UNICEF – Ebola: costruiti 10 Centri in Sierra Leone nel distretto di Bombali

By 16 Novembre 2014Diritti umani

Oltre a provvedere a cure di base e alla quarantena, i centri saranno anche punti strategici per sepolture dignitose e sicure e per le attività di sensibilizzazione tra le comunità

unicef-ebola
Roma, 16 novembre  – 10 nuovi centri comunitari per la cura dell’Ebola saranno aperti questa settimana nel distretto di Bombali in Sierra Leone nell’ambito di una nuova risposta per portare le cure più vicino alle comunità. Costruiti dall’UNICEF, i centri aumenteranno il numero di posti letto nell’area di Bombali, uno dei distretti maggiormente colpiti dall’epidemia di Ebola, che dal maggio scorso ha ucciso più di 1.000 persone in Sierra Leone. “Questi 8 centri (con letti) sono destinati ad ospitare quelle persone colpite dall’Ebola isolate all’interno delle loro comunità; in questi centri possono ricevere cure mediche di base, medicinali, acqua pulita, servizi igienico sanitari e scorte alimentari”, ha dichiarato Roeland Monasch, Rappresentate UNICEF in Sierra Leone. I centri saranno gestiti dal Governo della Sierra Leone attraverso i loro District Health Management Team, in collaborazione con l’ONG locale World Hope International che provvederà alla formazione, al monitoraggio e al mobilitazione sociale. La costruzione è il frutto di un’ampia consultazione con le autorità e leader locali per assicurare che i centri siano accettati e integrati nelle comunità. Oltre a provvedere a cure di base e alla quarantena, i centri saranno anche punti strategici per sepolture dignitose e sicure e per le attività di sensibilizzazione tra le comunità. L’UNICEF fornirà tende, teloni e materiali per la costruzione dei centri, insieme alle forniture giornaliere necessarie per proteggere gli operatori umanitari dal contagio e per curare i pazienti. I fondi sono stati donati dal Dipartimento  per lo Sviluppo Internazionale del Regno Unito. L’UNICEF sta pianificando di costruire nelle prossime settimane altri 30 i centri nei distretti vicini.

“Emergenza Ebola”: è possibile effettuare donazioni tramite il sito: www.unicef.it.

Lascia un commento