Connect with us

Italia

Festa della Mamma: 10 regali cheap to chic

Avatar

Published

on

Per la MAMMA CHE AMA I MERCATINI 

image001 (1)Roma, 17 Aprile – Domenica 8 maggio il Castello di Gropparello (PC) abbassa il ponte levatoio su un universo reale e immaginario al tempo stesso: il Mercato Medievale, che trasporta i suoi banchi e le sue tradizioni tra le mura del maniero sulle colline piacentine. A partire dalle ore 10 i battenti apriranno per tutti i curiosi, grandi e piccini, che vorranno immergersi nelle atmosfere del commercio e della tradizione artigianale, guidati da attori e figuranti che coi loro banchetti mostreranno i costumi, i gesti e i materiali utilizzati un tempo, coinvolgendo il pubblico in prima persona. Tutte le attività artigianali presenti tra i banchi sono infatti esperienziali. Il che significa che – dalla tessitura alla scultura della pietra, dal macramè alla cardatura e filatura della lana – piccoli e grandi si possono cimentare con esse. Seduti sul trono, il Re e la Regina contempleranno la serenità del giorno di festa ed attenderanno gli avventurosi ospiti per condurli nel vastissimo Regno della Fantasia, fra scorribande reali e immaginarie, fino a quando i piccoli guerrieri, guidati dal Cavaliere, assoldati con urgenza, si troveranno a dover difendere la Corte dagli attacchi di forze esterne che minacciano il castello, proprio mentre gli ignari genitori passeggiano tranquillamente tra i banchi e le botteghe del mercato. Prenotazione obbligatoria (Tel. 0523.855814,www.castellodigropparello.it)

 Per la MAMMA GOLOSA – 

HappyMama-Giardiniera-e-pere-al-balsamicoA fare la Mamma “Happy” nel giorno della sua festa, ci pensa HappyMama, il laboratorio di Barco di Bibbiano (RE) che confeziona piccole grandi emozioni: marmellate, composte e salse da contorno dolci o salate. Per le mamma dall’anima dolce niente di meglio che”Cuore di Marmellata”, la confezione che comprende 4 vasetti da 314 grammi con confettura di Fragola, Pera e Cioccolata, Ciliegia, Fichi . Invece le amanti del salato non potranno resistere a “Contorno Delizia”, che comprende 4 vasetti da 212 grammi con Nettare di Porri, Cipolline al Balsamico, Giardiniera fine e Composta Rossa Piccante. A guardarle da fuori, le confetture di HappyMama son proprio come una volta. Dentro, però, c’è un controllo effettuato con tecnologie moderne, e materie prime scelte personalmente a chilometro zero, portate dal contadino, lavorate e stoccate immediatamente dopo la raccolta per conservarne intatti profumi e sapori, senza conservanti, addensanti, pectine o additivi (Tel. 348 8845113, www.happymama.it).

Antica-Corte-Pallavicina-Corso-orto-4Per la MAMMA col POLICE VERDE – 

Che coltivare l’orto faccia bene alla salute, ormai è assodato. Mettere nel piatto prodotti sani, ma anche passare un po’ di tempo a prendersi cura di quel colorato fazzoletto di terra che salva dall’aridità della routine, dai clacson e dallo stress. C’è un maestro come lo chef stellato Massimo Spigaroli che ha creato un orto vario e bello intorno al relais Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense (PR). Vero esperto e difensore del cibo a “metro zero”, Spigaroli apre il suo giardino di verdure per insegnare a seminare, coltivare e cucinare gli ortaggi: si chiama “I Segreti dell’Orto”, sono quattro appuntamenti sino ad ottobre 2016, e ogni volta ci si porta a casa anche una cassetta con le primizie della produzione dell’Antica Corte Pallavicina.  (Tel. 0524 936539, www.acpallavicina.com/relais)

