Connettiti con noi

Diritti umani

Gli Stati Generali delle Donne a sostegno delle Maestre Vincolate

redazione

Pubblicato

il

Gli Stati generali delle Donne si appellano a tutte le Forze Politiche, chiedendo di rinunciare ai soliti balletti e giochi politici sulla pelle dei lavoratori e delle lavoratrici della scuola

Pina Rosato Vicepresidente degli Stati generali donne Hub               
Isa Maggi Responsabile Nazionale Stati generali delle Donne 

Il cosiddetto “Vincolo quinquennale” introdotto con D.L. n°126/2019, afferma che  docenti immessi in ruolo con decorrenza giuridica 1° settembre 2020, a prescindere dalle graduatorie di reclutamento, GaE, concorso 2016, concorso 2018 e per ogni ordine e grado di istruzione non potranno partecipare per ben cinque anni né alla mobilità territoriale, né a quella professionale (passaggi di cattedra e di ruolo) e neanche alle successive operazioni di mobilità annuale (Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali ed interprovinciali) e quindi   pone i docenti (soprattutto donne e giovani madri) di fronte ad un bivio: diventare docenti di ruolo, dopo decenni di precariato  o  godere del diritto di  famiglia e della “cura“ dei propri “bambini/e”?
 Il “Vincolo”, che di fatto contiene in sé questa scelta , non espressamente dichiarata,  va eliminato, soppresso.
È notizia  recente : “L’Emendamento per assegnazione provvisoria RIAMMESSO! (con modifica che ne limita validità a un anno…) Si riaccende quindi un lumicino in fondo al tunnel: ma al momento non vi è nulla di certo su come si svilupperà la vicenda.
Gli Stati generali delle Donne si appellano a tutte le Forze Politiche, chiedendo di rinunciare ai soliti balletti e giochi politici sulla pelle dei lavoratori  e delle lavoratrici della scuola, e di sottoscrivere e approvare congiuntamente un Unico e Condiviso Emendamento che sopprima, seppur per un anno la discriminazione in atto e ristabilisca  un minimo di equità  e dignità ai lavoratori della scuola. Perchè di questo si tratta.
Le Donne degli Stati generali, auspicano quindi l’approvazione immediata dell’Emendamento che sblocchi la situazione in questa fase pandemica ancora in atto, ma dichiarano con convinzione che saranno a fianco dei/delle  “docenti vincolati” per una soluzione definitiva del problema con la totale soppressione  di un “Vincolo” che a parer nostro risulta: discriminatorio, retroattivo, che nega la pari opportunità e accentua le disuguaglianze e cambia le regole d’ingaggio a gioco iniziato, e cosa ancor più grave che crea antitesi tra diritto al lavoro e diritto di cura dei propri figli/e .

Lascia un commento
Print Friendly, PDF & Email

Categorie