Italia

Moda italiana nel mondo, un business da 42 miliardi in nove mesi, ecco la mappa delle destinazioni

By 18 Febbraio 2020 No Comments

Milano Fashion Week – dal 18 al 24 febbraio

Prima destinazione Svizzera (+55,2%) che supera Francia e Germania grazie al forte aumento per calzature, borse e abbigliamento. Bene Hong Kong per articoli sportivi e pellicce, Stati Uniti per biancheria per la casa, Romania per passamanerie e filati

Le crescite maggiori in Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti. Vanno forte anche i tessuti in Giappone, gli articoli d’abbigliamento e sportivi in Austria, i bottoni in Tailandia, i tappeti in UK, la biancheria per la casa in Canada, le scarpe in Polonia

Da Pozzo, presidente Promos Italia: Cina l’ottava destinazione dell’export del fashion. Con 1,7 miliardi pesa il 4% e cresce del 5% in un anno.


I dati nei primi nove mesi del 2019

In Italia Firenze (+55%) e Milano (+7%), prime per export. Seguono Vicenza, Treviso, Prato, Reggio Emilia, Verona, Bologna, Piacenza, Biella e Como

La Lombardia con 10,4 miliardi di euro in nove mesi segna un +3,5%. In aumento calzature e abbigliamento. Bene Mantova per maglieria, Como per tessuti, Bergamo per biancheria per la casa. Pavia raddoppia il suo export (+113%)

Moda “made in Italy” nel mondo? Per sapere dove va, quali sono i maggiori mercati  e da dove parte l’export italiano: “La moda italiana nel mondo – Italian fashion in the world”, realizzata da Promos Italia, la struttura del sistema camerale italiano a supporto dell’internazionalizzazione delle imprese e dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. La mappa, disponibile in italiano e inglese, è scaricabile dal sito di Promos Italia al linkhttps://www.promos-milano.it/informazione/note-settoriali/la-moda-italiana-nel-mondo-2020.kl

Moda, un export italiano da 42 miliardi nei primi nove mesi del 2019: tra abbigliamento, accessori e calzature, +6% rispetto all’anno precedente. Emerge da elaborazioni della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Promos Italia su dati Istat. In particolare sono aumentate le esportazioni di abbigliamento (+7,6%) che superano i 14 miliardi, di borse (+12,8%) con 9,5 miliardi, di calzature (+5,4%) con 8 miliardi circa e di maglieria (+6,3%) con 2,7 miliardi. I 3 maggiori partner italiani del 2019 sono: Svizzera (14% del totale, +55,2%) che sorpassa Francia (10,4%, +5,5%) e Germania (8,4%). La Svizzera è il principale partner per articoli di abbigliamento, borse e pelletteria, Hong Kong eccelle per abbigliamento sportivo e pellicce, la Germania è prima per tessuti e per camicie, T-shirt e intimo, la Francia per maglieria e tappeti, gli Stati Uniti per biancheria per la casa, la Romania per filati, passamanerie e bottoni. In crescita soprattutto: Corea del Sud (+14,7%), Giappone (+10,8%) e Stati Uniti (+7,8%). Vanno forte anche i filati in Corea del Sud (+10,7%), i tessuti in Giappone (+14,5%), la biancheria per la casa in Canada (+25%), i tappeti nel Regno Unito (+42,1%), i bottoni in Tailandia (+41,9%), gli articoli di abbigliamento in Svizzera (+44,9%) e in Austria (+22,9%), quelli sportivi sempre in Austria (+49,5%), la maglieria in Svizzera (+62,1%), le borse in Svizzera (+92%) e Corea del Sud (+17,7%) e le scarpe in Svizzera (+26,6%) e Polonia (+21,5%).

Commenta Giovanni Da Pozzo, presidente di Promos Italia: “La moda si conferma un settore trainante per l’export italiano – commenta Giovanni Da Pozzo, presidente di Promos Italia – nei primi 9 mesi del 2019 il valore delle esportazioni nazionali ha raggiunto i 42 miliardi di euro. Francia, Germania e Svizzera restano i mercati di riferimento per il fashion Made in Italy, ma stanno crescendo in maniera esponenziale Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti. Tra i prodotti, abbigliamento, calzature, borse e pelletteria hanno fatto segnare i tassi di crescita più significativi. Il Coronavirus purtroppo sta già avendo i primi effetti sugli scambi – prosegue Da Pozzo – in particolare per le imprese attive con partner cinesi. La Cina è l’ottava destinazione dell’export del fashion italiano: con 1,7 miliardi pesa il 4% e cresce del 5% in un anno, numeri importanti che testimoniano l’importanza di contenere il più possibile le ricadute di questa emergenza per il business delle nostre imprese”.

I maggiori esportatori italiani? Firenze per calzature e pelletteria, Milano per abbigliamento. Firenze cresce del 55,1% in un anno, Milano del 7%. Terza Vicenza, +2,9%. Superano il miliardo di export anche Treviso, Prato, Reggio  Emilia, Verona, Bologna, Piacenza, Biella e Como. Biella prima per fibre tessili, Prato per tessuti.

Lombardia prima regione per export di moda con 10,4 miliardi di export, rappresenta un quarto del totale italiano, +3,5%. Supera i 10 miliardi anche la Toscana (+26%), terzo il Veneto con 8 miliardi. Oltre a Milano, tra i primi 20 posti ci sono anche le lombarde Como 11°, Bergamo 12°, Varese 17°, Mantova 18°.  e Brescia al 20°. In forte crescita Pavia (+113,1%), che passa da 181 a 385 milioni. I prodotti lombardi che incrementano di più il loro export sono: le calzature (+11,4%) e gli articoli di abbigliamento (+7,2%). Tra le province, oltre a Milano, si distinguono Mantova seconda per maglieria, Como per tessuti, Bergamo per biancheria per la casa, passamaneria e terza per filati.

Lascia un commento

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]