 Per la MAMMA MARITTIMA 

Hotel-Aquadulci-18All’estremo sud della Sardegna, c’è una punta di mare più volte eletta dai registi come set ideale: è la spiaggia di Su Giudeu. Con acque dai fondali ricchi di pesci eccellenti per lo snorkeling, sembra Caribe,  ma è orgogliosamente Italia. In questo scenario sorge l’Hotel Aquadulci di Chia (CA) che guarda Su Giudeu luccicare e le dune sabbiose mutare forma. Il giardino, di essenze mediterranee e palme appena spettinate dal vento, ospita una piscina dai bordi sinuosi che ricordano le coste sarde, incantevole luogo in cui servirsi un aperitivo prolunga la giornata sino al tramonto. Per poi continuare a viverla nelle suite dal design contemporaneo, pensate nei toni del bianco e del beige, con grandi terrazze che sono come cannocchiali puntati verso il mare, angoli privilegiati dai quali dominare da capitani le onde tranquille della vacanza. La cucina del ristorante Aquadulci è improntata sul territorio e offre agli ospiti un’ampia scelta di raffinate portate a chilometro zero.  (Tel. 070 9230555, www.aquadulci.com)

 Per la MAMMA SALUTISTA – 

Recuperare la forma perduta e l’abitudine ad un’alimentazione corretta ed equilibrata, gustosa sì ma prima di tutto leggera, è molto semplice, grazie a Olivilla, la prima ed unica padella naturalmente antiaderente. Il suo segreto è Ollia-Tech, un rivestimento messo a punto da Illa, la storica azienda di Noceto (PR), composto esclusivamente da solventi ad acqua e sostanze naturali, tra cui l’olio d’oliva, e non contiene metalli pesanti. E’ questo che le permette di cucinare senza grassi, esaltando il gusto autentico dei cibi. Olivilla è brevettata e totalmente Made in Italy; a progettarla ci hanno pensato gli esperti del Dipartimento Ricerca e Sviluppo di Illa, che hanno così dato il via ad una piccola rivoluzione: tornare ad uno stile di vita più salutare e attento all’Ambiente, cucinando in modo sano e sicuro. La nuova nata in casa Illa è ecologica anche nei consumi: il fondo alto 4,5mm consente una diffusione del calore più omogenea e riduce i tempi di cottura, per un maggiore risparmio energetico. (Tel. 0521 667511,www.illa.it)

Aquadulci-Benessere-2Per la SUPER MAMMA (che non si stacca dai figli)  Le offerte più vantaggiose e creative per la festa della mamma 2016 sono con il consorzio Italy Family Hotels

A volte si guarda allo specchio e vorrebbe essere un pochino più abbronzata dopo il lungo inverno? La scelta allora è semplice: mare. Sulla spiaggia di Pesaro (PU) c’è l’Hotel Nautilus, che ha anche l’asso nella manica della cucina del ristorante Olivo. A poca distanza dal centro storico, è perfetta per chi voglia godersi una vacanza su due ruote, portando a spasso anche i bambini sulle piste della cittadina. Le mamme nel weekend dal 6 all’8 maggio soggiornano gratis. E anche il bimbo fino ai 2 anni soggiorna gratis, mentre il secondo figlio e i bambini da 2 a 12 anni hanno lo sconto del 50%.

 Massaggi e bellezza a Cattolica

Le mamme son tutte meravigliose. Ma sul lungomare di Cattolica (RN), in una posizione affacciata sul mare, l’Hotel San Marco dona loro un mare di gesti affettuosi per farle ancor più belle. Dal 13 al 31 maggio 2016, con un soggiorno di minimo 3 giorni in mezza pensione o pensione completa, c’è in regalo a scelta un set di coccole, un massaggio al viso, manicure o una messa in piega. La struttura è adatta anche ai bimbi più piccoli, perché gli ospiti ricevono gratuitamente tutte le dotazioni possibili per viaggiare in completa libertà: biciclette, lucine anti-buio, copri prese di sicurezza, vaschette per il bagnetto, passeggini, seggiolini. C’è una tranquilla piscina con idromassaggio e una spaziosa spiaggia con aree per i bambini, seguiti da Lillo nel miniclub.

Benessere con vista sul Golfo di Alassio (SV)

Sulla Riviera ligure di Ponente, di fronte all’incanto del Golfo di Alassio (SV), c’è una struttura costruita sul mare: è l’Hotel Savoia, ristrutturato da poco e ricco di confort, invita le mamme con i propri bambini ad una vacanza indimenticabile. Spiaggia privata,trattamenti benessere, terrazza solarium: sono soltanto alcuni dei motivi per sceglierlo. Il ristorante propone un ricco buffet ma anche, a “La Prua”, deliziosi menu à la carte. Per la festa più dolce dell’anno, con 7 notti per 2 adulti e un bimbo, c’è uno sconto del 20% per la mamma.

