Connect with us

Arte & Cultura

Si chiude la seconda edizione di T E I M T, il primo festival dedicato al movie theatre

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

Ideato da Isabel Russinova e Rodolfo Martinelli Carraresi  per Arsmillennia  Production, TEIMT consegna i premi alle opere selezionate durante l’evento allestito al Teatro Marconi di Roma

di Macri Martinelli Carraresi

La seconda edizione di TEIMT, il primo festival dedicato al movie theatre, ideato da Isabel Russinova e Rodolfo Martinelli Carraresi  per Arsmillennia  Production, in streaming su piattaforma indiecinema ( www.indiecinema.it),  che ha registrato molto interesse da parte di pubblico e media  tanto da prorogare i termini di visibilità del programma sulla piattaforma, prima di dare appuntamento alla prossima edizione, consegna i premi alle opere selezionate.

L’evento allestito al Teatro Marconi di Roma, diretto da  Felice Della Corte tra i partner del Festival, ovviamente organizzato senza pubblico rispettando tutte le regole imposte dallo stato di allerta voluta dalla pandemia, ha voluto sottolineare, attraverso la premiazione in presenza e volutamente dal palco, che il teatro non può prescindere dalle  tavole del palcoscenico, il teatro è, e resterà sempre la sola casa del teatro  e il movie theatre non è una sostituzione ma uno strumento di divulgazione e sostegno al teatro stesso e soprattutto un linguaggio che può cavalcare pulsioni e novità del nostro tempo attraverso  gli strumenti audiovisivi  ma solo se ambientati e sviluppati dal palco di un teatro, auspicando al più presto la presenza del pubblico, essenziale protagonista della vita di ogni messa in scena.        

Le opere premiate sono:  nella sezione classici “Mobydick la bestia dentro” con Stefano  Sabelli  per il teatro del Loto,  Aspettando Godot,  regia di Claudio Boccaccini con de Silva , Della Corte, Boccaccini ha ritirato anche la menzione per l’ opera Love’s kamikaze, per la categoria omaggio ai grandi del teatro  di Mario Maretti di cui ha curato la regia   nella  stessa categoria i grandi del teatro, dove è stato premiato anje il e Nietzsche di Cosimo Cinieri, il progetto di Irma immacolata Palazzzo, anche lei impossibilitata a ricevere il premio, le i divieti di mobimento tra regioni hanno impedito la presenza di  Migliorini  per il suo Novecento di  Barricco e  la Prescenium teatro per Prima le donne, nella categoria teatro canzone.     Mary Ferrara  ha ritirato il premio per il  suo “Lovecraft” nella  categoria teatro sperimentale .   Fuori concorso, nella sezione novità  la Penthesilea di Isabel Russinova . Il premio del  pubblico al movie theatre più viso quest’ anno và all’ opera -Ex marito in busta paga –  messo in scena da Piergiorgio Piccoli e Aristide Genovese per la compagnia vicentina Theama, che non hanno  potuto essere  presenti e ritirare il premio. Ex marito in busta paga è il testo dell’ intenso drammaturgo francese di origine tunisina, scomparso, dopo un lunga malattia lo scorso autunno, Eric Assous . 

Appuntamento alla terza edizione di T E I MT ( thematic Exhibition  independent movie theatre), mentre su piattaforma indiecinema  a cura di Isabel Russinobva e Rodolfo Martinelli Carraresi, resta la striscia dedicata al movie theatre e ai suoi protagonisti per continuare a raccontare il teatro e mantenere viva l’ attesa della riapertura dei sipari e  i  sold out del pubblico