Expo. La ‘Turandot’ in diretta a San Vittore, Opera e Bollate

Del Corno: “Contenti di condividere con i detenuti uno dei momenti più prestigiosi per la città”

san_vittore-1-650x276Milano, 30 aprile 2015 – Dalla Scala a San Vittore, Opera e Bollate: la Turandot, in scena il 1° maggio al Teatro alla Scala, verrà seguita in diretta dai detenuti della Casa Circondariale di San Vittore e delle Case di Reclusione di Opera e Bollate.  L’iniziativa, realizzata grazie alla collaborazione tra l’assessorato alla Cultura del Comune di Milano, la Sottocommissione consiliare Carceri, l’Amministrazione Penitenziaria e le Direzioni degli Istituti di Pena milanesi, consentirà a centinaia di detenute e detenuti di assistere all’opera che segnerà l’inizio dell’Esposizione universale.  “Con l’inaugurazione di Expo 2015 – dichiara l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno – il mondo punterà gli occhi su Milano. E l’esecuzione della Turandot alla Scala sarà uno dei momenti più prestigiosi. Siamo molto contenti, come peraltro già avviene per la Prima del 7 dicembre, che i detenuti possano condividere questo momento così importante per la nostra città”. “La Sottocommissione Carceri che presiedo – aggiunge il consigliere comunale Alessandro Giungi – è stata lieta di contribuire alla realizzazione di questa iniziativa, dando una piccola mano ai soggetti coinvolti e confermando attenzione agli eventi culturali e teatrali che riguardano le tre carceri milanesi”. “La proiezione in diretta della Turandot davanti a un pubblico misto di persone detenute, operatori del carcere e ospiti esterni – sottolinea Alessandra Naldi, Garante dei diritti delle persone private della libertà personale del Comune di Milano – rappresenta un nuovo e importante momento per vedere realizzato ciò che affermiamo da tempo: il carcere è un pezzo di Milano, deve comunicare ed essere permeabile dall’esterno, deve avere una sua centralità in tutti gli eventi importanti che coinvolgono la nostra città. Come succederà la sera del primo maggio e come avverrà nei prossimi mesi con Expo”. Presso la Casa Circondariale di San Vittore, anche grazie al contributo dell’Associazione Quartieri Tranquilli, la proiezione avverrà all’interno del panottico del Carcere, alla presenza di circa 160 persone, mentre all’interno del primo raggio sarà possibile visitare un’esposizione di prodotti gastronomici, frutto dell’impegno della popolazione reclusa e di diverse cooperative e associazioni legate al contesto penitenziario. Per quanto riguarda la Casa di Reclusione di Opera, la proiezione si terrà nel Teatro dell’Istituto alla presenza di una parte dei detenuti, di docenti e volontari che prestano il loro servizio ad Opera e di diversi rappresentanti del Terzo Settore. Anche per la Casa di Reclusione di Bollate, la proiezione, aperta a detenute, detenuti, volontari e ospiti esterni, avverrà nel Teatro dell’Istituto.

 

Airbnb arriva sui Tablet

La nuova app per tablet, disponibile per dispositivi Android e iOS, offre un’esperienza di ricerca e prenotazione con la qualità di una rivista

