New York, 29 aprile – 13 maggio 2019 – In Scena! Italian Theater Festival NY

By 13 Aprile 2019Cinema & Teatro

Annunciate letture e partnership del Festival che porta la drammaturgia italiana nelle Grande Mela 

In Scena! Italian Theater Festival NY, il festival di teatro italiano mirato a far conoscere nella grande Mela alcuni fra i più interessanti, innovativi e coinvolgenti testi teatrali del nostro Paese per divulgarli attraverso la traduzione in Inglese, è lieto di annunciare i nomi delle opere italiane che saranno presentate, in forma di reading, nell’ambito della settima edizione del Festival, in corso dal 29 aprile al 13 maggio p.v.
In partnership per il terzo anno consecutivo con l’Italian Playwright Project (IPP), curato da Valeria Orani (Umanism NYC), ed in collaborazione con il Martin E. Segal Theatre Center at CUNY, In Scena! presenterà in prima americana la lettura de Mio eroe di Giuliana Musso, tradotto da Patricia Gaborick, presso l’Istituto Italiano di Cultura (686 Park Ave, New York, NY 10021), mercoledì 1 maggio ore 18:00. 
Inoltre, in onore del nuovo OnStage! Festival & Award, che ha debuttato a Roma, lo scorso gennaio, avrà luogo una lettura speciale del testo vincitore del primo OnStage Award per opere teatrali americane mai messe in scena: The Girlfriend di Leland Frenkel. L’evento si terrà giovedì 2 maggio ore 18:00 presso la Casa Italiana Zerilli-Marimo’ at NYU(24 West 12th Street, New York, NY 10011). 
In Scena! è anche felice di annunciare la nuova partnership con la prestigiosa Civica Scuola interpreti e Traduttori Altiero Spinelli di Milano, i cui studenti produrranno l’editing di alcune delle traduzioni inglesi per i sopratitoli degli spettacoli della prossima edizione del festival, come parte di un progetto didattico assistito.

Mio Eroe
di Giuliana Musso – Traduzione di Patricia Gaborick
Mercoledì, 1 maggio ore 18:00 @ Istituto Italiano di Cultura 
Mio Eroe è costituito da tre monologhi distinti. Protagoniste sono tre madri di soldati italiani che presero parte alla missione International Security Assistance Force (ISAF) in Afghanistan nel periodo 2008-2010. Due di queste madri persero il figlio in battaglia. Le tre donne sono molto diverse una dall’altra per estrazione sociale, origini geografiche, livello culturale e personalità, ma hanno in comune l’esperienza di madri di soldato. La conversazione delle madri interseca memorie dell’infanzia, storie di eventi tragici e considerazioni sulle scelte dei figli. I personaggi sono inspirati da persone reali ed eventi di vita vissuta.


Giuliana Musso (autrice) è attrice, ricercatrice, autrice, Premio della Critica 2005, Premio Cassino Off 2017 e Premio Hystrio 2017 per la drammaturgia, è tra le maggiori esponenti del teatro di narrazione e d’indagine: un teatro che si colloca al confine con il giornalismo d’inchiesta, tra l’indagine e la poesia, la denuncia e la comicità. Una poetica che caratterizza tutti i suoi lavori: una prima trilogia sui “fondamentali” della vita, Nati in casa, Sexmachine e Tanti Saluti(nascita, sesso e morte), e poi un impegnativo viaggio nella distruttività del sistema patriarcale con La città ha fondamenta sopra un misfatto (ispirato a Medea.Voci di Christa Wolf), La Fabbrica dei preti (sulla vita e la formazione nei seminari italiani prima del Concilio Vat. II) e Mio Eroe (la guerra contemporanea nelle voci di madri di militari caduti in Afghanistan). Dal 2008 la sua “casa” artistica è La Corte Ospitale, Rubiera (RE).

The Girlfriend
Written by Leland Frankel
Giovedì 2 maggio ore 18:00 @ Casa Italiana Zerilli-Marimo’ at NYU
Olivia “Liv” Hughes era la ragazza più popolare di Grace Hills High. Sylvia Merwin era una delle emarginate più denigrate. Poi Eddie Cleary portò la pistola a scuole e tutto cambiò.
Dieci anni dopo le strade di queste due donne si sono drasticamente allontanate: Sylvia vive una vita apparentemente perfetta in città, con un lavoro fantastico e un ragazzo amorevole, mentre Liv è una tossicodipendente in fase di recupero. Prendono accordi per incontrarsi in circostanze misteriose, e Liv rivela un fatto del loro passato comune dimenticato e scioccante. Ne consegue una brutale e sconvolgente resa dei conti, mentre Sylvia e Liv tentano di riconciliare la storia sanguinaria con le loro vite presenti. Innocenza, colpevolezza, onestà, inganno… quando un’azione malvagia viene compiuta, chi è veramente responsabile?

Leland Frankel (Playwright) è un autore premiato residente a Los Angeles, California. Si è recentemente diplomato sia alla UCLA School of Theater, Film and Television (BA in Playwriting) sia all’American Repertory Theater Institute at Harvard University (MLA in Dramaturgy). Le sue opere teatrali sono state prodotte in tutto il mondo, da New York a Londra e Roma. Leland è anche un premiato film-maker e narratore audio, nonchè produttore di teatro immersivo. Altri suoi progetti recenti includono Love/Life, il primo musical scritto per la realtà virtuale, composto da Ryan Scott Oliver, e Masala Jones, il primo podcast Asiatico-Americano sceneggiato, con performer di The Walking Dead, Last Comic Standing, e altro.

In Scena! nasce nel 2013 come evento ufficiale dell’Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, del Ministero degli Affari Esteri e dell’Ambasciata italiana a Washington, D.C.. Presentato in collaborazione con le principali Istituzioni italiane in USA, il festival ogni anno presenta a New York una rassegna di teatro italiano indipendente: produzioni che hanno già circuitato e letture di opere teatrali in traduzione inglese, conferenze, seminari e scambi fra artisti italiani ed internazionali. Scopo ultimo è la promozione del teatro e degli artisti italiani a New York e la costruzione di un ponte fra la scena artistica italiana e newyorkese. Tutti gli spettacoli vengono presentati in italiano con sopratitoli in inglese, salvo dove diversamente indicato. L’ingresso a tutti gli spettacoli e agli eventi speciali è GRATUITO.
Calendario dettagliato e aggiornamenti su  www.inscenany.com – www.kitheater.com – www.kititalia.it

Lascia un commento