Connect with us
Azzera la bolletta

Italiani nel Mondo

Padova, meraviglie da scoprire— Padua, wonders to discover

Published

on

Tempo di lettura: 9 minuti
di emigrazione e di matrimoni

Padova, meraviglie da scoprire

Sembra quasi una banalità, ma per moltissimi la città di Padova è sinonimo della Basilica di Sant’Antonio, meta di fedeli cattolici da tutto il mondo. Però, in realtà la città è un forziere di tesori scientifici e culturali che molti altri paesi nel mondo invidierebbero.

Negli ultimi mesi abbiamo avuto modo di visitare la città regolarmente per motivi di salute, per fortuna non seri, che ci ha introdotto non solo a un’eccellenza padovana di livello mondiale, ma anche e soprattutto a una città che è giusto definire signorile e che darebbe a qualsiasi turista un’esperienza indimenticabile.

Partiamo dall’eccellenza mondiale. L’Azienda Ospedaliera di Padova, con fortissimi legami con l’Università della città, offre servizi tali da collocarla tra i migliori 150 ospedali nel mondo. E per via delle nostre esperienze il posto nella classifica mondiale è più che meritato perché non solo i medici e gli infermieri sono bravissimi nel loro lavoro, ma anche tutti gli addetti di ogni livello lavorano con impegno e anche, un merito raro nel mondo della medicina, con un sorriso per ciascuno degli assistiti.

Aziende come queste, e l’AOP non è l’unica nella classifica mondiale, sono un vanto del nostro paese perché attirano persone da tutto il mondo per aiuti non possibili nei loro paesi per cui trovano assistenza e cure a Padova e gli altri centri, che dovrebbero essere riconosciuti da tutto il paese e, allo stesso tempo, sono fonte di guadagni per il nostro paese che è un bene per tutti.

E questa professionalità nelle cure non è un caso, la città ha una grande Storia legata alla medicina e la scienza, come dimostrano le innumerevoli lapidi sparse nella città che citano nomi di medici e scienziati nel corso dei secoli che hanno fatto scoperte importantissime. Per questo motivo il turista a Padova dovrebbe cogliere l’occasione per visitare il MUSME, il Museo di Storia della Medicina, per capire che anche in questo ramo il nostro paese ha dato contributi importanti che spesso sono sconosciuti persino da noi.

Inoltre, Padova era anche la sede di una Signoria, i Carraresi, che hanno lasciato una base importante che ha portato a un altro vanto della città veneta e che poche città nel mondo, molte delle quali proprio in Italia, possono eguagliare, ben 8 luoghi che hanno ottenuto il riconoscimento UNESCO come Patrimonio mondiale.

Il primo è senza dubbio quella già citata, le Basilica di Sant’Antonio, le cui cupole dominano la città, con cappelle affrescate e altre opere d’Arte, come la Madonna Mora, che sono importanti sia a livello religioso che artistico.

Il secondo luogo è a poca distanza dalla Basilica, il Giardino Orto Botanico più antico del mondo che ha tra i suoi tesori una pianta storica nel vero senso della parola, la Palma di San Pietro che ispirò Goethe nel ‘500 e che si può vedere in tutto il suo splendore oggigiorno. Il turista può trovare in questo giardino piante da tutto il mondo, con così tanto da vedere che è facile dimenticare che si trova al centro di una città importante.

la Palma di San Pietro

Il terzo riconoscimento non è un luogo singolo della città, ma un ciclo di affreschi che si trovano in vari luoghi, il Padova urbs picta patrimonio che indubbiamente è un Patrimonio di importanza artistica mondiale perché tra le glorie di questa collezione ci sono palazzi e chiese della città, alcuni riconosciuti dall’UNESCO per conto proprio. Difatti, gli altri luoghi UNESCO fanno tutti parte di questa categoria.

Il quarto luogo UNESCO fa parte dell’urbs patrimonio ed è un capitolo della Storia dell’Arte in sé stesso, la Cappella degli Scrovegni con il ciclo stupendo di affreschi di Giotto che può essere giustamente considerata la Cappella Sistina del ‘300. E bisogna dire che questa Cappella fornisce un esempio eccellente di come preservare e presentare questo capolavoro al turista, perché opere come queste sono fragili e se non trattate nel modo giusto si rischia di perderle per il futuro. Per questo motivo bisogna prenotare per vederla perché i numeri di visitatori è controllato attentamente, ma vale veramente la pena di fare la prenotazione perché l’esperienza è indimenticabile.

 

La Cappella degli Scrovegni

Il quinto luogo è la Chiesa degli Eremitani vicino alla Cappella degli Scrovegni che, benché danneggiata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, conserva i resti di affreschi importanti di Giusto de’ Menabuoi, Guariento di Arpo e Altichiero.

Il sesto luogo, in centro, è anche l’ennesimo esempio della maestria di Giotto, il Palazzo della Ragione. Purtroppo, in questo caso gli affreschi originali furono distrutti in un incendio del 1420, ma interamente rifatti da artisti importanti come Nicola Miretto e Stefano di Ferrara che hanno saputo ricreare le opere originali. Questo Palazzo è anche un mercato ed i negozi del pianterreno dovrebbero essere una meta per ogni turista che vuole assaggiare i gusti veri di Padova.

Il settimo luogo è l’opera Giusto de’ Menabuoi, il Battistero del Duomo della Città, non distante dal Palazzo della Ragione, con un ciclo pittorico che dimostra episodi del Vecchio e Nuovo Testamento.

E infine, l’ottavo luogo è la Reggia dei Carraresi con un affresco del ‘300 opera di Guariento di Arpo.