airbnb-logo-300x194San Francisco, 30 Aprile  – Airbnb, azienda leader nel mondo per la condivisione e la prenotazione online di case, ville e alloggi unici, svela la nuova app per tablet disponibile sia per dispositivi Android che iOS. La nuova app offre ai viaggiatori la possibilità di consultare più di un milione di annunci di Airbnb e scoprire la loro prossima avventura di viaggio, come se si stesse sfogliando una rivista di qualità. Dalle case sugli alberi in Costa Rica alle ville in Toscana, i viaggiatori possono esplorare destinazioni incredibili in tutto il mondo, grazie a immagini mozzafiato in alta risoluzione, e poi prenotare il loro prossimo viaggio direttamente dal dispositivo. “Sia che ci si trovi sul divano di casa, in un bar o sull’autobus, volevamo che Airbnb potesse essere sempre con i viaggiatori”, dichiara Alex Schleifer, head of design, Airbnb. “La nostra applicazione per tablet è stata ispirata dall’eleganza di riviste e libri e abbiamo cercato di infondervi un po’ di quello stile, in grado di rendere l’esperienza davvero unica. La scelta di riprogettare interamente l’app per una piattaforma nuova ci ha permesso di pensare in modo più ampio rispetto a una semplice conversione da smarthphone su uno schermo più grande, e grazie a questa scelta è ora possibile esplorare annunci in tutto il mondo, in modo funzionale e godendo, al contempo, di un’esperienza ricca e coinvolgente”. Più che a una semplice app per tablet, l’esperienza offerta dall’applicazione nativa di Airbnb è più vicina alla sensazione di sfogliare un libro illustrato, in cui il viaggio inizia nel momento in cui viene aperto. L’applicazione sfrutta le caratteristiche che hanno reso riviste ed esperienze di contenuti così di successo sui tablet. Mostra le splendide fotografie ormai caratteristica imprescindibile di Airbnb, con alloggi unici e viste pittoresche, il tutto in alta definizione e in un formato espressamente pensato per gli schermi a elevata densità di pixel degli odierni tablet. Ogni elemento è stato progettato da zero per gli ampi schermi dei tablet, con un’attenzione particolare alla riproduzione  fotografica e tipografica dei contenuti per offrire una qualità autoriale dei contenuti. La scelta di progettare l’app da zero per una piattaforma completamente nuova ha inoltre permesso ad Airbnb di riflettere sulle fasi stesse che l’utente attraversa nell’esperienza di prenotazione. Ad esempio, i tablet permettono la visualizzazione di due finestre a schermo grazie alla modalità dual-pane, offrendo un menù per i messaggi e uno spazio più ampio per la visualizzazione degli alloggi e per la navigazione. Durante la visualizzazione dei risultati di ricerca, le interazioni con la mappa sono progettate per minimizzare il numero di tap necessari a esplorare gli alloggi e i viaggiatori possono facilmente passare dagli annunci alla visualizzazione della mappa.

La nuova app per tablet offre:

–        Mappe immersive che offrono da subito maggiori informazioni sugli spazi per aiutare le persone a scegliere se approfondire o meno i contenuti di ciascun annuncio

–        Pagine degli alloggi con immagini spettacolari in alta risoluzione

–        Un’esperienza più fluida e senza soluzioni di continuità, attraverso i contenuti dell’app, grazie al controllo tattile che offre, rispetto al classico “punta e clicca”, un maggiore coinvolgimento degli utenti durante l’esperienza di prenotazione.

–        Una pagina Discover con immagini curate, wishlist ed esperienze da tutto il mondo

–        Per la prima volta su Airbnb un sistema di messaggistica appositamente progettato per sfruttare le caratteristiche dual-pane dei tablet

–        Un nuova modalità di impostazione della navigazione che offre un modo più semplice per trovare i prossimi viaggi

Fondata nell’agosto del 2008 con sede a San Francisco, California, Airbnb è l’affidabile community per tutti coloro che vogliono inserire il proprio annuncio, scoprire e prenotare alloggi unici in tutto il mondo – online o tramite smartphone. Che sia un appartamento per una notte, un castello per una settimana, o una villa per un mese, Airbnb mette in contatto le persone con esperienze di viaggio uniche, a qualsiasi fascia di prezzo, in più di 34.000 città e 190 Paesi. E, con un’assistenza clienti di prima classe e una crescente comunità di utenti, Airbnb è il modo più semplice per coloro che vogliono guadagnare dal loro spazio extra e mostrarlo ad un pubblico di milioni di persone. www.airbnb.it

 

 

 

Expo. Le piccole e medie imprese del Made in Italy si ritrovano in via Savona 32

Tajani: ”Uno spazio e un calendario di eventi che mostra al mondo la creatività e l’ingegno delle imprese artigiane italiane” 

