Connect with us

Italia

Che fine ha fatto l’influenza stagionale?

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 3 minuti

E quando sapremo con certezza chi è morto solo per, e non solo con anche il covid19?

di Paolo Buralli Manfredi, DailyCases – Australia

Che fine ha fatto la nostra cara e vecchia influenza di stagione? E quanti sono morti di tumore, infarto, cancro, problemi cardio vascolari e tutte altre malattie che ci accompagnano dalla notte dei tempi e di cui non si ha più notizia? La verità è che non si sa e non si capisce perché i dati che ci vengono proposti sono sempre generici e non dettagliati. Per dirla tutta, dopo l’affermazione del “capo” del CTS Comitato Tecnico Scientifico, che ha detto: “A tutti i morti di qualsiasi patologia viene effettuato un tampone se si rivela positivo è segnalato come morte da covid”, possiamo tranquillamente sostenere che  con tutta probabilità la vecchia influenza stagionale che vi ricordo, non esiste più, faceva più morti del covid19, pensate solo che tra il 2016 ed il 2017 per influenza stagionale si sono quasi raggiunte le 40 mila unità decedute senza gridare a nessuna Pandemia e senza un massacro mediatico come quello che nell’ultimo anno sta distruggendo le menti di milioni di persone. E a proposito di cancro al seno, va ricordato che se ne ammala una donna su otto e una su 33 muore di questa grave malattia, solo in Italia 11mila decessi l’anno tanto per parlare di malattie molto gravi. Perchè non esiste solo il covid19.

Altra cosa abbastanza sconcertante, se dovesse essere confermata, sarebbe quella che viene riportata da molte fonti d’informazione che affermano che il covid19 non è mai stato isolato, il che metterebbe in discussione anche il vaccino in arrivo perché, se non è stato isolato su quali elementi hanno lavorato le aziende farmaceutiche per confezionare un vaccino anti covid?

Ma ritorniamo all’influenza stagionale che è scomparsa dai teleschermi e dai big media, che in tempi passati titolavano, “quindici milioni a letto con l’influenza” oppure “Quest’anno l’influenza più aggressiva degli ultimi dieci anni”, perché non esiste più? Forse perché quella che stiamo vivendo è una influenza stagionale?

Nelle varie trasmissioni poi, abbiamo sentito tutto ed il contrario di tutto, ma l’unico denominatore comune che per il 99% non si è mai contraddetto e che tutta l’informazione ha spinto senza se e senza ma a che tutti dovranno vaccinarsi, abbiamo persino sentito illustri professori affermare che, siccome non si riesce a distinguere l’influenza stagionale dal covid, tutti avrebbero dovuto fare il vaccino stagionale per essere sicuri che chi avrà sintomi influenzali, dovrebbe essere affetto da covid,  il che ci riporta alla domanda logica che ci siamo già posti: “E’ forse possibile che il covid sia un influenza stagionale rafforzata e niente di più?

Incredibili anche le affermazioni di una giornalista che consiglia al Governo di prendere per il collo le persone e vaccinarle contro la loro volontà, affermazione che ci riporta alla memoria immagini di regimi come quelli Comunista e Nazista, oppure, il cambio di direzione di quasi tutta la classe politica italiana che da garantista-liberista in materia di sanità, come vuole l’Art. 32 della Costituzione, è passata in una decina di giorni a pro vaccino a prescindere, a prescindere perché nessuno sa in realtà cosa sia quel vaccino, cosa contenga, e senza aver letto neanche  uno straccio di documento scientifico, questo anche a detta del Professor Crisanti che proprio non è uomo di opposizione a questo Governo, che giustifichi il cambio di pensiero e che dunque li qualifica tutti come pressapochisti, visto che promuovere per il proprio popolo qualcosa di cui non si conosce nulla, oltre ad essere pericoloso nei fatti è un atto di una superficialità inaudita per chi dovrebbe tutelare la salute dei propri cittadini!

Chiudendo rimane ancora il mistero del silenzio tombale di tutta l’informazione, intendiamo quella che si definisce come “I professionisti dell’Informazione” che non indagano né sui business collegati al “Sistema Pandemia”, né a verificare, carte alla mano, se effettivamente il virus è stato isolato o meno, né sulla veridicità dei numeri dei morti per covid19 cosa su cui, un giornalismo serio, avrebbe già dovuto indagare sin dall’inizio della “Pandemia”.

Ed è forse per tutte le nostre riflessioni qui sopra esposte che un giorno la nostra affermazione “Sistema Pandemia” probabilmente diventerà il nome di un’inchiesta che svelerà al popolo italiano tutte le verità dietro a questa Pandemia che, dai numeri e dai dati scientifici di Pandemia ha ben poco. Va ricordato infatti che fino a metà di settembre a quasi un anno da inizio emergenza covid19, i morti in Europa sono stati poco più di un milione e mezzo, mentre per la famigerata Spagnola del 1918 morirono in breve tempo più di 50 milioni di persone. E come al solito ci resta l’amaro in bocca nel vedere che l’informazione, che dovrebbe servire i governati e non i governanti, ancora una volta si è posizionata in una zona grigia ma si sa, la giustizia purtroppo non è di questo mondo!

Print Friendly, PDF & Email