Venezuela: continuano le proteste anti-Maduro. 40 manifestanti hanno perso la vita. USA sanzionano il regime.


Gli Stati Uniti hanno imposto al governo venezuelano sanzioni per sette miliardi di euro. Trump non esclude l’intervento militare.

Recentemente, il leader dell’opposizione venezuelano Juan Guaidó  ha rilasciato un’intervista, nella quale ha affermato che, la settimana scorsa, 40 manifestati sono stati “assassinati” dalle forze dell’ordine durante le proteste contro Maduro. I dati sono stati confermati dalle Nazioni Unite. Al giornalista che gli domandava se non stesse conducendo il Paese  verso la guerra civile,  Guaidó ha risposto ribadendo “la necessità del popolo venezuelano di restaurare la democrazia e ricostruire un’economia prospera”. Per realizzare tali obiettivi è necessario che le forze armate, finora rimaste fedeli a Maduro, si uniscano alla rivolta ponendo fine al regime.

Al momento, Guaidó può contare sul sostegno degli Stati Uniti che, ieri, hanno imposto pesanti  sanzioni alla compagnia petrolifera nazionale venezuelana “Petróleos de Venezuela” (Pdvsa), comportando un danno economico di 7 miliardi di euro. Pdvsa produce il 95% del PIL e per anni ha esportato verso gli Stati Uniti mezzo milione di barili al mese. L’America è il primo importatore mondiale di petrolio venezuelano ed è grazie a questo mercato che Maduro ha potuto ricavare le risorse economiche per mantenere in piedi il suo regime. Ora però, le nuove sanzioni imposte dal governo Trump ridurranno drasticamente le importazioni di greggio dal Venezuela per il 2020, il che causerà a Pdvsa perdite per 11 miliardi di dollari. L’obiettivo del governo americano è quello di gettare sul lastrico il regime venezuelano, in modo da privarlo delle risorse economiche necessarie per comprarsi la fedeltà dei generali, a cui Maduro ha affidato il controllo dei principali settori economici del Paese, come l’industria petrolifera. Mentre le sanzioni entrano in vigore, gli USA stanno valutando la possibilità di un intervento militare in Venezuela.

Lascia un commento