1_Render6_590-490Milano, 30 aprile – Anche le piccole e medie imprese protagoniste del Made in Italy avranno il proprio “padiglione” in occasione di Expo. Nasce infatti in via Savona 52,  nel cuore del distretto del design, il primo spazio espositivo che trasformerà gli attuali uffici della CNA Confederazione Nazionale dell’Artigianato nel miglior luogo d’incontro e di confronto per le piccole e medie realtà artigiane 2.0, vere protagoniste del gusto italiano.
A presentare questa mattina a Palazzo Marino, a stampa e operatori, il calendario di eventi e manifestazioni l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca, Cristina Tajani, con il vicepresidente CNA Lombardia Maria Teresa Azzola e il presidente CNA Milano Monza Brianza Daniela Cavagna affiancati dal presidente ADI Lombardia, Ambrogio Rossari.  “Uno spazio e un calendario di eventi indispensabile per mostrare ai tanti visitatori stranieri attesi per Expo la creatività e la maestria delle tante imprese artigiane che, con il loro lavoro e la loro ricerca, contribuiscono ad affermare il gusto del Made in Italy tanto apprezzato nel mondo”, spiega l’assessore Cristina Tajani che prosegue: ”Un luogo che sarà anche un vero e proprio punto di riferimento per i tanti giovani che vogliono scommettere su se stessi aprendo e iniziando la propria attività in un contesto vivace e internazionale”.  Negli spazi di via Savona 52, per tutto il periodo di Expo, gli artigiani 2.0 e i protagonisti del Made in Italy potranno scambiarsi idee e condividere progetti. Si inizierà nel periodo 20-25 maggio con l’esposizione e vendita di prodotti agroalimentari dell’eccellenza italiana. Si proseguirà poi il 17-23 giugno con le esperienze artigiane grazie alla presenza del Consorzio Mondo del Monferrato oltre a un focus tematico dedicato alle aziende della moda, in concomitanza con la Settimana della Moda Uomo e con l’adiacente esposizione White. Il 24 giugno spazio al b2b agroalimentare con la collettiva d’imprese provenienti dalla regione Marche. A luglio protagoniste saranno le imprese campane di CNA Avellino, mentre a settembre largo alla moda e all’arredo in occasione della fiera HOMI e della Settimana della Moda Donna.
Lo spazio di via Savona 52, sarà inoltre partner e base d’appoggio per Ciao MaMi l’iniziativa di share economy nata dall’idea di cinque studenti e oggi punto di riferimento per le mamme provenienti da ogni parte del mondo in visita a Expo. Mamme che potranno così condividere passeggini, seggiolini per auto, fasciatoi ecc. Un messaggio di accoglienza verso le famiglie che visiteranno Milano e, insieme, la proposta di un modo di viaggiare ecosostenibile.

 

