Politica

Senato, la denuncia di Confsal “ la Commissione Bilancio ‘cassa’ 12 patronati”

By 22 Dicembre 2014 No Comments

Il Direttore Generale del Patronato Inpas-Confsal, Marta Bozzia:” I provvedimenti adottati sui patronati di piccole e medie dimensioni non mirano a promuovere il lavoro ma a creare nuovi disoccupati”

inpasRoma, 22 dicembre –  Una guerra illogica quella contro i piccoli patronati che non ha l’obiettivo di risparmiare soldi pubblici. Con il via libera del Senato alla fiducia posta dal Governo sul maxi emendamento alla Legge di Stabilità, è stata definitivamente sancita la chiusura di 12 Patronati, con un taglio di circa 5.000 posti di lavoro. La Commissione Bilancio del Senato aveva approvato una norma che garantiva ai patronati di esistere incentivando nuove assunzioni e garantendo i principi di democrazia e di uguaglianza sanciti dalla nostra Costituzione senza escludere alcuni soggetti per favorirne altri. Gli emendamenti presentati dai senatori avevano superato il principio del rispetto di determinati limiti di produzione (incompatibili con la stessa natura giuridica dei patronati) in favore di importanti requisiti organizzativi. Vogliamo comprendere la “ratio” che ha portato all’esclusione dei criteri di qualità organizzativa in Italia obbligando invece la presenza in otto Stati Esteri. Nella Legge che regolamenta i patronati non vi è mai stato alcun riferimento ad una presenza minima nei paesi esteri, attribuendo ai singoli Istituti la scelta se sviluppare o meno anche attività all’estero. Peraltro il biennio di riferimento decorre retroattivamente dal 2014 contrariamente ai principi generali del nostro ordinamento. Ad affermarlo questa mattina il Direttore Generale del Patronato Inpas-Confsal, Marta Bozzia. I provvedimenti adottati sui patronati di piccole e medie dimensioni non mirano a promuovere il lavoro ma a creare nuovi disoccupati. Il patronato chiede che venga immediatamente ripristinato il testo approvato dalla Commissione Bilancio del Senato.

Lascia un commento