Però, la città non è sola una collezione di Arte, è una città con uno stile di vita ammirevole, con molti negozi e bar, partendo dal Caffè Pedrocchi che esiste da oltre 200 anni, che è anche luogo del Museo del Risorgimento per chi vuole sapere di più della Storia d’Italia.

Museo del Risorgimento

Quindi Padova è l’esempio perfetto di quanto l’Italia ha da offrire ai turisti internazionali che di solito pensano solo a Roma, Firenze e Venezia come mete da visitare. Infatti, il nostro paese è pieno di città che possono offrire ogni tipo di attrazione secondo il gusto del turista.

E nel pensare a programmare una visita a Padova, il turista potrebbe utilizzare la città come base per visitare facilmente il resto della regione perché nessuna città italiana è isolata, ma fa parte sempre del territorio in cui si trova…

Padua, wonders to discover

It seems almost trivial, but for many people the city of Padua is synonymous with the Basilica of Saint Anthony, the destination for many Catholics from around the world. But, in truth the city is a trove of scientific and cultural treasures that many other countries in the world would envy.

In recent months I have visited the city regularly due to health reasons, luckily not serious, which introduced us not only to an excellence of Padua of an international level, but also and above all to a city that can rightly be defined as elegant, and which would give any tourist an unforgettable experience.

Let us start with the international excellence. The Azienda Ospedaliera di Padova, Padua’s Hospital, with very strong ties to the city’s university, offers services which places it amongst the world’s top 150 hospitals. And due to our experiences, the ranking in the world ladder is deserved because not only are the doctors and the nurses excellent at their jobs, but also the employees at every level work with commitment and also, a rare merit in the world of medicine, with a smile for each of the patients.

Companies such as this, and the AOP is not the only Italian company in  the international ladder, are a credit to the country because they attract people from all over the world for assistance that is not possible in their countries and so they find assistance and cures in Padua and the other centres, which should be recognized by the whole country and, at the same time, they are a source of income for our country which is good for everybody.

And these cures are no accident, the city has a great history tied to medicine and science, as shown by the countless plaques spread around the city citing the names of doctors and scientists who made important discoveries over the centuries. For this reason, the tourist in Padua should welcome the opportunity to visit the MUSME, the Museo di Storia della Medicina (Museum of the History of Medicine) to understand that also in this branch our country has made many contributions which are often unknown also in our country.

Furthermore, Padua was also the seat of an important Signoria, ruling family, the Carraresi, who left an important base which led to another source of pride for the Venetian city what few cities in the world can equal, many of which are right here in Italy, 8 places that have obtained UNESCO recognition as World Heritage sites.

The first site is undoubtedly the one already mentioned, the Basilica of Saint Anthony, whose domes dominate the city, with the frescoed chapels and other works of art, such as the Black Madonna, which are important on both a religious and artistic level.

The second site is a short distance from the Basilica, the world’s oldest Botanic gardens which has amongst its treasures a historical plant in the true sense of the world, the Saint Peter Palm that inspired Goethe in the 16th century and which can still be seen today in all its splendour. In the Garden the tourist would find plants from around the world with so much to see that it is easy to forget that it is in the middle of an important city.

la Palma di San Pietro

The third recognition is not a single place in the city but a cycle of frescoes which are found in a number of places, the Padua urbs picta patrimonio (painted city) which is a Heritage of international artistic importance because amongst the glories of this collection there are Palaces and churches of the city, some recognized by UNESCO in their own right. In fact, the other UNESCO sites are all part of this category.

The fourth UNESCO site is part of the urbs picta patrimonio is a chapter of the history of Art on its own, the Scrovegni Chapel with its stupendous frescoes by Giotto which can rightly be considered the Sistine Chapel of the 14th century. And it must be said that this chapel provides an excellent example of how to preserve and present this masterpiece to the tourist because works such as this are fragile and if not treated in the right way, we risk losing them for the future. For this reason, you must book before seeing it because the number of visitors is controlled very carefully, but it really is worth making a reservation because the experience is unforgettable.

La Cappella degli Scrovegni

The fifth site is the Chiesa degli Eremitani (Church of the Saint Philip and James, of the Order of the Hermits) near the Scrovegni Chapel which, even though badly damaged by WW2 bombings, preserves the remains of important frescoes by Giusto de’ Menabuoi, Guariento di Arpo and Altichiero.

The sixth site in the city centre also has another example of the mastery of Giotto, the Palazzo della Ragione (Palace of Reason). Unfortunately, in this case the original frescoes were destroyed in a fire in 1420, but entirely remade by important artists such as Nicola Miretto and Stefano di Ferrara who were able to recreate the original works. This Palazzo is also a market, and the ground floor stores should be a destination for every tourist who wants to taste the real flavours of Padua.

The seventh site is the work of Giusto de’ Menabuoi, the Baptistery of the city’s Duomo, not far from the Palazza della Ragione with a pictorial cycle which shows episodes from the Old and New Testaments.

And finally, the eighth site is the Reggia dei Carraresi (Royal Place of the Carraresi) with a 14th century fresco by Guarentio di Arpo.

But the city is not only a collection of Art, it is a city with an admirable lifestyle, with many stores and bars, starting with Caffè Pedrocchi which has been in existence for more than 200 years and is also the location of the Museo del Risorgimento (Museum of the Risorgimento) for those who want to know more about Italy’s history.

Museo del Risorgimento

So, Padua is the perfect example of how much Italy has to offer international tourists who usually think only of Rome, Florence, and Venice as destinations to visit. Indeed, our country is full of cities that can offer every type of attraction according to the tourist’s tastes.

And in thinking about scheduling a visit to Padua, the tourist could use the city as a base to easily visit the rest of the region because no Italian city is isolated, but it is always part of the territory in which it is located…

Print Friendly, PDF & Email
Apollo Mini Fotovoltaico
Serratore Caffè