Il Guru del marketing Philip Kotler a Milano

Appuntamento il 15 maggio nell’Aula Magna dell’Università Bicocca

news-pkmf-2015-600x350-600x350Milano, 30 aprile  – Un appuntamento storico con Philip Kotler, l’uomo che ha “inventato” il marketing moderno. I manager di tutta Italia – e non solo – si sono segnati da tempo la data del 15 maggio sull’agenda. Quel giorno Kotler sarà a Milano, dalle ore 9, nell’aula magna dell’Università Bicocca, per tenere una lectio magistralis sulle nuove strategie per le imprese e le Istituzioni con un titolo particolarmente interessante: “Il futuro del sistema Italia”. «È il momento giusto per l’Italia – dice il professor Kotler – per riconquistare la sua posizione speciale nel mondo del commercio e dell’industria. L’Italia ha creato alcuni dei più grandi marchi del mondo di automobili, abbigliamento, alimentari, mobili e fine living». Il professor Kotler tesse le lodi delle aziende del Belpaese e ricorda che «Le imprese italiane sono leader in qualità, creatività e moda». Attorno al grande tema de “Il futuro del sistema Italia” ruoterà pertanto l’appuntamento della Bicocca, organizzato da NEXO Corporation, giovane azienda umbra che ha voluto lanciare una sfida in chiave di approfondimento creando un evento dal grande valore culturale che si svolgerà a Milano, cuore pulsante di EXPO e “ombelico del mondo” per sei mesi. NEXO Corporation con la sua squadra affiatata che vanta una lunga esperienza nel mondo della traduzione grazie a un team rodato che lavora con sistemi informatici altamente performanti, ha fatto nascere per il Philip Kotler Marketing Forum una collaborazione con l’International Communication Summit, che da anni organizza un laboratorio internazionale di approfondimento specialistico nato per seguire le innovazioni e le tendenze del settore della comunicazione. Per raggiungere lo scopo oltre al professor Kotler, ci saranno sul palco nomi di altissimo profilo Giancarlo Caratti, Vicecommissario Generale per la partecipazione dell’UE all’Expo 2015, Franco Pomilio, presidente della Pomilio Blumm, uno dei principali teorici e studiosi del rapporto tra Istituzione e cittadini-consumatori, Giuseppe Morici, Presidente Barilla Regione Europa, Giuseppe Bonollo, direttore Marketing Technogym, Remo Taricani, direttore Marketing Unicredit Italia, Alberto Mattiacci, ordinario Economia e Gestione delle Imprese Università “La Sapienza” . L’elenco comprende inoltre il giornalista Riccardo Scandellari, il Ceo di Ninja Marketing Mirko Pallera, il direttore Enterprise Solutions di Telecom Italia Digital Solution, Leonardo Mangiavacchi e il presidente di Art Attack, Carlo Borriello. Tra gli speaker anche Davide Malaguti, imprenditore e formatore, Marzio Bonferroni, scrittore e docente, Mario Alberto Catarozzo, business coach e formatore e Giorgio Soffiato esperto di comunicazione. Il Forum è pensato come un full day di studio, approfondimento, confronto e dibattito interattivo sul futuro del sistema Italia: per comprendere il cambiamento sociale e il suo impatto sul mercato e scoprire l’efficacia del marketing umanistico sui cambiamenti sociali. Questo appuntamento è finalizzato alla costituzione dellaprima Carta dei valori del marketing. D’altronde secondo Kotler «Il comportamento e i valori delle imprese sono sempre più sotto la lente dell’opinione pubblica. La nuova generazione di consumatori è molto più attenta ai problemi e alle preoccupazioni di natura sociale. Le imprese devono reinventarsi e abbandonare il più rapidamente possibile le prassi dei vecchi e confortevoli Marketing per avventurarsi nel nuovo mondo Marketing 3.0». Per ogni ulteriore dettaglio sul programma e sugli speaker è a disposizione il sito ufficiale dell’evento http://www.pkmf-italy.com/

 

Dal 2 maggio esami gratuiti nelle farmacie comunali milanesi su udito, vista, diabete, respiro, osteoporosi

Al via la campagna di prevenzione di Comune e Lions. Assessore Majorino: “Un ulteriore passo verso un welfare che punta su prevenzione e informazione in rete col territorio e con le associazioni” 

download5Milano, 30 aprile  – 29 farmacie comunali aprono le porte ai milanesi, dal 2 maggio al 27 giugno per consentire a bambini e adulti di effettuare screening gratuiti per il controllo di udito, vista, diabete, respiro e osteoporosi. Si tratta della campagna “I Lions per la prevenzione”, organizzata dall’Associazione Lions Clubs International – Distretto 108 Ib4 e patrocinata dal Comune di Milano.  “Grazie a questa campagna tante persone che hanno meno possibilità potranno usufruire di visite gratuite e di qualità – ha dichiarato Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche Sociali e Cultura della Salute -. Si tratta di un ulteriore passo verso quel welfare alla milanese che stiamo realizzando in rete col territorio e anche con la collaborazione con le associazioni e puntando fortemente sulla prevenzione e sull’informazione oltre che sull’allargamento dei servizi. La collaborazione con le farmacie e il Terzo Settore rende possibile e capillare l’azione di sensibilizzazione e informazione, consentendoci di mettere in campo azioni che promuovono il diritto alla salute e rendono concreta ed efficace la rete per la cura della persona, portandola sempre più vicina ai cittadini”.  La campagna ha come obiettivo quello di sensibilizzare le persone sull’importanza della prevenzione, consentendo anche a chi non ne ha la possibilità, per vari motivi, di sottoporsi periodicamente a screening sanitari e di poterlo fare gratuitamente. Un importante contributo arriverà anche dai volontari, soprattutto giovani, dei Lions, che accoglieranno i milanesi e saranno a disposizione anche per distribuire materiale di approfondimento e sensibilizzazione. La campagna si svolgerà anche grazie ad un coordinamento medico e sarà eseguita da personale sanitario tecnico. Per garantire continuità al servizio ed evitare code di attesa, le persone interessate possono prenotarsi direttamente o telefonicamente presso la farmacia Lloyds comunale dove ha sede lo screening gratuito.  Per comprendere quanto sia importante controllare periodicamente il proprio stato di salute, basta considerare alcuni fattori:

