Connect with us

Diritti umani

Tutela dei diritti umani di fronte agli attacchi informatici – Safeguarding Human Rights in the Face of Cyberattacks

Published

on

Tempo di lettura: 6 minuti
di emigrazione e di matrimoni

Tutela dei diritti umani di fronte agli attacchi informatici

di Gabriele PaoPei Andreoli – President of the Institute for Advance Studies and Cooperation (IASCOOP)

In un mondo sempre connesso, in cui facciamo molto affidamento sulla tecnologia e sulle infrastrutture digitali, l’aumento degli attacchi informatici rappresenta una minaccia significativa per i nostri diritti umani fondamentali.

Ancora una volta, abbiamo prove di potenti strumenti di sorveglianza utilizzati in attacchi sfrontati. Gli obiettivi questa volta sono giornalisti in esilio, personaggi pubblici e funzionari intergovernativi. Ma non commettiamo errori: le vittime siamo tutti noi, le nostre società, il buon governo e i diritti umani di tutti”, lo dice Agnes Callamard, segretaria generale di Amnesty International.

Come denunciato da Agnes Callamard, segretaria generale di Amnesty International, recentemente abbiamo assistito a molteplici attacchi informatici. Come possiamo difendere i nostri diritti umani?

La prima linea di difesa contro gli attacchi informatici è una solida sicurezza informatica. I governi, le imprese e gli individui devono investire in misure di sicurezza all’avanguardia per proteggere la propria infrastruttura digitale e i dati sensibili. Le organizzazioni dovrebbero inoltre condurre regolari controlli di sicurezza e valutazioni delle vulnerabilità per identificare e affrontare i potenziali punti deboli in modo proattivo. Fornire agli individui l’alfabetizzazione digitale è fondamentale anche per promuovere la consapevolezza e l’autodifesa contro gli attacchi informatici.

I governi svolgono un ruolo fondamentale nel garantire la tutela dei diritti umani nel regno digitale. Queste leggi dovrebbero includere anche disposizioni che tutelino la privacy, la libertà di espressione e l’accesso alle informazioni, sottolineando che tali diritti dovrebbero essere protetti sia online che offline.

I paesi devono lavorare insieme per stabilire norme, standard e protocolli internazionali per combattere la criminalità informatica e proteggere i diritti umani nel cyberspazio. Dovrebbe essere data priorità agli sforzi diplomatici per promuovere la cooperazione, la condivisione delle informazioni e lo sviluppo di capacità tra le nazioni.

Nel 2022, lo IASC ha ricevuto il premio Cybersecurity & Cooperazione al Future Innovation Summit di Dubai. Questa è una testimonianza del nostro impegno e della nostra eredità. Crediamo fermamente che sia necessario compiere sforzi per incoraggiare la collaborazione tra la società civile, il mondo accademico e le aziende tecnologiche per sviluppare soluzioni e politiche innovative che tutelino i diritti degli individui consentendo al tempo stesso i benefici della rivoluzione digitale.

Il 28 gennaio si celebra la Giornata della protezione dei dati e il 25 gennaio a Bruxelles, in Belgio, il Consiglio d’Europa (CoE), la CPDP e il Garante europeo della protezione dei dati (GEPD) organizzano un evento di un giorno. La conferenza intende concentrarsi sugli ultimi sviluppi e sulle sfide del mondo della protezione dei dati, come ad esempio: Flussi globali di dati, governance digitale, regolamentazione dell’IA, armonizzazione delle procedure del GDPR.

In qualità di organizzatore del World Changers Summit nella Città del Vaticano, IASC lavora costantemente per definire gli orizzonti delle tecnologie digitali e nel 2024 ha già pianificato di partecipare ad eventi internazionali in tutto il mondo come il World Economic Forum di Davos, il World Electronics Forum in Marocco, il World Tech Summit di Dubai e la conferenza CPDP Data Protection Day in Belgio.

