente negli Stati Uniti una di queste società si trova a Brooklyn di New York, con il “Brooklyn Italians Soccer Club”. Nel corso degli anni questo club ha avuto diversi nomi, come il “Brooklyn Dodgers”, ma sempre con colori sociali che hanno fatto riferimento alla bandiera italiana, oppure la casacca della nazionale italiana. Un’altra società con origini italiane è il San Francisco Italian Athletic Club.

In Canada i club italiani che sono riuscito ad identificare sono il Toronto Italia, Winnipeg Lucania, Vaughan Azzurri e Calabria Eagles di Toronto.

Mentre batto queste parole mi domando se anche i nostri parenti e amici in questi due paesi hanno subito discriminazioni a causa dello sport come in Australia, e mi auguro che qualcuno di loro potrà darci informazioni di queste esperienze, sia nel bene che nel male.

Però, c’è un continente dove il calcio è indubbiamente lo sport più importante e quindi società delle locali comunità italiane sono diventate importanti fornitrici di giocatori di fama mondiale.

Sud America

In ordine strettamente alfabetico iniziamo con il paese dove circa la metà della popolazione ha origini italiane ed inoltre più di un milione di nostri concittadini sono registrata all’AIRE (l’Anagrafe degli Italiani residenti all’Estero), l’Argentina.

Durante le cronache della recente scomparsa di Diego Maradona abbiamo visto sulla sua bara la maglia della sua prima società, il Boca Juniors, una società che ha origini italiane.

Formata nel 1913 da immigrati italiani, la società ha come sede il quartiere di La Boca della capitale Buenos Aires. La società è tra le più decorate non solo dell’Argentina ma anche del continente, avendo vinto tutti i trofei disponibili. Oltre a Maradona i suoi giocatori storici comprendono anche Silvio Marzolini, Antonio Roma, Martin Palermo e Sebastian Battaglia. I nomi non sono scelti a caso, ma per via dei loro cognomi che dimostrano chiaramente i legami con l’Italia.

Inoltre, il Boca Juniors ha una rivalità storica per cui i loro scontri sono descritti come il “Superclásico”, e, considerando la nostra tendenza di formare gruppi era quasi inevitabile che anche l’altra società di questa rivalità sportiva fosse italiana, il River Plate.

Il River Plate fu fondato nel 1901 dalla fusione del Rosales, un club di marinai inglesi, ed il Santa Rosa, un club di ragazzi di origini genovesi, e prese il nome del grande fiume locale il Rio de la Plata, cioè River Plate in inglese. Il bianco e il rosso delle casacche sono i colori sia della città di Genova che della bandiera di san Giorgio d’Inghilterra. Come il Boca Juniors il River Plate ha avuto una serie impressionante di giocatori importanti tra i quali si trovano Hernan Crespo, Ubaldo Fillol, Daniel Passarella ed il grandissimo Alfredo Di Stefano.

Un’altra società di origini italiane è il Club Atlético Vélez Sarsfield nato nel 1910, anch’esso in Buenos Aires, che ha avuto giocatori importanti come il portiere paraguaiano José Luis Chilavert, Diego Simeone, Oscar Ruggeri e Carlos Bianchi.

L’altro paese sudamericano con una grandissima comunità italiana è il Brasile e anche qui le società italiane hanno prodotto giocatori importanti, anche se i soprannomi utilizzati per loro possono nascondere le loro origini.

Nel 1914 a San Paolo nacque il club “Palestra Italiana”, ma con l’entrata in guerra del Brasile nel 1942 con gli alleati, la legge brasiliana costrinse il club a cambiare nome  a quello con cui ora è conosciuto, il Palmeiras. Bastano quattro nomi per capire la grande tradizione calcistica di questa società, Rivaldo, Roberto Carlos, Emerson Leao e Luis Pereira.

Un’altra società brasiliana con legami italiani è il Cruzeiro di Belo Horizonte nato nel 1921 che non solo ha vinto molti trofei ma ha fornito famosi come Dida, Roberto Profumo, Tostao e Ronaldo.

E questi sono solo pochi esempi di club italiani nel Brasile.