– il glaucoma è una malattia spesso asintomatica che, se non diagnosticata in tempo, può portare alla cecità;

– in Italia il 13,7% dei soggetti over 60 (pari circa a 1.600.000 persone) ha qualche difficoltà nel sentire, con conseguente limitazione alla partecipazione della vita di tutti i giorni;

– l’inquinamento atmosferico e il fumo favoriscono la comparsa di reazioni infiammatorie delle vie aeree che, se trascurate, possono portare all’ossigeno-dipendenza, ossia la necessità di respirare un supplemento di ossigeno per sopravvivere. Le persone che soffrono di questa patologia in Italia sono 70.000;

– nella maggior parte dei casi, l’osteoporosi non dà alcun segnale premonitore, e si manifesta improvvisamente con una delle tipiche fratture “da fragilità ossea”. Valutare la propensione individuale all’osteoporosi, sottoponendosi a una misurazione periodica della propria “densità minerale ossea”, può ridurre significativamente i rischi di fratture. Ulteriori informazioni su www.mondolions.org.

 

2 Maggio: Il nuovo Museo Pietà Rondanini al Castello Sforzesco avvia il programma di Expoincittà

Ingresso gratuito per tutta la settimana, fino a domenica 10 maggio

downloadMilano, 30 aprile 2015 – E’ una grande festa aperta alla città quella che sabato 2 maggio al Castello Sforzesco, a partire dalle ore 14, vedrà l’inaugurazione del nuovo Museo della Pietà Rondanini: un evento che darà l’avvio al ricco programma di iniziative di ExpoinCittà, destinato ad animare la vita culturale milanese per i sei mesi dell’Esposizione Universale.  Protagonista della giornata di apertura, l’estremo capolavoro e ultima creazione incompiuta di Michelangelo: proprio in concomitanza con l’avvio di Expo, e dopo quasi sessant’anni trascorsi nel Museo d’Arte Antica del Castello all’interno della Sala degli Scarlioni, Milano dedica infatti alla Pietà Rondanini un nuovo Museo, in uno spazio riscoperto, completamente restaurato e restituito alla città, l’antico Ospedale Spagnolo cinquecentesco del Castello. Uno spazio che, grazie al raffinato allestimento di Michele De Lucchi e alla direzione del progetto curata da Claudio Salsi, Soprintendente del Castello, dà finalmente piena valorizzazione al significato espressivo e alla potenza struggente dell’opera cui il grande Maestro toscano lavorò fino agli ultimi giorni della sua vita: un’icona dell’arte mondiale e, per questo, fra le sei icone simbolo di ExpoinCittà.  La giornata del 2 maggio si apre alle ore 11 con l’inaugurazione ufficiale del nuovo Museo da parte del Sindaco Giuliano Pisapia. Dalle ore 14 è invece prevista l’apertura al pubblico, con ingresso gratuito, fino alle ore 23 e, a seguire, una serata speciale dedicata al viaggio compiuto dalla Pietà Rondanini fino alla sua attuale e definitiva collocazione, con il concerto finale de I Pomeriggi Musicali che eseguiranno lo “Stabat Mater” di Pergolesi.

