Diritti umani

India: il governo deve immediatamente ripristinare le libertà fondamentali in Jammu e Kashmir

By 7 Agosto 2019 No Comments

Il governo indiano dovrebbe immediatamente revocare le severe restrizioni alla libertà di espressione e assemblea pacifica imposte negli ultimi giorni nello stato del Jammu e Kashmir e garantire  i diritti umani di tutti , lo dichiarano FIDH e People’s Watch 

“Le persone del Jammu e del Kashmir hanno sofferto a lungo delle violazioni dei loro diritti fondamentali. L’approccio di Delhi all’ordine pubblico nello stato del Jammu e Kashmir deve essere immediatamente invertito e tutte le sue politiche e azioni devono essere rispettose degli obblighi dei diritti umani  in India in base al diritto internazionale “, ha affermato il vicepresidente della FIDH Adilur Rahman Khan.

Dalla tarda notte del 4 agosto 2019, l’esercito indiano ha dispiegato altre 10.000 truppe nel Jammu e Kashmir e le autorità hanno quasi completamente chiuso le comunicazioni via Internet e via cellulare. Inoltre, diversi leader politici nello Stato sono stati messi agli arresti domiciliari, le istituzioni educative sono state chiuse fino a nuovo avviso e un divieto generale è stato imposto alle riunioni pubbliche e ai raduni. Queste misure sono apparentemente collegate alla volontà del governo indiano di abrogare gli articoli 370 e 35 A della Costituzione indiana, che conferiscono uno status speciale allo Stato Jammu e Kashmir. Il 5 agosto 2019, il Rajya Sabha (la Camera alta del parlamento indiano) ha approvato la mozione del governo di abrogare i due articoli della Costituzione.

“L’ulteriore militarizzazione dello stato del Jammu e Kashmir rappresenta una minaccia per la popolazione civile locale, che è stata abitualmente colpita dalle forze di sicurezza indiane. Delhi deve immediatamente revocare l’arresto generale di Internet, che potrebbe fornire la copertura per possibili violazioni dei diritti umani commesse dalle forze di sicurezza nello Stato ”, ha affermato Khan.


FIDH e People’s Watch sono preoccupati per le notizie secondo cui diversi leader politici in Jammu e Kashmir sono stati messi agli arresti domiciliari la notte tra il 4 e il 5 agosto 2019, tra cui gli ex ministri capo Mehbooba Mufti e Omar Abdullah.

“Non ci sono assolutamente giustificazioni per la privazione preventiva e arbitraria della libertà dei leader politici del Jammu e Kashmir. Il governo indiano deve rilasciare immediatamente tutte le persone che sono state arrestate negli ultimi giorni e ripristinare senza indugio le reti di comunicazione “, ha dichiarato Henri Tiphagne, direttore esecutivo di People’s Watch.

Le violazioni dei diritti umani nel Jammu e nel Kashmir amministrati dall’India sono dilaganti negli ultimi decenni e vanno da uccisioni extragiudiziali, sparizioni forzate e torture, a frequenti arresti arbitrari e detenzioni ai sensi di leggi repressive. I diritti alla libertà di opinione e di espressione sono regolarmente ridotti dal governo, anche attraverso la censura, la sorveglianza, i divieti sui social media e le chiusure delle telecomunicazioni. Secondo un rapporto dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) pubblicato a luglio 2019, non sono stati meno di 25 i casi di chiusura di Internet nel solo Jammu e Kashmir nei primi quattro mesi del 2019.

L’India in realtà è parte del Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), che garantisce i diritti alla libertà di espressione, alla libertà di riunione pacifica e alla libertà di associazione.

Lascia un commento