Cinema & Teatro

NAZRA Palestine Short Film Festival a Roma ‘BLOODY BASIL’

By 23 Ottobre 2019 No Comments

Proiezione del film documentario di Elia Ghorbiah alla presenza della regista. Introdotto dalla proiezione di altri corti in concorso al festival palestinese. A seguire, dibattito con Elia Ghorbiah e Jean René Bilongo moderato da Monica Maurer. Sala Zavattini FONDAZIONE AAMOD, Via Ostiense 106 – Roma (Centrale Montemartini)

Approda a Roma il Nazra Palestine Short Film Festival, il  primo Festival itinerante di cortometraggi dalla e sulla Palestina e sceglie come cornice ideale l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico. Nella Sala Zavattini della Fondazione AAMOD giovedì 24 ottobre, a partire dalle ore 17:30, avrà luogo la proiezione di una serie di lavori incentrati sull’argomento: si parte con i corti Made in Palestine di Mariam Dwedar (USA, 2019); Coffee pot di Thaer Al Azzah (Palestine, 2018); Checkpoint300 di Ahmad Al Bazz (Palestina, 2017); The bus driver woman di Iyad Alasttal (Palestina, 2016) e si conclude con Bloody Basil di Elia Ghorbiah (Palestina, 2018): un documentario che racconta la  situazione delle donne palestinesi che lavorano nelle colonie israeliane e sono sottoposte a continui, intollerabili abusi e umiliazioni da quando il regime di occupazione ha confiscato le terre ai contadini palestinesi, e li ha costretti così a lavorare negli insediamenti spesso illegali e sotto un sistema di caporalato. A seguire, avrà luogo un dibattito con la regista Elia Ghorbiah e Jean René Bilongo, sindacalista della Flai-Cgil che da anni si impegna contro il caporalato e lo sfruttamento  nell’agricoltura; l’incontro sarà moderato da Monica Maurer la documentarista e curatrice del Cineforum Palestina 

L’ingresso alla proiezione è libero a tutti fino ad esaurimento posti. Si consiglia la prenotazione su [email protected]

Elia Ghorbiah


Giornalista freelance creativa, passionale, femminista e multitasking con anni di esperienza nel settore dei media, Elia Ghorbiah è anche esperta in riprese, produzione, fotografia, montaggio, scrittura di notizie, social media e radio e ha conseguito una laurea in giornalismo e scienze politiche dalla Bir Zeit University.

Attualmente lavora come produttrice presso Al Jazeera Media Network con AJ + arabo un canale di notizie online, nonché con “Contrasto” lo studio di narrazione creativa della sede centrale della rete Al Jazeera a Doha, in Qatar.

Il suo primo documentario “The bitter Ink” sulla produzione letteraria dei prigionieri politici palestinesi ha vinto il Premio come Miglior film al quindicesimo Al Ard Doc Film Festival.

Lascia un commento