La Pietà Rondanini di Michelangelo
Estremo capolavoro e ultima creazione incompiuta del genio toscano, la Pietà Rondanini è un’opera drammaticamente singolare, dotata di un senso che trascende la bellezza in quanto espressione dell’amore umano: racchiude infatti in un unico blocco di marmo le figure del Cristo e della Vergine, quasi fuse in un solo abbraccio. La Pietà Rondanini rappresenta il testamento spirituale del maestro, intento a scolpirne i tratti sino a pochi giorni prima della morte, avvenuta nel 1564. L’opera non finita fu infatti ritrovata nella sua abitazione romana, ma se ne persero poi le tracce per lunghi anni fino a quando ricomparve presso l’abitazione del marchese Giuseppe Rondinini (questa la denominazione corretta), raffinato collezionista romano. Nei secoli successivi visse un lungo avvicendarsi di passaggi di proprietà, quasi nell’oblio, fino a quando nel 1952 la scultura venne acquistata dal Comune di Milano ed esposta per la prima volta nel 1956 in occasione della riapertura dei Musei del Castello nel secondo dopoguerra.

L’antico Ospedale Spagnolo
All’interno dell’antico Ospedale Spagnolo, con i suoi delicati affreschi, l’intensità struggente dell’opera incontra un’architettura ideale, che sembrava attenderla da tempo. In quegli spazi collegati alla sofferenza, realizzati per i soldati della guarnigione spagnola del Castello colpiti dalla peste nella seconda metà del ‘500, proprio pochi anni dopo il momento in cui Michelangelo a Roma lavorava alla Pietà Rondanini, la scoperta delle parole del credo apostolico, a quel tempo conforto di soldati malati, appare come una casualità particolarmente suggestiva.

L’allestimento di Michele De Lucchi
All’interno della sala dell’antico Ospedale Spagnolo, l’allestimento realizzato da Michele De Lucchi – che prende il posto di quello precedente firmato da BBPR nella Sala degli Scarlioni dove troverà una nuova valorizzazione – è essenziale, per rispettare la sacralità della Pietà e indurre alla meditazione. Sulla parete opposta all’ingresso, una quinta nasconde la Porta di Santo Spirito, accogliendo la maschera funeraria e una medaglia che ritrae Michelangelo, realizzate rispettivamente da Daniele da Volterra e da Leone Leoni. Lo spazio è quasi del tutto vuoto, salvo la presenza di tre panche in rovere poste davanti all’opera, con altezze graduate per permettere una visuale completa, e di un leggio che ospita le informazioni riguardanti le sue vicende storiche. Il pavimento in legno di rovere dalla tonalità chiara dona calore all’ambiente e produce un contrasto materico che valorizza il bianco del marmo.

 

Ars aderisce a sciopero del personale della scuola del 5 maggio

Mentre il governo prevede nel tempo una riduzione della spesa in materia scolastica, tutti i paesi avanzati investono maggiori risorse su istruzione e ricerca

 

copertina_5maggio_fb-660x300-copia-500x500Roma, 30 aprile – L’Ars aderisce pienamente allo sciopero generale del personale della scuola convocato per il 5 maggio 2015 e sottolinea il valore straordinario della convergenza che, in questa occasione, si sta realizzando con i movimenti degli studenti. Dopo tante chiacchiere la proposta che avanza il governo non trova di meglio che tentare di reintrodurre una gerarchia nella scuola, che finirebbe per mettere in discussione l’autonomia dell’insegnamento e che avrebbe di fatto il controllo su sapere e carriera degli insegnanti. Inoltre il tema dei precari è tutt’altro che risolto, anche per la subordinazione degli atti del governo alle ristrettezze di bilancio che valgono per la scuola, ma non per altri settori come gli armamenti. Basta pensare che il governo prevede nel tempo una riduzione della spesa in materia scolastica, mentre tutti i paesi avanzati investono maggiori risorse su istruzione e ricerca, proprio per rendere più competitivi i fondamentali economici, sociali, culturali. L’Italia infatti resta – purtroppo – sopra la media europea per l’abbandono scolastico e i giovani sono ai livelli massimi di disoccupazione. La scuola ha bisogno di più risorse sia per avere strutture materiali degne di un paese avanzato, garantendo la sicurezza di chi vi insegna e apprende, sia per garantire una qualità adeguata dell’insegnamento ai giovani che hanno diritto, come prevede la Costituzione, di avere una scolarità ai livelli migliori possibili per tutti, nella scuola pubblica, senza oneri aggiuntivi a favore di quella privata. Un’istruzione adeguata è una delle condizioni indispensabili per una nuova qualità del lavoro e richiede anche un cambio di rotta nelle scelte del governo in materia di occupazione e diritti. Per questo l’Ars invita i propri aderenti e simpatizzanti a partecipare a tutte le iniziative promosse dai sindacati della scuola, per la prima volta insieme dopo molto tempo, in preparazione e durante la giornata del 5 maggio.

