Politica

UE – Consiglio ministri del Commercio: Cina, primi passi in avanti

By 2 Febbraio 2016 No Comments

Calenda: cambiamento di approccio, attendiamo seguiti concreti

calenda10Roma, 2 febbraio 2016 – “Il dibattito di oggi al Consiglio commercio informale ha evidenziato finalmente un primo, parziale, passo nella giusta direzione sul tema dell’eventuale riconoscimento dello status di economia di mercato (MES) alla Cina”. E’quanto ha dichiarato il Vice Ministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda dopo la conclusione dei lavori ad Amsterdam. “Per mesi – ha sottolineato il Vice Ministro – abbiamo chiesto un atteggiamento più trasparente alla Commissione e il pieno coinvolgimento del Parlamento Europeo e delle parti sociali, basato sull’esigenza ineludibile di considerare gli effetti del riconoscimento del MES su crescita ed occupazione, anche tramite la realizzazione di una vera valutazione di impatto”. “Nell’ultimo mese – continua Calenda – anche grazie all’intervento del Presidente della Commissione, di autorevoli esponenti del Parlamento Europeo ed una maggiore partecipazione degli Stati Membri, abbiamo rilevato un cambiamento di approccio di cui ora aspettiamo i seguiti concreti”. “Oggi abbiamo sottolineato di nuovo la necessità di condurre una ampia consultazione pubblica e un’approfondita analisi di impatto e di rischio (quest’ultima avente ad oggetto i rischi collegati al possibile allargamento della overcapacity cinese ad altri settori industriali rispetto a quelli che oggi sono in questa situazione) e di coordinare strettamente la nostra posizione con quella americana per evitare pericolosi effetti di trade diversion. Il Governo italiano – ha concluso il Vice Ministro –continuerà a vigilare affinché non si verifichino inutili e dannose fughe in avanti che potrebbero costare all’Europa e all’Italia centinaia di migliaia di posti di lavoro”.


Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com