Connettiti con noi

Ambiente & Turismo

Salute, alcuni prodotti chimici causano autismo e dislessia

redazione

Pubblicato

il

00237b02_mediumUno studio sull’utilizzo dei prodotti chimici denuncia ‘un’epidemia silenziosa‘ che corrode il sistema nervoso dei nostri figli

Melbourne, 17 febbraio – Un nuovo studio, pubblicato su The Lancet Neurology sabato scorso, dimostra che alcune sostanze chimiche tossiche hanno contribuito ai recenti aumenti delle disabilità dello sviluppo neurologico nei bambini, tra cui autismo, disturbo da deficit di attenzione-iperattività e dislessia. I ricercatori della Harvard School of Public Health (Hsph) e della Scuola di Medicina Mount Sinai,  lanciano l’allarme e spiegano che sono urgenti ulteriori indagini scientifiche per controllare e limitare l’uso di queste sostanze . “La più grande preoccupazione è il gran numero di bambini che sono affetti da danno tossico per lo sviluppo del cervello, in assenza di una diagnosi formale”, ha dichiarato Philippe Grandjean, professore di salute ambientale al Hsph. ” Prodotti chimici industriali stanno emergendo come probabili cause di disturbi che portano a ridotta attenzione, ritardo dello sviluppo, e scarso rendimento scolastico. ” Il nuovo rapporto fa seguito a uno studio simile condotto dai ricercatori nel 2006, che ha individuato cinque sostanze chimiche industriali come “sostanze neurotossiche di sviluppo”, o sostanze chimiche che possono causare deficit cerebrali. Il nuovo studio offre risultati aggiornati su quelle sostanze chimiche e aggiunge informazioni sulle sei più recentemente riconosciute come altamente a rischio, tra cui manganese, fluoro, clorpirifos e DDT (pesticidi), tetracloroetilene (un solvente), e etere difenile polibromuro (un ritardante di fiamma).700_dettaglio2_acqua-potabile-2 Lo studio delinea possibili nessi tra tali sostanze, recentemente riconosciute come neurotossiche, e gli effetti negativi sulla salute e la crescita dei bambini. Ad esempio, al manganese la ricerca  associa una ridotta funzione intellettuale e un deterioramento delle capacità motorie. I solventi determinano iperattività e comportamento aggressivo, mentre alcuni tipi di pesticidi possono causare ritardi cognitivi. Molte autorità sanitarie, tra cui l’Organizzazione mondiale della sanità e il governo australiano dicono che bassi livelli di fluoro nell’acqua potabile sono sicuri e contribuiscono a proteggere i denti contro la carie, ma il dottor Grandjean e il dottor Landrigan della Scuola di Medicina Mount Sinai ribattono che almeno  27 studi, tra cui alcuni condotti in  Cina, avevano trovato i bambini, in aree con alti livelli di fluoro nell’acqua, con punteggi di QI significativamente più bassi rispetto a quelli che vivono in zone a basso livello di fluoro.  Grandjean con Philip Landrigan, sostengono che molte altre sostanze chimiche contribuiscono a una “pandemia silenziosa” dei deficit neuro comportamentali, che corrode l’intelligenza e disturba i comportamenti. Ma il controllo di questa pandemia secondo i ricercatori è difficile a causa della mancanza di dati per attuare una efficace prevenzione e la raccolta di una enorme quantità di prove necessarie per arrivare ad una regolamentazione. “Pochissime sostanze chimiche sono state regolamentate a seguito di evidenza scientifica di neurotossicità per lo sviluppo”, scrivono nello studio pubblicato su Lancet Neurology. I ricercatori propongono test obbligatori dei prodotti chimici industriali e la formazione di una nuova Agenzia  Internazionale per valutare prodotti chimici industriali con potenziale neurotossicità per lo sviluppo dei bambini di tutto il mondo. “Il problema è di portata internazionale, e la soluzione deve quindi essere anche internazionale”, ha affermato Grandjean. “Abbiamo i metodi per testare prodotti chimici industriali che hanno effetti nocivi sullo sviluppo del cervello dei bambini – ora è il momento di fare questi test in modo obbligatorio.”

Lascia un commento
Print Friendly, PDF & Email

Categorie