 

 

UNICEF/Nepal, 29 tonnellate di aiuti

Unicef si mobilita per aiutare 1,7 milioni di bambini gravemente colpiti dal terremoto.

 

nepal-earthquake-water-girl-593x395Roma, 30 aprile  – Nelle ultime 48 ore, l’UNICEF ha distribuito in Nepal 29 tonnellate di aiuti umanitari. Questi aiuti comprendono: tende, teloni, tavolette per la purificazione dell’acqua, kit di primo soccorso e kit igienici, e fanno parte dell’impegno dell’UNICEF di raggiungere almeno 1,7 milioni di bambini che vivono nelle aree più duramente colpite dal terremoto. Per i prossimi giorni, l’UNICEF sta programmando l’arrivo a Kathmandu di ulteriori aiuti. “Le vite dei bambini in Nepal sono state sconvolte” ha dichiarato Raju Shreshta, Responsabile della Logistica della Supply Division di Copenaghen dell’UNICEF. “Migliaia sono i morti, le case sono state distrutte – la mia famiglia e i miei amici in Nepal sono stati colpiti dal disastro. Agli ospedali mancano scorte mediche e letti. Come prima cosa, l’UNICEF ha inviato in Nepal tende che possano essere utilizzate come centri di cura e come rifugi per le persone che hanno più urgente bisogno. Stiamo inviando anche tavolette per la purificazione dell’acqua per garantire ai bambini e alle loro famiglie l’accesso ad acqua potabile.” Da quando il terremoto di magnitudo 7,8 ha devastato parte del Nepal, l’UNICEF ha distribuito alle comunità colpite tavolette per la purificazione dell’acqua, sali per la reidratazione orale e kit igienici, grazie a 30 tonnellate di aiuti di emergenza preposizionati nel deposito dell’UNICEF in Nepal. Questi aiuti serviranno a prevenire la diffusione di malattie legate all’acqua per le famiglie che hanno scarso accesso ad acqua potabile a causa del terremoto. Più di una dozzina di insediamenti informali sono sorti attorno a Kathmandu, dove l’UNICEF con i suoi partner locali sta portando acqua potabile e scorte igieniche. L’UNICEF con i suoi partner sta lavorando con il Governo del Nepal per garantire che gli aiuti umanitari vengano distribuiti alle comunità colpite il prima possibile attraverso la spedizione di forniture su compagnie aree commerciali e charter. Le agenzie umanitarie stanno lavorando con ritardo a causa delle restrizioni tecniche sul peso massimo per l’atterraggio e sull’uso di grandi aerei. La congestione all’aeroporto di Kathmandu ha aggravato le condizioni logistiche, a causa delle ristrette capacità di stoccaggio e dei mezzi limitati per la distribuzione dei carichi in arrivo. L’UNICEF- che sta lavorando nel paese con oltre 200 operatori-  ha lanciato un appello per 50 milioni di dollari per supportare la risposta umanitaria al terremoto in Nepal per i prossimi 90 giorni. Per questa emergenza, UNICEF e WFP Italia hanno lanciato un numero solidale per donare 1 euro da rete mobile e 2 euro da rete fissa: è possibile donare con un SMS al 45596 da cellulare TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile e CoopVoce o chiamata allo stesso numero da rete fissa da Telecom Italia, Fastweb, Vodafone e TWT.

