Diritti umani

Fidh. Rilasciato Oyub Titiev,  difensore dei diritti umani in Cecenia

By 22 Giugno 2019 No Comments

Titiev, capo del Centro diritti umani (HRC) Ufficio “Memoriale” in Cecenia , ha  passato 17 mesi in prigione con un’accusa infamante e non reale: possesso di marijuana. La Fidh denuncia gli abusi a danno del difensore dei diritti umani e chiede con forza l’annullamento della condanna a 4 anni che l’uomo deve ancora scontare

Il difensore dei diritti umani Oyub Titiev è stato rilasciato sulla parola oggi dopo aver scontato 17 mesi di una condanna a quattro anni di carcere per accuse inventate. Titiev e la ONG per i diritti umani per cui stava lavorando, Memorial, sono da tempo una spina nel fianco delle autorità locali a causa del loro ruolo chiave nel documentare gravi violazioni dei diritti umani in Cecenia.

L’Organizzazione mondiale contro la tortura (OMCT) e la FIDH, nel quadro dell’Osservatorio per la protezione dei difensori dei diritti umani, insieme al Partenariato internazionale per i diritti umani (IPHR), accolgono con favore la liberazione su parole di Titiev, capo del Centro diritti umani (HRC) Ufficio “Memoriale” in Cecenia, ma ancora una volta chiedono alle autorità di annullare la sua condanna, fornirgli il pieno risarcimento e fornire garanzie che lui e tutti gli altri difensori dei diritti umani saranno autorizzati a proseguire  il loro vitale lavoro sui diritti umani senza ulteriore impedimento o molestia da parte di funzionari locali o federali.

“Siamo sollevati Oyub è finalmente libero. Tuttavia, per chi commette per la prima volta un crimine non grave, è prassi comune ottenere una liberazione anticipata in libertà vigilata. Quello che è stato straordinario, è stato il caso criminale inventato contro Titiev e il processo in un tribunale in Cecenia “, ha affermato Gerald Staberock, segretario generale dell’OMCT.


Il 18 marzo 2019, il tribunale della città di Shali ha condannato Titiev a quattro anni di carcere per “possesso di marijuana in grandi quantità” (articolo 228, paragrafo 2, del codice penale russo). Titiev, che è stato arrestato il 9 gennaio 2018, ha recentemente richiesto il rilascio anticipato in conformità con la legge russa e il 10 giugno 2019 il tribunale della città di Shali ha approvato la sua richiesta.

“Oyub non dovrebbe mai essere stato arrestato, in primo luogo: le autorità dovrebbero ripristinare i suoi diritti dopo 17 mesi di procedimenti giudiziari abusivi, detenzioni arbitrarie e campagne diffamatorie”, ha dichiarato Dimitris Christopoulos, Presidente della FIDH.

Oggi l’Osservatorio e l’IPHR pubblicano una nota di osservazione sul processo e la condanna di Titiev. La nota mostra come il processo è stato pieno di violazioni degli standard del giusto processo. Prima dell’inizio del processo, il leader della Cecenia, Ramzan Kadyrov, ha dichiarato pubblicamente che Titiev è un tossicodipendente, violando così la presunzione di innocenza dell’accusato. Durante il processo durato otto mesi, il giudice ha respinto ripetutamente le mozioni di difesa per condurre un’indagine su affermazioni ben comprovate che la marijuana era stata messa nella macchina di Titiev.

“La liberazione di Oyub è una grande notizia per la sua famiglia, i suoi colleghi e l’intero movimento per i diritti umani dentro e fuori la Russia, il caso dimostra l’importanza di solidarietà e sostegno coordinati che possono portare a risultati positivi anche in contesti autoritari”, ha dichiarato Brigitte Dufour, Direttore di IPHR.

Fonte: FIDH

Lascia un commento