Anche il Cile ha almeno una squadra italiana, l’’Audax Italiano. Il club è stato fondato da italiani emigrati a Santiago nel 1910 come  l’Audax Club Ciclista Italiano, per poi diventare club sportivo negli anni Venti. E nel 2007 il club tricolore sul petto dei cileni ha anche preso parte alla Libertadores. Tra i suoi giocatori c’erano anche Claudio Borghi e Salvador Cabanas.

Infine dobbiamo nominare il primo paese a vincere la Coppa del Mondo e l’altro grande rivale dell’Argentina, l’Uruguay.

Di nuovo vediamo un club originariamente fondato da inglesi nel 1891come Central Uruguay Railway Cricket Club, un riflesso del nome ufficiale del primo club di calcio in Italia, il Genoa Football and Cricket Club che ancora milita nella nostra Serie A.

Ma nel 1913, in seguito a un litigio enorme all’interno della dirigenza, il club prese un altro nome basato sul paese d’origine di alcuni suoi nuovi dirigenti José Pedro Damiani, Washington Cataldi e Gastón Guelfi, precisamente Pinarolo in Piemonte. Ora il club si chiama Club Atletico Peñarol che nei decenni da allora ha vinto tutti i trofei più importanti, nazionali, continentali e internazionali. Tra i suoi giocatori ci sono stati vincitori di mondiali come Juan Schiaffino, Alcides Ghiggia e Victor Rodriguez Andrade, come anche Pablo Montero.

Da questa brevissima carrellata di dati e nomi vediamo che i nostri parenti e amici sportivi all’estero hanno lasciato un segno importantissimo non solo nei loro paesi di residenza, ma anche nello sport mondiale con tutti i trofei mondiali di club oltre ai trofei nazionali in tutti i paesi.

Ma, come altri aspetti della Storia dell’Emigrazione italiana, sappiamo davvero pochissimo dei dettagli di queste imprese ed è per questo che invitiamo di nuovo i nostri lettori a inviarci le loro storie ed esperienze, e non solo sportive, a: gianni.pezzano@thedailycases.com

di emigrazione e di matrimoni

Football Clubs of Italian origin around the world

The arrival of immigrants from Italy and other European countries led to the formation of sports clubs of the various immigrant communities.

In the previous article (Lo sport che creava discriminazioni – The sport that created discrimination) I wrote about football/soccer in Australia and how it was the source of discrimination towards migrants, and not only Italians, in that country over the years. So now I would like make a brief roundup of famous football teams with links to Italian communities in other countries.

I would like to say that this discrimination towards the world’s most popular sport that the great Pele described as the “Beautiful Game” was not the norm in many other countries but there may be at least two countries where this may have been the case.

In fact, in one particular continent teams of Italian origin, and especially players from these clubs, played a major role in the development of the sport worldwide and the readers will find the names of some of the most important clubs and players internationally.

Unfortunately, space does not allow us to make more than a brief mention of the history of these clubs and therefore we invite our readers in these countries, and of course in other countries, to send in the history of their teams of Italian origin in their countries to the email address at the end of the article because football was an essential part of the development of these communities of Italian immigrants.

Former Colonies

We start from two very important countries for Italian migration where, like Australia, football was never considered an essential part of the lives of the natives who had developed major professional sports that, with one exception, never spread around the world to the same levels as football.

Like Australia, the United States of America and Canada were created from former British colonies. And like the southern hemisphere country/continent developed their own sports which became the main passions of these countries. One of these was basketball which has a worldwide following but has always had the USA as its centre of gravity. But the other native sports, such as American football/gridiron (which is the reason that in these countries, including Australia with Australian Rules football, our football is called “soccer”), baseball and ice hockey (especially in Canada and some American states) are the most important professional team sports.

The arrival of immigrants from Italy and other European countries led to the formation of sports clubs of the various immigrant communities. Unfortunately, the research for this article we found few traces of these clubs online and therefore we ask our readers to let us know more about these clubs for future articles.

In the meantime we mention some examples of clubs that we found in these countries. Of course, in the United States one of these clubs is found in New York’s Brooklyn with the “Brooklyn Italians Soccer Club”. Over the years this club has had a number of names, such as “Brooklyn Dodgers”, but always with team colours that refer to the Italian flag or the shirt of Italy’s national team. Another team with Italian origins is the San Francisco Italian Athletic Club.

In Canada the Italian clubs I managed to identify are the Toronto Italia, Winnipeg Lucania, Vaughan Azzurri and Calabria Eagles of Toronto.