 

 

Il futuro è nella nostra natura

A Bitonto (Ba) tutti in bici! Il programma delle ciclopasseggiate del programma “Mobilità” del piano dell’offerta formativa territoriale

Ciclopasseggiate UlixesBari, 30 aprile – Mobilità sostenibile sui banchi di scuola ma anche in strada e sugli schermi degli smartphone e dei tablet. È la proposta di Ulixes scs, impegnata in queste settimane con il progetto “Mobilità”, che rientra nel piano dell’offerta formativa territoriale (POFT) e che coinvolge gli studenti dell’istituto tecnico economico “Vitale Giordano” e del liceo classico linguistico “Carmine Sylos”. Coniugando pratica e teoria, dalla prossima settimana partono le ciclopasseggiate, destinate agli studenti ma aperti a tutti i cittadini. Si comincia giovedì 7 maggio, in occasione della Settimana Europea della Gioventù. Tutti in bici dalle 15.15, con appuntamento a piazza Marconi, per raggiungere l’istituto “Giordano” e partecipare al cineforum «I giovani… attori del cambiamento. Una società interculturale, aperta e multiculturale, persone, storie, idee in movimento». L’evento è a cura di Sinergia scs, che gestisce il centro per la mobilità educativa transnazionale dei giovani aderente alla rete Europea Eurodesk. Nell’occasione, saranno proposti due documentari: «Terra di Transito», di Paolo Martino e «Ferrohotel» di Mariangela Barbante. Domenica 10 maggio, in occasione di Bimbimbici 2015, la campagna nazionale ideata e promossa da FIAB, la Federazione italiana Amici della Bicicletta, tutte le associazioni aderenti al bando “Cento pedalate per la legalità” animeranno laboratori e circuiti sul tema «La nuova fiaba della bicicletta».L’appuntamento è in piazza Unità d’Italia, dalle 9 alle 12. Venerdì 15 maggio, in serata, ultimo appuntamento a pedali con «Bici al Chiardiluna», una passeggiata serale per le strade della città a cura della Ulixes scs. Si parte alle 18.45 da piazza Marconi. Oltre alle attività in strada, gli studenti, nelle scorse settimane, hanno seguito in aula lezioni sui temi della mobilità sostenibile. Sono state così presentate tutte le modalità di spostamento urbano (a piedi, in bici), le politiche di sosta e di collegamento intermodale per ridurre l’uso dell’auto che riducono inquinamento e traffico e migliorano la vivibilità urbana. Gli studenti, presso il laboratorio informatico dell’I.T.E. “V. Giordano” hanno poi sviluppato un’app per la gestione del car pooling a scuola, in collaborazione con Cosimo Lisi, dottore di ricerca in “Economia dei trasporti” all’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”. L’app sarà presentata ufficialmente venerdì 8 maggio, in occasione del convegno conclusivo del progetto MUSICAA, Mobilità Urbana Sostenibile Integrata per una Città Armonica e Accessibile del Comune di Bitonto.

 

Expo, le bandiere di tutti i paesi partecipanti sventolano in viale Forlanini

Le bandiere sono state issate dal Nuir nell’ ambito dell’iniziativa “City Dressing” su tutto viale Forlanini a simboleggiare l’accoglienza di Milano verso tutti i paesi partecipanti
ImageProxyMilano, 30 aprile 2015 – Milano si prepara ad accogliere il mondo per Expo. Le bandiere di tutti i Paesi partecipanti all’Esposizione Universale sventolano lungo viale Forlanini, la “porta” di ingresso in città dall’aeroporto di Linate, contribuendo così a dare a milanesi e a turisti la consapevolezza della dimensione internazionale di Milano e del suo tradizionale spirito di accoglienza. Le bandiere sono state issate dal Nuir, il Nucleo Intervento Rapido del Comune, nell’ambito dell’iniziativa “City Dressing”. La “vestizione” della città per Expo ha riguardato anche le bandiere istituzionali dell’Unione europea, dell’Italia e del Comune di Milano, installate negli spazi comunali in tutta la città: da Palazzo Reale al Comando dei Vigili in piazza Beccaria, dalle biblioteche alle scuole, da Villa Scheibler alla Casa delle Donne, dall’aeroporto di Linate al Castello Sforzesco e alla GAM-Galleria d’Arte Moderna, fino a raggiungere ben 500 sedi. Sempre grazie al progetto “City Dressing”, il Comune ha “vestito” molti altri spazi cittadini con striscioni, stendardi, totem e manifesti per accogliere i visitatori e raccontare loro l’Esposizione Universale.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com