Connect with us
Azzera la bolletta

Diritti umani

ONA: l’Europa condanni fermamente l’invio delle armi all’uranio impoverito in Ucraina

Published

on

Tempo di lettura: 2 minuti

L’Europa condanni fermamente l’invio delle armi all’uranio impoverito in Ucraina o si condannerà la popolazione a danni peggiori di quanti possa farne il conflitto”. E’ il monito del presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, Ezio Bonanni, durante l’evento “Governare la complessità” alla Pontificia Università Urbaniana

L’Europa condanni fermamente l’invio delle armi all’uranio impoverito in Ucraina paventato dal governo inglese”. E’ il monito del presidente dell’Osservatorio Nazionale AmiantoEzio Bonanni, presso la Pontificia Università Urbaniana all’evento “Governare la complessità”. “Conosciamo già i danni alla salute che ha provocato nei soldati italiani e stranieri impiegati nelle missioni di pace o di guerra e sulle popolazioni residenti nei luoghi dove sono state utilizzate” – ha sottolineato – “con la contaminazione irrimediabile del suolo e delle acque, si condannerà la popolazione, ma anche tutte le persone che si recheranno in Ucraina per gli aiuti umanitari o per la ricostruzione del Paese, a danni peggiori di quanti possa farne il conflitto. Preservare la salute umana e l’ambiente è importante anche durante i conflitti. Ci affidiamo all’intermediazione di Papa Francesco che sta lavorando per la pace”.

Durante l’incontro, organizzato da Massimo Lucidi, presidente della Fondazione E-Novation, aperto con una Messa nella Cappella Universitaria per le “Vittime dell’amianto e della sicurezza sul lavoro”, il presidente ONA si è concentrato sulla sicurezza sul lavoro e sulle malattie professionali, prime tra tutte quelle legate all’amianto, che rappresentano una percentuale ancora purtroppo molto alta. Del lavoro del futuro non possono certo essere parte le malattie contratte nei luoghi in cui trascorriamo buona parte del nostro tempo per guadagnare quanto necessario per vivere. Investire sulla sicurezza sul lavoro è quindi fondamentale per poi fare un ulteriore salto di qualità pensando ad un’economia nuova, inclusiva, digitale. Il tema che poi è stato sviscerato in tutta la giornata.

Dopo il saluto di Padre Leonardo Sileo Rettore della Pontificia Università Urbaniana, tra i tanti interventi anche quelli di Mons. Vincenzo Paglia, Pontificia Academia pro Vita, Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, e di Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola. Tra gli ospiti anche il giornalista e scrittore Marco Frittella.

Sulla pagina dell’ONA https://www.osservatorioamianto.it/uranio-impoverito-vittime-dovere/ è possibile trovare tutte le informazioni sul rischio dell’amianto e dell’uranio impoverito. L’associazione ha creato, inoltre, un particolare dipartimento di tutela delle vittime del dovere nelle Forze Armate, al quale ci si può rivolgere attraverso il numero verde 800 034 294.

Print Friendly, PDF & Email
Apollo Mini Fotovoltaico
Serratore Caffè

Questo si chiuderà in 0 secondi