While I type these words I wonder if any of our relatives and friends in these two countries suffered discrimination due to the sport as happened in Australia and I hope that some of them will be able to send us information of these experiences, both good and bad.

However, there is a continent where football is undoubtedly the most important sport and therefore clubs of the local Italian communities became major suppliers of players of international fame.

South America

In strictly alphabetical order we start with the country where about half the population has Italian origins and also has more than a million of our fellow citizens registered at the AIRE (the register of Italians resident overseas at the consulates), Argentina.

During the news reports of the recent passing of Diego Maradona on his coffin we saw the shirt of his first club, Boca Juniors, a club that has Italian origins.

Formed in 1913 by Italian immigrants the club had its headquarters in the Buenos Aires suburb of La Boca. The club is one of the most decorated not only in Argentina but also in the continent, having won all the available trophies. In addition to Maradona its historic players also include Silvio Marzolini, Antonio Roma, Martin Palermo and Sebastian Battaglia. These names were not chosen at random but because of their surnames that clearly show the links to Italy.

Furthermore, Boca Juniors had a historic rivalry for which these clashes are described as the “Superclásico” and, considering our tendency to form groups, it was almost inevitable that the other club of this historic rivalry is also Italian, River Plate.

River Plate was founded in 1901 from a merger of Rosales, a club of English sailors and Santa Rosa, a club of young people of Genovese origins, and it took its name from the big local river, the Rio de la Plata, known as River Plate in English. The white and the red of the team shirts are the colours of both the city of Genoa and the English flag of Saint George. Like Boca Juniors, River Plate has had an impressive number of major players including Hernan Crespo, Ubaldo Fillol, Daniel Passarella and the truly great Alfredo Di Stefano.

Another club with Italian origins is Club Atlético Vélez Sarsfield created in 1910, it too based in Buenos Aires, which had important players such as the Paraguayan goalkeeper José Luis Chilavert, Diego Simeone, Oscar Ruggeri and Carlos Bianchi.

The other South American country with a very big Italian community is Brazil and here too Italian clubs produced important players, even if the nicknames used by their players could hide their origins.

In 1914 the “Palestra Italiana” (Italian Gym) club was formed in San Paolo but with Brazil’s entry into World War 2 in 1942 with the Allies Brazil’s law forced the club to change its name to the one with which it is now known, Palmeiras. We only have to mention four names to understand the great football tradition of this club, Rivaldo, Roberto Carlos, Emerson Leao and Luis Pereira.

Another Brazilian club with Italian links is Cruzeiro of Belo Horizonte formed in 1921 that has won not only many trophies but also supplied famous players such as Dida, Roberto Profumo, Tostao and Ronaldo.

And these are only a few examples of Italian clubs in Brazil.

Chile also has it least one Italian team, Audax Italiano of Santiago. The club was founded by Italian migrants in 1910 as the Audax Club Ciclista Italiano (Audax Italian Cycling Club) and then become a sports club in the 1920s. In 2007 the Chilean club with Italy’s tricolour on its chest also took part in the Libertadores Cup. Two of its players were Claudio Borghi and Salvador Cabanas.

Finally we mention the first country to win the World Cup and Argentina’s other great rival, Uruguay.

Again we see a club originally founded by Englishmen in 1891 as the Central Uruguay Railway Cricket Club, a reflection of the official name of Italy’s first football club, the Genoa Football and Cricket Club that still plays in our Serie A.

But in 1913, following a huge argument within the management, the club took another name based on the town of origin of some of its new managers, José Pedro Damiani, Washington Cataldi and Gastón Guelfi, precisely Pinarolo in Piedmont. The club is now called Club Atletico Peñarol that in the decades since then has won all the major national, continental and international trophies. Some of its players include World Cup winners such as Juan Schiaffino, Alcides Ghiggia and Victor Rodriguez Andrade, as well as Pablo Montero.

From this very brief overview of dates and names we see that our sporting relatives and friends overseas left a very important mark not only on their countries of residence but also on world sport with all the world club trophies, as well as national trophies in all the countries.

But, like other aspects of the History Of Italian Migration, we truly know very little about the details of these deeds and for this reason we again invite our readers to send us their stories and experiences, and not only of sport, to: gianni.pezzano@thedailycases.com