Pitti Taste 2019 celebra il pane italiano


Il Salone di Pitti Immagine dedicato al gusto torna dal 9 all’11 marzo alla Stazione Leopolda di Firenze, con 400 aziende espositrici e un focus speciale sul Pianeta Pane.

Dopo il successo dell’anno scorso con oltre 16mila presenze e grande attenzione da parte dei media, torna Pitti Taste con una grande partecipazione di importanti compratori internazionali provenienti da tutto il mondo.

L’immagine simbolo della quattordicesima edizione di Taste è una combinazione tra un atterraggio lunare e una colazione in un prato, un invito ad esplorare nuove dimensioni del gusto ed a conoscere nuovi prodotti delle eccellenze italiane.


Il percorso principale di Taste si divide in quattro tappe: “Taste Tour” con 380 aziende di prodotti di nicchia e di eccellenza provenienti da tutta la penisola; “Taste Tools” con 14 aziende di oggettistica che va dalle attrezzature tecniche e da cucina, all’abbigliamento; “Taste Shop” un negozio al piazzale Gae Aulenti dove poter acquistare i prodotti esposti lungo il percorso di degustazione; “Taste Events” al Teatro dell’Opera di Firenze, un programma di eventi tra presentazioni di libri, degustazioni e conversazioni.

Il tema di questa edizione è il pane, alimento principe del menù e simbolo di condivisione e di aggregazione, che verrà celebrato da fornai all’opera con laboratori e pane fresco continuamente sfornato. Nicola Giuntini, storico panificatore di Quarrata, realizzerà “Pane Taste”, una ricetta e una forma speciale per l’evento fiorentino. Saranno dedicati al pane anche i talk “Nuove bakery. Evoluzione e Rivoluzione”, “ Geografia e Lessico del Pane” e il laboratorio per i piccoli “Mani in Pasta”, che vedrà venti bambini impegnati nella preparazione e nella cottura del proprio pane.

Sabato 9 marzo presso il Teatro dell’Opera di Firenze si terrà il focus “Ritorno alla Trattoria?”, al quale parteciperanno tra gli altri Marco Bolasco, il curatore della Guida Osterie d’Italia Slow Food e direttore di Enogastronomia e Varia Giunti editore e Federico Malinverno, il presidente dell’associazione Premiate Trattorie Italiane, per discutere del nuovo successo delle trattorie, luoghi evocativi della tradizione culinaria, del territorio e della specificità dei suoi prodotti.

I due grandi chef stellati Massimo Bottura e Massimiliano Alajmo presenteranno a Pitti Taste  le loro due iniziative benefiche:  “Refettorio Ambrosiano  per Expo Milano 2015”, il progetto per il ristoro di persone in difficoltà con il recupero di circa 15 tonnellate di eccedenze alimentari e “Gusto per la Ricerca” una raccolta di fondi destinati alla ricerca scientifica sulle neoplasie infantili e per le strutture di sussistenza rivolte all’infanzia.

La Compagnia del Cioccolato premierà con gli oscar “le Tavolette d’Oro” i migliori cioccolati italiani nelle categorie: latte e latte ad alta percentuale di cacao, gianduia, fondente e origini, aromatizzati e speziati, praline, frutta ricoperta, spalmabili, cremini, cioccolati modicani e le Tavolette speciali.

Aldo Fiordelli, giornalista e critico enogastronomico presenterà l’11 marzo al Teatro dell’Opera di Firenze  “La Fiorentina. Osti, macellai e vini della vera bistecca”, il primo libro dedicato alla   fiorentina, la bistecca che tra pochi mesi sarà candidata a patrimonio dell’Unesco.

Tutta la città di Firenze sarà animata da “FuoriDiTaste”, un vasto programma di eventi tra cene, degustazioni a tema, spettacoli, dibattiti e tanti nuovi modi di interpretare il cibo italiano.

Lascia un commento