Connect with us

Politica

L’era glaciale dei politici televisivi e cartellonistici

Avatar

Published

on

Da anni ormai la cosiddetta politica si è spostata in televisione. I comizi di un  tempo, gli  incontri ed i  confronti  pubblici, che  sancivano il rapporto  diretto con gli elettori sono  spariti.
di Carlo Taccone

cartelloniVIBO VALENTIA – Tutto a vantaggio di interviste, dibattiti e talkshow «che di talk hanno poco» a vantaggio dello show. Il politico deve essere innanzitutto telegenico, sorridere  molto alla telecamera e darsi  un tono rassicurante, evitare confronti accesi con l’avversario di turno «tanto i propositi  sono identici», provare  a trasformarsi  in un gradito ospite casareccio «un micione accattivante» con la complicità dei conduttori televisivi «alla Vespa». Nel cinema hollywoodiano di un tempo si vedevano grotteschi backstage (dietro le quinte) di politici con lo sguardo fisso sulla telecamera. Tutto ciò oggi è diventato una realtà che supera anche la fantasia. Programmi politici generalisti «demagogia e populismo a go-go» che accontenta tutti. Sembrano  volenterosi, brillanti, amichevoli, con il piglio dello statista ed allo stesso tempo del vicino di casa.
Ma i nostri “cari amici”, parlano del recupero di risorse verso i ceti deboli? Delle inutili spese  militari per le missioni all’estero? Dei profitti incalcolabili delle banche?  Delle ottusità burocratiche che si intersecano con corruzione e criminalità? Dei diritti civili? Della lentezza giudiziaria? Delle candidature  «oltre i limiti di legge» che pur notiziate dalla stampa, non possono non essere ripresentate dai rispettivi partiti? (vedi Gazzetta  del Sud in data 30 Ottobre 2014 a pag. 39  – prima pagina – cronaca di Vibo Valentia), ed i magistrati?  Ed il codice etico così tanto pubblicizzato?  «NO! niente  di  tutto  questo».

Ma ancora, per i nostri giovani le prospettive di realizzare in ogni qualsivoglia ambiente, un sano e costruttivo metodo democratico di confronto che avvicini i cittadini alla “res  pubblica”, diventa sempre più faticoso «è come voler aprire un conto in banca con denaro contante senza conoscere i dettagli delle trattenute fiscali».

Capita poi, nei periodi elettorali, di transitare per le nostre vecchie e malridotte strade «oggi roads  routes», e di «passiari ‘nte straticeii du paisi» senza pensieri, senza aver per compagna la quotidiana angoscia del vivere e la più nota esistenza depressionale. Ma cosa attira l’attenzione disattenta di ognuno di noi proprio in quei momenti?
Direte la natura, il creato, la solidarietà nei rapporti umani, la grandezza di Dio, la spiritualità crescente, «ed anche tante brutte cose che immaginiamo di non vedere»  eppure  no «amici commentanti», vorrà dire che non avete fatto caso ai faccioni sorridenti dei nostri candidati. Guardateli bene..

Simili a “putti del Botticelli”, ai profili delle migliori case di moda, alle espressioni  vernacolari di fine ‘500  «che Giotto, Tiziano ed altri.. immortalarono su  tela ruvida» danno l’idea di una natura morta, di un ricordo carico di colori sbiaditi dell’era che fu, della politica che fu. Una gara senza ostacoli ad apparire il più bello,
il più accondiscendente «beato…coglione», emblemi di status symbol del passato.
Ma mi chiedo e vi chiedo: «non  li  incontriamo  tutti i giorni per le nostre “straticeie”?  Che ce lo ricordano a fare?»

«Tranquilli e state sereni perchè il popolo non vi  dimentica di certo». In realtà abbiamo “solo” dimenticato sia i vostri programmi, sia le procedure  che pensate di utilizzare per concretizzare le vostre favole.

www.carlotaccone.it

Lascia un commento

Featured

Crisi di Governo in Italia. Come la vede la stampa internazionale

Tiziana Primozich

Published

on

E’ accettabile che la regia dell’attuale crisi di Governo abbia come direttore d’orchestra un portavoce, anche se quello del Premier?

Mentre Renzi attacca deciso e Conte cerca di salvare il salvabile, la stampa internazionale svela una visione della politica interna italiana che considera centrale e decisiva la figura di un semplice portavoce. Quello del premier Giuseppe Conte, Rocco Casalino che nel corso di ben due Governi sembra aver avuto, almeno agli occhi della stampa estera, un ruolo molto più grande di quello che la stessa parola che lo definisce assume come significato.

