Connect with us

Diritti umani

Grave episodio di violenza contro una dottoressa del Pronto Soccorso del Grassi di Ostia. La denuncia di Cisl Medici Lazio

Published

on

Il Pronto Soccorso dell’ospedale Grassi di Ostia è un posto di autentica frontiera sempre più spesso frequentato da soggetti sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Urge intervento delle istituzioni

La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale vuole fare conoscere alla più ampia platea dei cittadini, ma anche ai decisori politici, quanto accaduto lunedì 12 luglio intorno alle 16:00, presso il Pronto Soccorso dell’ospedale Grassi di Ostia quando una dottoressa in servizio è stata aggredita da una donna in evidente stato di agitazione che ha tentato di strangolare la Collega.

La dottoressa è stata salvata dall’intervento del personale sanitario presente: evidenti le lesioni poi riscontrate a livello del giugulo. 

Nel tentativo di difendere la dottoressa anche un secondo medico veniva ferito riportando una infrazione costale ed un trauma cranico oltre alla rottura dei propri occhiali da vista.

Il personale lamenta l’ennesimo episodio violento occorso presso il Pronto Soccorso dell’ospedale Grassi di Ostia, un posto di autentica frontiera sempre più spesso frequentato da  soggetti sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

 La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale – continua il comunicato a firma dei segretari Luciano Cifaldi e Benedetto Magliozzi – chiede l’intervento delle Autorità preposte per aiutare chi ogni giorno si prodiga per rispondere ai bisogni di salute di una popolazione di quasi 250 000 abitanti. 

La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale torna a chiedere l’apertura di un posto di Polizia fisso a tutela degli operatori per far sì che si possano prevenire e reprimere le aggressioni.

Auspichiamo che la direzione generale della ASL Roma 3 voglia costituirsi parte civile a tutela dei due medici dipendenti: sarebbe un gesto concreto nei confronti degli operatori sanitari ed un chiaro segnale di cambiamento di rotta rispetto a alle stucchevoli solidarietà di facciata alle quali ci siamo abituati ma che valutiamo con disgusto.

Ma non può e non deve bastare la nostra solidarietà espressa con questo comunicato: la Cisl Medici  si farà carico delle spese di giudizio nel caso in cui i due nostri colleghi vorranno denunciare il soggetto aggressore. Tolleranza zero verso gli aggressori ma anche vicinanza concreta ai nostri due colleghi medici.

Lascia un commento
Print Friendly, PDF & Email

Categorie