Connect with us
Azzera la bolletta

Arte & Cultura

Decima giornata di VIE Festival

Published

on

Tempo di lettura: 3 minuti

[AdSense-A]

 

Sabato 22 ottobre

 

senza-titolo-2

Sabato 22 ottobre VIE Festival giunge alla sua penultima giornata, densa di incontri e di proposte di visione scenica. La giornata si apre all’Arena del Sole di Bologna dove alle ore 12.00 avrà luogo la presentazione del libro ʿNobiltà e miseria. Presente e futuro delle residenze creative in Italiaʾ, a cura di Fabio Biondi, Edoardo Donatini e Gerardo Guccini. Il volume nasce da un progetto di studio e ricerca sui temi delle residenze, che ha avuto luogo dal 2013 al 2015 coinvolgendo numerosi artisti, operatori, intellettuali, critici e rappresentanti delle istituzioni a livello regionale e nazionale. Alla presentazione parteciperanno i curatori e la redazione de “Il tamburo di Kattrin” che ha collaborato al testo. Appuntamento con il collettivo Berlin presso la Chiesa San Carlo di Modena: alle ore 12.00, 15.00, 17.00 e 19.00 va in scena l’originale performance multimediale Perhaps All The Dragons… .

Alle ore 19.00 presso il Teatro delle Passioni di Modena, il regista Oskaras Koršunovas propone in prima nazionale Krapp’s Last Tape. Classico del teatro dell’assurdo del grande Samuel Beckett, l’allestimento vede come protagonista Juozas Budraitis, star della scena teatrale e cinematografica lituana. Lo spettacolo, in lituano con sovratitoli in italiano e inglese, vince la sfida di far rivivere sul palco il celebre capolavoro beckettiano, consegnando alla lunga esperienza attoriale di Budraitis l’interpretazione del personaggio di Krapp, uomo anziano che riascoltando le cassette registrate nel corso della sua vita si abbandona a un introspettivo viaggio della memoria. Al Teatro Storchi alle ore 21.00 attende il pubblico un’altra prima nazionale: lo spettacolo Burning Doors della compagnia russa Belarus Free Theatre. Recitato in russo e bielorusso e con sovratitoli in italiano e inglese,Burning Doors è un inno alla libertà di parola e di espressione artistica, che vede la partecipazione di Maria Alyokhina, membro del collettivo anti-Putin Pussy Riot, per raccontare degli artisti perseguitati che non vogliono essere messi a tacere.

Al termine dello spettacolo alle ore 23 presso il Teatro Storchi Natalia Kaliada e Nicolai Khalezin (Belarus Free Theatre) e Maria Alyokhina (Pussy Riot) incontrano il pubblico.

 La giornata modenese di VIE Festival si chiude alle ore 23.00 al Teatro delle Passioni con David è morto, l’ultimo lavoro di Babilonia Teatri, compagnia da poco vincitrice del Leone d’Argento alla Biennale Teatro Venezia. Ambientato in una provincia desolata e sinistra, lo spettacolo ci consegna le confessioni post-mortem di cinque personaggi suicidi, in fuga dalla vita come risposta al vuoto dell’esistenza postmoderna.

Nell’originale cornice dell’Hotel Carlton di Bologna la compagnia Motus presenta alle ore 17.00 l’ultima replica del suo RAFFICHE. Rafales > Machine (Cunt) Fire. Sempre a Bologna presso il Teatro delle Moline alle ore 18.30 il regista cinese Li Jianjun porta in scena A man who flies up to the sky, opera teatrale sul concetto di visione che indaga nel dettaglio la vita quotidiana della Cina contemporanea. La giornata prosegue con un debutto assoluto: alla Sala Salmon dell’Arena del Sole di Bologna alle ore 19.00 Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi presentano delirio bizzarro, recentemente vincitore del progetto “Forever Young”. Lo spettacolo nasce da confronti e scambi con pazienti di strutture psichiatriche per raccontare l’incontro di due personaggi ʿné pazzi né saniʾ, apparentemente opposti ma in fondo simili, ricoverati in un Centro di Salute Mentale. Ancora alla Sala de Berardinis dell’Arena del Sole di Bologna va in scena alle ore 21.00 in prima nazionale The Misfits, scritto e diretto da Mattias Andersson. Coprodotto a livello internazionale nell’ambito delProgetto Prospero, lo spettacolo, in svedese con sovratitoli in italiano e inglese, è un’investigazione scenica realizzata dal Backa Theatre di Göteborg sulla gioventù bruciata e gli emarginati, condotta tramite l’intreccio coreografico e visuale di immagini fotografiche, musiche e gesti.

Print Friendly, PDF & Email
Apollo Mini Fotovoltaico
Serratore Caffè