MondoPrimo piano

In Australia la nuova Ambasciatrice è Francesca Tardioli

By 18 Settembre 2019 No Comments

Il plauso e l’augurio di buon lavoro degli italiani d’Australia

“Un grande in bocca al lupo e buon lavoro alla nuova Ambasciatrice Italiana in Australia Francesca Tardioli, auguriamo a Lei ed al Suo Staff un buon lavoro, volto come afferma la nuova Ambasciatrice: “in un impegno a tutto campo tra i due Paesi che condividono Valori fondamentali, tradizioni Democratiche e Culturali in un mondo in continuo cambiamento”. Così Joe Cossari e Paolo Buralli Manfredi, italo australiani e rappresentanti della Dna a Melbourne sulla recente nomina dell’ambasciatrice italiana in Australia Francesca Tardioli. Un incarico che è stato accolto con grande favore dalla comunità italiana del paese oceanico, anche per la sensibilità istituzionale dimostrata nel corso della sua carriera dalla neoincaricata. Francesca Tardioli, nata a Foligno l’8 settembre 1965, ha intrapreso la carriera diplomatica nel 1991, dopo la laurea in Scienze Politiche all’Università di Perugia e un Master in Relazioni Internazionali presso la Sioi di Roma. Nel corso della sua carriera diplomatica spicca l’impegno nel campo della tutela dei Diritti Umani. A partire dal 2016 infatti è Vice Direttrice Generale per gli Affari Politici e di Sicurezza e Direttrice Centrale per le Nazioni Unite e i Diritti Umani, dove ha gestito la partecipazione italiana ai lavori dell’Assemblea Generale, del Consiglio di Sicurezza e delle principali organizzazioni internazionali deputate alla tutela e alla promozione dei Diritti Umani, tra cui il Consiglio dei Diritti Umani ed il Consiglio d’Europa.

L’Australia di oggi è una delle mete più gettonate da giovani italiani, per lo più laureati, alla ricerca di una meritocrazia che spesso non vedono soddisfatta in patria. A questo si aggiunge il gran numero di migranti dell’immediato dopoguerra che ormai hanno raggiunto la terza ed anche la quarta generazione di italiani all’estero. L’augurio alla Ambasciatrice Francesca Tardioli è quello di saper valorizzare il bagaglio culturale italiano creando un ponte ideale di scambio tra l’Italia e tutti gli italiani d’Australia, in un’ottica di globalizzazione costruttiva che riconosca in primis il titolo di studio da ambo le parti.

Lascia un commento