OMS-UNICEF: nuova guida per promuovere l’allattamento nelle strutture sanitarie in tutto il mondo

By 12 aprile 2018Salute & Benessere

Allattare tutti i bambini per i primi due anni significherebbe salvare le vite di oltre 820.000 bambini sotto i 5 anni ogni anno.

 

L’OMS e l’UNICEF hanno lanciato una nuova guida in 10 passi per aumentare il sostegno all’allattamento nelle strutture sanitarie che forniscono servizi per la maternità e i neonati. Allattare tutti i bambini per i primi due anni significherebbe salvare le vite di oltre 820.000 bambini sotto i 5 anni ogni anno.

La guida “I 10 passi verso un allattamento efficace” è alla base dell’iniziativa degli ospedali “Amici dei bambini”, che entrambe le organizzazioni hanno lanciato nel 1991. La guida pratica incoraggia le neo-mamme ad allattare e informa gli operatori sanitari su come supportare al meglio l’allattamento.

L’allattamento è vitale per la salute dei bambini durante tutta la vita, e riduce i costi per le strutture sanitarie, le famiglie e i governi. L’allattamento nella prima ora dalla nascita protegge i bambini neonati da infezioni e salva vite. I bambini sono esposti a un rischio maggiore di morte a causa di diarrea e altre infezioni quando vengono allattati solo parzialmente o per nulla. L’allattamento inoltre migliora il QI, le capacità e la frequenza scolastiche ed è associato a uno maggiore reddito nel corso della vita adulta. Riduce inoltre il rischio di cancro al seno per la madre.

“L’allattamento salva vite. I suoi benefici aiutano a tenere i bambini in salute nei primi giorni e persistono anche in età adulta”, ha dichiarato il Direttore generale dell’UNICEF Henrietta H. Fore. “Ma l’allattamento richiede supporto, incoraggiamento e orientamento. Con questi passi base, eseguiti correttamente, possiamo migliorare significativamente i tassi di allattamento nel mondo e dare ai bambini il migliore inizio possibile per la loro vita”.

Il Direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato che in molti ospedali e comunità nel mondo, l’evenienza che un bambino possa essere allattato o meno può fare la differenza fra la vita e la morte, e se un bambino arriverà a raggiungere il suo pieno potenziale.  Gli ospedali non esistono soltanto per curare i malati. Esistono anche per promuovere la vita e assicurare che le persone possano vivere e prosperare, sfruttando a pieno il loro potenziale”, ha dichiarato Tedros. “Nel percorso di ogni paese per raggiungere la copertura sanitaria universale, non c’è modo migliore o più importante di iniziare che assicurare che i 10 passi verso un allattamento efficace siano uno standard di cura per le madri e i loro figli”.

La nuova guida descrive passi pratici che ogni paese dovrebbe adottare per proteggere, promuovere e supportare l’allattamento nelle strutture che forniscono servizi per la maternità e i neonati. Forniscono un piano d’azione immediato per il sistema sanitario per aiutare le madri a iniziare ad allattare nella prima ora e ad allattare esclusivamente per sei mesi.

La Guida spiega come gli ospedali dovrebbero avere adottato politiche per l’allattamento, delineato le competenze dello staff e l’assistenza durante il percorso nascita, compreso il supporto all’allattamento per le madri. Raccomanda il rooming-in – in cui il neonato, subito dopo il parto, viene tenuto nella stessa stanza della madre –un’alimentazione responsiva, il supporto alle madri e ai bambini quando sono dimessi dall’ospedale, un uso limitato dei sostituti del latte materno e la formazione dei genitori sull’utilizzo di biberon e ciucci.

 

 

Programma dell’UNICEF in Italia- Nel quadro del programma nazionale ‘Insieme per l’allattamento’, l’UNICEF Italia porta avanti 4 progetti: Ospedali amici dei bambini, Comunità amiche dei bambini, Baby Pit Stop e Corsi di Laurea Amici dell’Allattamento, per diffondere una cultura dell’allattamento e consentire alle mamme e ai loro bambini di ricevere tutte le cure necessarie e poter accedere ad ambienti protetti in cui poter allattare comodamente il proprio bambino al seno. In Italia sono attualmente riconosciuti 26 ospedali, 7 Comunità Amiche dei Bambini e 3 Corsi di Laurea Amico dell’Allattamento ed oltre 600 Baby Pit Stop UNICEF sul territorio nazionale.

Lascia un commento