Diritti umaniItalia

Guardia Costiera salva 1500 migranti durante la vigilia di Pasqua

By 8 Aprile 2015 No Comments

Cinque i soccorsi effettuati solo due giorni fa dalla Guardia Costiera e dalla Marina Militare per un totale di circa 1500 migranti tratti in salvo e partiti dalle coste della Libia.

Roma, 7 aprile – Nuova ondata di partenze di migranti dalla Libia, cinque i soccorsi effettuati solo due giorni fa dalla Guardia Costiera e dalla Marina Militare per un totale di circa 1500 migranti tratti in salvo.
Le prime richieste di soccorso, pervenute il 4 di mattina al Centro Nazionale di Soccorso della Guardia Costiera di Roma, informavano,tramite telefoni satellitari, di tre barconi alla deriva a largo delle acque libiche. Dopo aver effettuato la localizzazione dei telefoni satellitari sono stati inviati Nave Dattilo CP940 e Nave Fiorillo CP904 entrambe della Guardia Costiera. Individuati i primi due barconi Nave Dattilo procedeva al trasbordo di 459 migranti mentre Nave Fiorillo ne recuperava 82. Successivamente CP940 mentre dirigeva sul terzo barcone per effettuare il trasbordo di altri 257 migranti ne individuava un quarto a poche miglia di distanza. Nel contempo perveniva un’altra segnalazione che informava della presenza di un quinto barcone sempre nella stessa area. Veniva quindi chiesto, dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera di Roma, l’intervento di Nave Bettica della Marina Militare che navigava in zona. Nave Bettica dopo aver individuato il barcone ed aver effettuato il trasbordo di 349 migranti prendeva a bordo gli 82 migranti precedentemente salvati da Nave Fiorillo. Finite le operazioni di trasbordo Nave CP904 dirigeva verso NaveDattilo che nel frattempo era rimasta in assistenza al quinto barcone. Dopo averne salvati altri 332, Nave Fiorillo si è diretta verso il porto di Lampedusa mentre Nave Dattilo è arrivata nel tardo pomeriggio ad Augusta.



Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com