Calcutta in concerto a Urbino e le Città del Libro Festival

By 15 giugno 2016Arte & Cultura
[AdSense-A]

Domenica 19 giugno

Senza-titolo-4


. C’è grande attesa in città per il concerto di , in arte , cantautore rivelazione dell’anno, domenica 19 giugno al Teatro Sanzio di . Il concerto – realizzato in collaborazione con AMAT – sarà l’ultimo di oltre trenta eventi del festival e le Città del Libro che da giovedì 16 animeranno la città ducale con incontri, spettacoli, workshop, laboratori per bambini e musica. Quattro giorni di festa per festeggiare come Città del Libro con decine di ospiti tra scrittori, critici, giornalisti, musicisti, fumettisti e attori. Il festival, ideato e curato dall’associazione culturale Practica, gode del patrocinio e contributo del Comune di , del patrocinio dell’Università degli Studi Carlo Bo e della partecipazione di Montefeltro Sviluppo e ISIA. Calcutta, cantante di Latina attivo nella scena musicale da quasi dieci anni, è salito alla ribalta con il disco Mainstream, i cui singoli Cosa mi manchi a fare, Frosinone e Oroscopo hanno totalizzato milioni di visualizzazioni su youtube.  Una miscela indie fra Beat Happening e Lucio Battisti che ha messo d’accordo proprio tutti, dai giovanissimi fan del pop nostrano ai più esigenti e sofisticati ricercatori di novità astruse della musica indipendente italiana. L’incedere insicuro del cantato, le strofe semplici che entrano in testa e lì restano lasciano il segno, trasformando le apparenti debolezze in virtù. Nel 2015 Calcutta inizia un tour che lo porta in giro per l’Italia e colleziona molti attestati di fiducia e veri e propri endorsement, come quello di Jovanotti.

Domenica 19 giugno 2016, Teatro Sanzio di Urbino.

10 € platea, I e II ordine di palchi, 8 € III ordine di palchi e loggione.


Prevendite su vivaticket.it oppure in tutte le biglietterie AMAT. A Urbino, la biglietteria sarà aperta sabato 18 giugno dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00, domenica 19 giugno dalle 16.00 a inizio spettacolo.

Evento in collaborazione con AMAT e l’associazione universitaria agorà.

Lascia un commento