Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione

By 16 giugno 2016Italia
[AdSense-B]

 

dà il via ai due progetti di filiera vincitori  per l’innovazione di artigianato ed enogastronomia made in Italy


Senza-titolo-16

L’artigiano digitale e Cibo del Benessere sono i due progetti di filiera presentati da Piceni Art For Job che rientrano con successo tra i vincitori dell’avviso pubblico “”, il cui soggetto Attuatore è Italia Lavoro Spa. Ottimi risultati per Piceni Art For Job al quale sono stati ammessi e finanziati due progetti di bottega, presentati nel ruolo di soggetto capofila e promotore. Alla presenza del notaio Dott.ssa Alessandra De Berardinis, e del presidente di Art For Job Sandro Angelini, si sono quindi formalizzate in Partenariato le aziende dei due raggruppamenti della filiera della ristorazione, con una precisa attenzione al benessere, alla componente salutistica, al biologico e functional food, e della filiera dell’artigianato orafo e professionisti assimilati, con un raggruppamento di aziende focalizzate su un’innovativa valorizzazione del grande artigianato di tradizione, attraverso la ricerca nel design e attraverso l’incontro con la contemporaneità del mondo digitale.

IMG_0733


Presenti per la filiera del cibo del benessere, le aziende: Marcozzi srl, Fritto Misto Lab Società Cooperativa, Agriturismo Vecchio Gelso di Lilla Simone, Messer Chichibio di Bollettini G. & Crescenzi P., Picena Mense di Camaioni Antonio, Alta gamma SRL, WineLab Srl, Il Cono di Biagiolini Vladimiro, Oikos Società Cooperativa, e Pizzeria del Centro Srl. Presenti per la filiera dell’artigianato: Oikos 2.0 Soc. Coop., Arte Gioiello di Zanchi Silvano, Appy Societa Cooperativa, F.lli Pasqualini srl, Gioielleria Coccia & Oddi di Giuseppe Coccia & C. Snc, Meletti Marco, Gatti Roberto, Gold Line Srl, Bottega Orafa di Mirko Bacelle, Corredo Più di Silvestri Anna. I progetti costituiscono una grande opportunità per i giovani che da luglio, dal portale www.botteghemestiereinnovazione.it, possono candidarsi presso le botteghe vincitrici per attivare i tirocini di 6 mesi previsti dall’avviso pubblico. Possono partecipare giovani disoccupati tra i 18 e i 35 anni non compiuti, cittadini italiani, dell’Unione Europea o cittadini extracomunitari con regolare permesso di soggiorno in Italia. Un’occasione importante per valorizzare i talenti e le attitudini dei giovani, per imparare un mestiere sul campo e favorire effettive opportunità di crescita personale e professionale in aziende che esaltano il valore del made in Italy, creando profili professionali specifici di cui molto spesso il mercato è carente.

Lascia un commento