Una poesia per Nocera: camminando tra i versi per le vie del borgo

By 2 Luglio 2019Arte & Cultura

Si sono dati appuntamento il 20 luglio a Nocera Umbra, per presentare un nuovo format sperimentale artistico, sono i volontari della cultura del Comitato”Insieme per l’Arte” che giunti alla loro XIII° rassegna letteraria, daranno vita all’evento “Una poesia per l’Arte:  Nocera Umbra come antica Dama, camminando tra i versi per i vicoli della storia”.  

Si sono dati appuntamento il 20 luglio a Nocera Umbra, per presentare un nuovo format sperimentale artistico, sono i volontari della cultura del Comitato”Insieme per l’Arte” che giunti alla loro XIII° rassegna letteraria, daranno vita all’evento “Una poesia per l’Arte:  Nocera Umbra come antica Dama, camminando tra i versi per i vicoli della storia”.  Il Comitato Culturale Insieme per l’Arte, fin dalla sua prima edizione ha fortemente creduto nel connubio arte-poesia e valorizzazione del territorio facendone un caposaldo della sua attività di ricerca e promozione. E così nell’ottica di collaborazione e coinvolgimento delle realtà del territorio, dei talenti artistici e delle espressioni d’arte, siamo giunti ad un altro appuntamento dell’estate.

L’evento, fortemente voluto da Ella Clafiria Grimaldi e Maria Pompea Carrabba,  entrambe medico con la passione per la poesia, che dal 2012 collaborano in un consolidato sodalizio in qualità di promoter all’organizzazione e cura del progetto culturale del Comitato “Insieme per l’Arte” – una poesia per l’arte, è stato organizzato dal Comitato Insieme per l’Arte in collaborazione il Comune di Nocera Umbra e l’Ente Palio dei Quartieri di Nocera Umbra e si svolgerà il 20 luglio 2019 alle ore 21.00  nella suggestiva cornice di Piazza Caprera dell’omonima cittadina, e vedrà la partecipazione di autori provenienti da tutta Italia e personaggi dello spettacolo e della musica.

L’evento è patrocinato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e dalla Regione Umbra Assemblea legislativa, dal Comune di Nocera ed Ente Palio dei Quartieri.


Il tema della XIII° rassegna artistica-letteraria, è “Poesia e fotografia raccontano Nocera Umbra” per raccontare le bellezze di un territorio tra i più belli di Italia in provincia di Perugia.

La serata, si caratterizzerà per la lettura di liriche dedicate alla cittadina tratte dall’antologia “Come antica Dama”, a cura di Maria Pompea Carrabba, Ella Clafiria Grimaldi e Laura Pingiori, con la prefazione di Sonia Giovannetti critica letteraria, Print Art Edizioni di Massimo Boccia.

Le poesie saranno accompagnate dalle note musicale della violoncellista Michela Celozzi, e intervallate da perfomance teatrali dell’attrice Annamaria Giannini e dell’attrice pugliese Marianna Petronzi, oltre a danze storiche a cura dei figuranti del Palio dei Quartieri di Nocera Umbra.

La raccolta poetica “Come antica dama”, è un altro tassello che si inserisce in quell’ambizioso progetto artistico-letterario, partito nel 2012, di “Una poesia per l’arte”, laddove autori, che appunto non hanno mai visto il paese che decantano, attraverso la lettura del territorio loro proposto e le emozioni e suggestioni suscitate dalle immagini, che fotografano vie, case, particolari e ambientazioni, riescono con la forza dei loro versi a percorrere questo viaggio ideale all’interno del paese, descrivendolo con amorevole cura e passione, come se fossero loro stessi, gli autori, a camminare e vivere per le vie del borgo. Le immagini utilizzate e proposte, con l’obiettivo di raccontare un territorio e mettere a fuoco la sua identità e autenticità, sono le istantanee artistiche realizzate dai fotografi Secondo Agostini, Matteo Coccia, Riccardo Menichelli, Alberto Pazzaglia.

Quello che sarà  realizzato è un percorso, un racconto attraverso i versi,  camminando  insieme per le vie del Borgo, per un viaggio ideale all’interno del paese, fra i posti più cari, alla scoperta dei suoi vicoli, della sua bellezza, della sua arte e della sua storia. Un viaggio per incuriosire e attrarre attenzione, per suscitare emozione, per raccontare e aiutare a difendere. La poesia, in una sera d’estate, sarà nel campanile, nei vicoli, nel borgo, nei ponti, nei lavatoi, nei portici, nella torre, nelle sorgenti d’acqua, nelle pietre, nelle porte d’ingresso al paese, in ogni angolo o luogo religioso. Un’occasione in più per scoprire la città, Nocera “Come antica dama”, per ricordare la bellezza e la maestosità di una città che è stata terra nobile, per ricordare che è caduta  a terra (per il terremoto) e per anni è restata con il vestito sporco di polvere. Per ricordare l’orgoglio di rinascere e la bontà di una ricostruzione così da poter indossare un nuovo meraviglioso vestito e  ritornare ad essere appunto come antica Dama che sa rinascere.

Tutto questo grazie ad autori eccellenti quali Fausto Desideri,  Corinna Corneli, Raffaella Lanzetta, Simonetta Paroletti, Sonia Giovannetti, Rosanna Affronte, Carmelo Trianni, Annamaria Giannini, Laura Pingiori, Ella Clafiria Grimaldi, Michele Carmine Giuliano, Felice Zinno, Maria Pompea Carrabba, Donatella Mandunzio, Paola Maria Leonardi, Stefania D’Elia Di Lino, Anna Ursula Giuliani, Lucianna Argentino, Adele Libero, Antonio Bellino,  Michele Mandunzio.

La poesia come strumento per porre l’attenzione e mettere in rilievo, luoghi paesani e rurali che infittiscono una parte del nostro Paese, per dare alle comunità che ancora vivono i borghi, consapevolezza d’identità e fierezza, e spronare a quella rigogliosa voglia di essere e di sentirsi più partecipi nel loro paese, essere più ambiziosamente propositivi così da mettere in campo iniziative concrete e sistematiche per custodire, preservare e migliorare un patrimonio unico al mondo. Hanno collaborato a questo progetto l’attrice Beatrice Luzzi, Michele Grimaldi grafic designer, Giancarlo Ippolito marketer, Daily cases Media partner.

 “Questo movimento di volontariato culturale ha lo scopo di rendere prima di ogni altra cosa i cittadini più consapevoli delle ricchezze del loro territorio e più disponibili ad attivarsi in prima persona per tutelarle, e di spingere le istituzioni ad un interesse  verso i beni comuni e in questi tempi di morta fede, fare può aiutarci a mantenerci a galla anziché affogare” affermano con fervore le promoters Laura, Ella e Maria “questa è la cultura che vince, questa è l’emozione, quella virtuosa di persone che credono che uniti si possa andare avanti, raccogliere e produrre buone pratiche”.

Lascia un commento