Connect with us

Arte & Cultura

“Cold case romani. Misteri e inchieste da riaprire”, l’evento noir Typimedia a “Più libri più liberi”

Published

on

Tempo di lettura: 3 minuti

Fabrizio Peronaci ricostruisce i casi irrisolti della Capitale nel nuovo libro di Typimedia Editore “Il collezionista di ossa della Magliana e altri delitti”. Tra gli ospiti Manfredi Mattei, presidente della Fondazione Alberica Filo Della Torre e il generale dei carabinieri Carlo Felice Corsetti, che investigò sulla sparizione di Emanuela Orlandi

Nella storia del crimine della Capitale alcuni killer non sono mai stati presi. Psicocriminali che hanno eluso anche delle più moderne tecniche investigative, in una inquietante partita a scacchi con la Procura di Roma.

Con “Il collezionista di ossa della Magliana e altri delitti”, secondo libro della collana di Typimedia Editore “Fattacci di Roma” dopo la fortunata pubblicazione nel 2020 di “Morte di un detective a Ostiense e altri delitti”, il giornalista di nera Fabrizio Peronaci ricostruisce con sapienza da romanziere noir altri dieci anni di casi irrisolti: dal macabro ritrovamento di un collage di ossa, tra le quali quelle del pensionato Libero Ricci, alla controversa inchiesta del delitto della minestrina al cianuro, dalla tragica fine in uno squallido residence di periferia di Brenda, la transessuale legata al caso Marrazzo, fino al giallo del militante gay Paolo Seganti, sul quale il libro offre nuovi spunti di indagine.

“Il collezionista di ossa della Magliana e altri delitti” viene presentato venerdì 9 dicembre alle ore 17, presso la Sala Giove del “Roma Convention Center La Nuvola” (viale Asia, Metro B/Eur Fermi), nell’ambito dell’evento di Typimedia Editore “Cold case romani. Misteri e inchieste da riaprire”.

All’appuntamento moderato dall’Editore di Typimedia Luigi Carletti – è il terzo dei quattro organizzati dall’Azienda alla fiera “Più libri più liberi” – prende parte oltre all’autore anche Manfredi Mattei, presidente della Fondazione Alberica Filo Della Torre.

L’altro grande contributo in agenda è del generale dei carabinieri Carlo Felice Corsetti, che per l’Arma ha seguito diverse indagini sui gialli che hanno scosso Roma. Uno su tutti: quello di Emanuela Orlandi.

Storica firma di nera per il “Corriere della Sera”, testimone della docu-serie Netflix “Vatican Girl”, durante l’evento del 9 dicembre Peronaci ricostruisce gli errori commessi durante le indagini, le piste che possono essere ancora battute e le nuove tecnologie che potrebbero consentire di dare un volto agli assassini che da decenni circolano impuniti per le strade di Roma.

Spiega l’autore: “In questo libro racconto i delitti irrisolti di inizio millennio ambientati in una Roma nera e sanguinaria, troppo spesso abbandonata al degrado. Un viaggio nelle storie di uomini e donne sfortunati, diventati loro malgrado vittime della cronaca nera, e nelle fragilità investigative della Procura, che non è riuscita individuare la pista giusta”.

“Ma il libro – prosegue Peronaci – vuole anche essere una testimonianza di vicinanza e di affetto alle famiglie coinvolte: In alcuni casi nuovi elementi e spunti di indagine potrebbero portare alla riapertura delle inchieste e, mi auguro, alla cattura degli assassini”.

“Dieci assassini (almeno dieci) impuniti e dieci vittime la cui orribile fine crea l’inevitabile scenario fatto di testimoni, di sospettati, di presunti colpevoli (poi prosciolti o assolti), e di luoghi, di ambienti, di quartieri”, commenta il direttore editoriale di Typimedia, Luigi Carletti.

“Ecco, i quartieri di Roma: come vivono, i diversi quartieri, questi casi che in altri contesti più provinciali equivarrebbero probabilmente ad autentici traumi collettivi? Si dice spesso che Roma – corazzata dai suoi tremila anni di storia tumultuosa – superi tutto con quel suo riconosciuto sentimento frutto di assuefazione e cinismo. È davvero così?”.

Conclude Carletti: “La narrazione di Peronaci in realtà ci restituisce una Roma che sotto la ruvida superficie non è poi molto diversa dal resto del Paese. Ogni delitto diventa quindi un modo per conoscere un pezzo della città, metropoli e villaggio al tempo stesso, dove le relazioni umane scontano inevitabilmente le dimensioni dilatate, ma non sono certo immuni dai sentimenti e dalle emozioni”.

Il Collezionista di ossa della Magliana e altri delitti (Typimedia Editore, 224 pp., € 19,90) è disponibile in libreria e in edicola. È inoltre possibile acquistare il libro online sul sito www.typimediaeditore.it.

Print Friendly, PDF & Email