Connect with us

Diritti umani

UNICEF: in Yemen – dilaniato dalla guerra – milioni di bambini a rischio di malattie e malnutrizione

Published

on

Tempo di lettura: 2 minuti

Secondo l’UNICEF, l’interruzione dei servizi di vaccinazione sta mettendo circa 2,6 milioni di bambini con meno di 15 anni al rischio di contrarre il morbillo 

05-10-2011yemenkidsRoma, 2 luglio  –Secondo l’UNICEF,  Il conflitto in corso nello Yemen – che ha causato La morte di almeno 279 bambini  e il ferimenti di altri 402 – sta avendo un impatto devastante sul sistema sanitario del paese,  esponendo milioni di bambini alla minaccia di malattie prevenibili. ” Secondo l’UNICEF, l’interruzione dei servizi di vaccinazione sta mettendo circa 2,6 milioni di bambini con meno di 15 anni al rischio di contrarre il morbillo – una malattia potenzialmente mortale che si diffonde rapidamente in tempi di conflitto e di spostamenti di popolazione. I bambini non vengono vaccinati – sia perché i centri sanitari non hanno elettricità o il carburante necessario per mantenere i vaccini al freddo e distribuirli, sia perché i genitori sono troppo spaventati dai combattimenti  per portare i loro figli a  vaccinarsi”, ha detto il dottor Peter Salama , Direttore regionale UNICEF per il Medio Oriente e Nord Africa. “Il tragico risultato è che i bambini moriranno per  malattie come il morbillo e la polmonite che normalmente sarebbero prevenibili”. Il numero di bambini esposti a infezioni respiratorie acute  potrebbe raggiungere 1,3 milioni da quando, a causa dell’escalation del conflitto a marzo molti ospedali e centri sanitari non funzionano regolarmente.  Nel frattempo, oltre 2,5 milioni di bambini sono a rischio di diarrea a causa della indisponibilità di acqua sicura, delle cattive condizioni igieniche e della mancanza di accesso ai sali per la reidratazione orale – rispetto ai 1,5 milioni prima del conflitto. Anche la malnutrizione è una minaccia crescente: L’UNICEF stima che più di mezzo milione di bambini sotto i cinque anni sono a rischio di malnutrizione grave e acuta nei prossimi 12 mesi se la situazione continua a deteriorarsi (rispetto ai 160.000 prima della crisi). 1,2 milioni di bambini sotto i cinque anni sono a rischio di malnutrizione acuta moderata, circa il doppio rispetto a prima della crisi. Nonostante il contesto estremamente difficile, l’UNICEF e i suoi partner continuano a vaccinare i bambini e fornire assistenza a coloro che sono malati o soffrono di malnutrizione acuta. Programmi di prevenzione e di monitoraggio della nutrizione –con  team sanitari e nutrizionali mobili e campagne di vaccinazioni  – sono in atto nelle zone più colpite per monitorare ogni aumento del numero di bambini  che soffrono per una  particolare malattia trasmissibile o per malnutrizione e così rispondere di conseguenza.  Questi interventi di distribuzione regolare e fornitura di acqua potabile e servizi igienici adeguati – portati avanti con l’aiuto dell’UNICEF e dei  suoi partner –  sono fondamentali per prevenire una crisi sanitaria pubblica. L’UNICEF ribadisce l’appello del Segretario Generale delle Nazioni Unite alle parti in conflitto per un cessate il fuoco per facilitare la distribuzione urgente di  aiuti umanitari per i più bisognosi. Come parte di un appello delle Nazioni Unite lanciato il 19 giugno 2015, l’UNICEF chiede  182,6 milioni di dollari per rispondere alle esigenze immediate della popolazione colpita dal conflitto.

Print Friendly, PDF & Email