Connect with us

Italia

Terra dei Fuochi: Guardia Nazionale Ambientale, situazione seria, serve informazione e sensibilizzazione

Published

on

Tempo di lettura: 2 minuti

di Romolo Martelloni

 

”La situazione nella cosiddetta Terra dei Fuochi, e’ molto seria in quanto le attivita’ di bonifica pur se vanno avanti devono avere una marcia in piu’. Ma cosa importante rimane sempre l’informazione e la sensibilizzazione dei cittadini. Il caso di Frattamaggiore insegna”. In una nota, il Presidente della Guardia Nazionale Ambientale, l’organizzazione di tutela del patrimonio e dell’ambiente formata in tutta Italia da volontari,molti provenienti dalle forze dell’ ordine, dott. Alberto Raggi interviene sull’allarme delle famiglie del comprensorio della Terra dei Fuochi riguardo alla recrudescenza dei tumori, molti che hanno colpito i bambini. Raggi porta l’esempio di Frattamaggiore dove la Gna ha un protocollo di intesa con l’amministrazione comunale: noi siamo gia’ operativi a Frattamaggiore dove abbiamo dimostrato, nel periodo in cui e’ esploso il caso dei rifiuti a napoli , proprio con la sensibilizzazione verso i cittadini  dare una tendenza inversa perché nel momeno in cui in tutto il napoletano la situzione era drammatica, a Frattamaggiore i sacchetti sparivano dalle strade con una campagna di informazione e sensibilizzazione ma anche sanzionatoria di chi non voleva adeguarsi. Molta gente – sottolinea il Presidente Raggi – non sapeva e non sa cosa deve fare ma se viene informata lo fa. Purtroppo i recidivi sono ancora molti e su quelli si interviene con le sanzioni e noi l’abbiamo fatto: a Frattamaggiore si e’ passati dallo zero al 53 per cento della raccolta differenziata e sono spariti i sacchetti dalle strade. Infatti il protocollo di intesa con il comune e’ ancora vigente e si stanno valutando il reclutamento di nuovi volontari per rafforzare gli interventi sotto l’egida del comune che si e’ impegnato ad avviare una campagna di sensibilizzazione”.
   Raggi evidenzia pero’ come   le amministrazioni comunali ”sono ormai quasi impotenti di fronte a questo fenomeno e dunue dovrebbero iniziare a guardarsi intorno e a coinvolgere realta’ come le associazioni specializzate in materia della tutela ambientale e della salute provenienti anche dalle forze dell’ ordine e che sicuramente consentono una azione qualificata a costi contenuti”. Raggi lancia un appello ai comuni coinvolti. ”qualunque comune o amministrazione locale che intenda avvalersi della nostra struttura, professionalita’ e risorse umane noi siamo pronti a collaborare. La Guardia Nazionale Ambientale – ricorda infine Raggi –  e’ una organizzazione volontaristica di alta professionalita’ riconosciuta dal ministero dell’ Ambiente”.
Print Friendly, PDF & Email