E’ opportuno ricordare che ‘portavoce’ è, nella sua accezione più semplice come riportato dalla Treccani, un sostantivo maschile che indica un Tubo metallico con imboccatura concava ( boccaglio ) alle due estremità, che serve a trasmettere la voce da un punto a un altro, a distanze limitate

Partendo dal significato originario di ‘boccaglio’, termine che diventa anche parte dell’immaginario popolare con significato umoristico nella favolosa interpretazione del prof. Callisto Cagnato resa da Carlo Verdone, in termini politici “il portavoce è il fiduciario dell’autorità istituzionale per la quale svolge anche una funzione di supporto, ma il suo ruolo è comunicare le politiche di governo e non la politica di un partito di maggioranza piuttosto di un altro: il suo compito fondamentale è, in sintesi, di tradurre e comunicare il programma”. Insomma il portavoce fosse un ‘boccaglio’ o un essere umano, riferisce in modo semplice e chiaro il programma di Governo. Qui si esaurisce il suo compito.

Ma a ben leggere dagli Appennini alle Ande allegoricamente parlando, appare che Casalino sia molto di più. Emerge infatti dalla “RASSEGNA STAMPA ESTERA di Massimo Oldani” che: “ Conte rifiuta di assumersi la responsabilità della crisi derivante dal suo immobilismo e fa fare il lavoro sporco da Casalino”, come riporta il francese Le Figaro. Come anche il New York Times: “Conte aveva il potere di costruire ma non ha resistito alla tentazione prospettata dal suo consigliere Casalino di distruggere e di asfaltare il suo nemico politico”. Ed in effetti abbiamo assistito ad una lotta a colpi di affilati sarcasmi proprio tra Renzi e Casalino, e tenuto conto che il premier è tuttora Giuseppe Conte dal punto di vista della sana politica non ha alcun senso.

Il nostro Paese è talmente democratico che offre ogni possibilità a chiunque abbia capacità e preparazione, ma si resta davvero interdetti nel leggere sulle maggiori testate giornalistiche che pochi giorni fa il Casalino che deve la sua fama al Grande Fratello, possa aver detto riguardo le obiezioni politiche di Matteo Renzi “Se andiamo in Senato lo asfaltiamo, come successo con Salvini”. Pensava forse ‘Rocco il portavoce’ di essere ancora protagonista in un reality? Oppure la nostra Repubblica è scesa ai piani più bassi della democrazia già traballante a causa dell’emergenza pandemica?

Certamente all’estero tutto questo non ci fa brillare e di certo non fa emergere la figura dell’attuale premier come uomo probo e abile in mediazione politica. E cosa altro è la politica se non capacità di mediare per raggiungere obiettivi comuni di servizio al popolo, italiano in questo caso?

A questo si aggiunge che le beghe di cui si è reso protagonista il portavoce di Conte non danno una buona immagine del nostro Paese nel resto d’Europa e nel mondo. E al netto della pandemia che si somma alla crisi di Governo non avevamo alcun bisogno che qualcuno esibisse i propri panni fuori dal ‘boccaglio’, ancorché non titolato a farlo.

Addirittura il Financial Times riporta: “nessuno capisce le motivazioni del premier, perché non risponde a Renzi, perché abbia messo sottosopra Roma con la regia del suo inseparabile guru e maestro della comunicazione Casalino nel tentativo di rafforzare il suo potere di contrasto sul parlamento creando un suo partito personale sull’onda della popolarità acquisita con il dilagare della pandemia” […] “la crisi italiana “minaccia di ostacolare il Recovery plan di Bruxelles e il presidente Conte è ancora in ritardo nel proporre il piano di resilienza richiesto 7 mesi fa”.

Guru? Maestro? Come anticipato il portavoce altro non è che la versione umana della funzione del meccanico ‘boccaglio’, si occupa cioè di trasmettere comunicandolo l’altrui pensiero o programma.

Lascia un commento
Continue Reading

Italia

Cisl Medici Lazio sigla accordo su premialità Covid19 per comparto sanitario

Avatar

Published

on

Luciano Cifaldi, segretario regionale del Lazio, esprime soddisfazione per l’accordo raggiunto che finalmente compensa anche con riconoscimento economico i sacrifici del personale sanitario impegnato nella lotta al Covid19

La Cisl Medici – dichiara Luciano Cifaldi, segretario regionale del Lazio – , insieme ad altri sindacati della dirigenza, ha siglato venerdì 4 dicembre con la Regione Lazio l’ACCORDO SU PREMIALITA’ COVID-19 – Dirigenza medica e sanitaria avendo condiviso la necessità di riconoscere ai lavoratori dell’Area delle Dirigenze del Servizio Sanitario Regionale impegnati nel contrasto alla pandemia COVID-19, utilizzando le risorse del D.L. 18/2020 e del D.L. 34/2020 destinate a tale personale, un riconoscimento anche di tipo economico legato alla presenza nella propria attività lavorativa in questa seconda fase particolarmente complessa.