Facendo un uso pratico della nostra ricerca oggi, vorremmo presentarvi la soluzione user-friendly OmniVisix incentrata sul monitoraggio delle connessioni degli smartphone esaminando ogni pacchetto che lascia il sistema. OmniVisix si distingue per la sua capacità di eseguire scansioni remote su più dispositivi contemporaneamente, indipendentemente dalla loro posizione geografica. Al termine dell’analisi, OmniVisix fornisce un rapporto dettagliato, che include informazioni su qualsiasi comportamento sospetto. Una nuova tecnologia e un nuovo approccio alla cybersecurity, che combina il rispetto della privacy e la conformità alle normative sulla protezione dei dati, e promette di difendere il nostro diritto alla privacy.

https://www.omnivisix.com/

Fonte: iascoop.org

Safeguarding Human Rights in the Face of Cyberattacks

by Gabriele PaoPei Andreoli – President of the Institute for Advance Studies and Cooperation

In an ever-connected world, where we rely heavily on technology and digital infrastructure, the rise of cyberattacks poses a significant threat to our fundamental human rights.

Yet again, we have evidence of powerful surveillance tools being used in brazen attacks.  The targets this time around are journalists in exile,public figures and intergovernmental officials. But let’s make no mistake: the victims are all of us, our societies, good governance and everyone’s human rights,” Agnes Callamard, Secretary General at Amnesty International.

As denounced by Agnes Callamard, Secretary General at Amnesty International, we have recently witnessed multiple cyberattacks. How can we defend our human rights?

The first line of defense against cyberattacks is robust cybersecurity. Governments, businesses, and individuals must invest in state-of-the-art security measures to protect their digital infrastructure and sensitive data. Organizations should also conduct regular security audits and vulnerability assessments to identify and address potential weaknesses proactively. Empowering individuals with digital literacy is also crucial in promoting awareness and self-defense against cyberattacks.

Governments play a pivotal role in ensuring the protection of human rights in the digital realm. These laws should also include provisions that safeguard privacy, freedom of expression, and access to information, emphasizing that these rights should be protected online as well as offline.

Countries must work together to establish international norms, standards, and protocols for combating cybercrime to protect human rights in cyberspace. Diplomatic efforts should be prioritized to foster cooperation, information sharing, and capacity building among nations.

In 2022, the IASC received the Cybersecurity & Cooperation award at the Future Innovation Summit in Dubai. This is a testimony of our commitment and legacy. We strongly believe that efforts must be made to encourage collaboration between civil society, academia, and technology companies to develop innovative solutions and policies that protect individuals’ rights while enabling the benefits of the digital revolution.

The Data Protection Day is celebrated (28 January), and on the 25 January in Brussels, Belgium the Council of Europe (CoE), CPDP and the European Data Protection Supervisor (EDPS) are co-organizing a one-day event. The conference aims to focus on the latest developments and challenges happening in the data protection world, such as: Global data flows, Digital Governance, Regulating AI, Harmonizing of GDPR procedures.

As the organizer of the World Changers Summit in Vatican City, IASC is constantly working to define the horizons of digital technologies and in 2024, has already planned to participate in international events around the world such as the World Economic Forum in Davos, the World Electronics Forum in Morocco, the World Tech Summit of Dubai, and the CPDP Data Protection Day Conference in Belgium.

 

Making practical use of our research today, we would like to present to you the OmniVisix user-friendly solution focused on monitoring smartphone connections by examining every packet that leaves the system. OmniVisix stands out for its ability to perform remote scans on multiple devices simultaneously, regardless of their geographical location. At the end of the analysis, OmniVisix provides a detailed report, which includes information on any suspicious behavior. A new technology and approach in cybersecurity, combining respect for privacy and compliance with data protection regulations, promises to defend our right to privacy.

https://www.omnivisix.com/

Fonte: iascoop.org

Print Friendly, PDF & Email