Su questa base la Regione e le OO.SS. della dirigenza medica e sanitaria con la firma dell’accordo, hanno concordato di:

  1. ripartire i fondi in premessa sulla base di tutto il personale delle Aree della Dirigenza, dipendente sia a tempo indeterminato che a tempo determinato, alla data del 31 ottobre 2020, comprendendo tutto il personale dipendente pubblico assegnato al SSR;
  2. prevedere una indennità COVID-19 aggiuntiva per i mesi di novembre e dicembre 2020 legato alla effettiva presenza in servizio e in orario ordinario tenendo conto del fattore di rischio, con i seguenti criteri:

Prima Fascia – 600,00 € mese se raggiunto il pieno debito orario

– Unità operative COVID

– Terapie e sub intensive COVID

– Pronto soccorso e OBI

– Sisp e territorio COVID

– Trasporto in emergenza ARES 118

– Laboratori e radiodiagnostica rete COVID

Secondo Fascia – 300,00 € mese se raggiunto il pieno debito orario 

– tutti gli altri reparti e servizi sanitari

Qualora non si fosse coperto il previsto debito orario ordinario in presenza, il riconoscimento economico sarà proporzionalmente ridotto.

I giorni di assenza per positività da contagio COVID-19 e/o per isolamento fiduciario, dovuti a link epidemiologici interni, saranno conteggiati come presenze ai fini dell’applicazione del presente accordo.

La Regione, entro febbraio 2021, procederà alla verifica degli importi effettivamente erogati dalle aziende in applicazione del presente accordo.

Se, come richiesto dalle regioni, ci sarà il rifinanziamento con provvedimento nazionale della premialità COVID nel 2021 per il periodo dell’emergenza COVID le parti valuteranno la prosecuzione del presente accordo. 

Un accordo in linea con quanto la Cisl Medici Lazio aveva proposto già molti mesi fa e poi riproposto il 14 novembre durante l’incontro via web con la cabina di regia. Ora c’è l’accordo che dovrà essere recepito integralmente dalle Asl e dalle Aziende ospedaliere evitando ogni interpretazione diversa da quanto sottoscritto. La Cisl Medici vigilerà sin da ora sulla corretta applicazione e invita l’Assessore alla Sanità, che ha creduto nella bontà della proposta di accordo, a dettare indicazioni univoche alle Asl – conclude il comunicato di Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio

Lascia un commento
Continue Reading

Italia

Pompei (Deloitte): «Recovery Fund occasione irripetibile. Urgente definire priorità strategiche, avere una efficace leadership di coordinamento e visione a lungo termine»

Avatar

Published

on

«Una delle priorità di cui tenere conto è la sostenibilità e gli investimenti sostenibili: investimenti che guardino oltre l’orizzonte della legislatura e che siano il frutto di una visione di lungo periodo per il Paese»

«Per affrontare le sfide legate al Recovery Fund è fondamentale avere una visione a lungo termine e definire priorità strategiche. E per realizzare queste priorità serve una leadership che coordini e faccia monitoraggio su tutti i progetti. Questo è l’elemento centrale, perché saranno coinvolti un po’ tutti i ministeri, le amministrazioni regionali e locali. Ma soprattutto credo sia più importante capire quanti saranno e quali saranno i progetti e se, per una volta, riusciremo ad essere selettivi e a fissare delle priorità. Perché questo è l’aspetto principale: è un’occasione irripetibile, dobbiamo essere in grado di fissare gli elementi strategici». Lo ha dichiarato Fabio Pompei, Ceo di Deloitte Italia, intervenendo sul dibattito sul Recovery Fund durante la puntata di Coffee Break, su La7, di questa mattina.

«Una delle priorità di cui tenere conto è la sostenibilità e gli investimenti sostenibili: investimenti che guardino oltre l’orizzonte della legislatura e che siano il frutto di una visione di lungo periodo per il Paese», ha aggiunto Pompei. «Durante un meeting organizzato da Deloitte abbiamo ospitato il primo ministro di Singapore. Parlando di investimenti sostenibili, lui ci ha raccontato che il suo Stato sta prendendo molto sul serio la questione, perché, secondo alcuni studi, Singapore potrebbe finire sommersa dall’acqua entro la fine del secolo. E quindi il Governo ha già avviato gli investimenti necessari per essere in grado di fronteggiare qualunque scenario legato all’innalzamento del livello dei mari. Sono questi gli investimenti sostenibili che potremmo mettere in campo con il Recovery Fund: investimenti che guardino al futuro e creino valore nel lungo periodo», ha concluso Pompei. 

Lascia un commento
Continue Reading

In evidenza