Castello-di-Petroia-Cocktail Un resort nel verde della Val di Fiemme

Mamme avventurose e un po’ stressate dal lavoro e dalla città? Si entusiasmeranno in Val di Fiemme, all’Hotel Rio Stava Resort & Spa di Tesero (TN). Tra ambienti tranquilli e rilassanti ai piedi delle Dolomiti, è la scelta adatta a chi prediliga sport all’aria aperta per poi tuffarsi nelle piscine e centro wellness. I bambini vivono nuove avventure ogni giorno con il buffo folletto Salvanèl in spazi differenziati per età, sia interni sia all’aperto: pareti da arrampicata, laboratori, il Lego-cantiere campi da calcetto, ping pong, air hokey e parco giochi nel giardino. Dall’1 maggio al 19 giugno 2016 “Vacanza attiva in montagna” comprende 3 pernottamenti da giovedì a domenica oppure 4 pernottamenti da domenica a giovedì in pensione ¾ gourmet all inclusive.

Per informazioni: Italy Family Hotels

Per la MAMMA WELNESS-ADDICTED 

Le Terme della Salvarola sulle dolci colline di Modena offrono alle mamme un “Bouquet di rose” , che comprende 1 pernottamento in camera doppia Classic con prima colazione a buffet, 1 body peeling con petali di rosa centifolia (macerati in olio caldo e  sale rosa dell’Himalaya), 1 massaggio con olio caldo arricchito diolio essenziale di rosa centifolia, varietà dalla spiccata azione equilibrante nei confronti della pelle (40 minuti) e 2 “Giornate di Benessere” alla Spa Termale Balnea con 5 tra vasche e piscine di acqua termale a diverse temperature con idromassaggi e giochi d’acqua, camminamenti vascolari, sauna, bagno di vapore con aromi, luci colorate e zona relax, assistenza medica, utilizzo della grande palestra cardiofitness e infusi da gustare durante i trattamenti.(Tel. 0536 871788, www.termesalvarola.it/balnea)

Per la MAMMA AVVENTUROSA 

Sai quando non ne puoi più lavori di casa, ufficio, portare i bimbi a scuola-nuoto-dentista… e ti ritrovi a sognare momenti gaudenti all’aria aperta, sfrecciando in libertà con il vento tra i capelli? Ecco, quello è il momento giusto per concedersi una giornata on the road sotto il sole a bordo di una fiammeggiante auto d’epoca. Un viaggio speciale in un’originale atmosfera vintage. A far vibrare la bacchetta dei desideri è Slow Drive, l’azienda leader nel settore del noleggio libero senza conducente d’auto d’epoca, che a maggio riserva gite speciali per le “mamme in fuga”. Dalle diverse sedi Slow Drive disseminate in tutto il nord Italia – Torino, Bergamo, Parma, sul Lago di Como e nella sede di Padenghe sul Garda (BS) – si può scegliere tra un parco macchine d’eccezione, guidando automobili come Alfa Spider, Roadster inglesi, Maggiolini cabriolet, Fiat 500 e Mini Cooper. Tanti i paesaggi e i borghi da attraversare immersi tra i profumi dei fiori e della brezza primaverile: dagli incantevoli panorami del Lago di Garda e del Lago di Como alla Franciacorta, dal Lago d’Iseo alla Valpolicella, dalle Langhe piemontesi al fascino della città alta di Bergamo,  dalla Motor Valley di Modena  fino a sfiorare Parma, la sua Food Valley e le storiche strade della Mille Miglia. (Cell. 338 9785124, www.slowdrive.it).

 Per la MAMMA ROMANTICA

Il Castello di Petroia, favoloso resort contemporaneo che affonda le radici nell’anno Mille a pochi chilometri da Gubbio (PG), ha preparato un’offerta terribilmente romantica per la mamma, a cui far fare dal papà una sorpresa d’amore: valida per tutti i weekend di maggio 2016 prevede un ingresso idilliaco alla magione, con un tappeto di petali che accompagna sino alla propria suite, in cui la mamma sarà attesa da un mazzo di rose rosse. Sono 13 stanze diverse, dalla torre inespugnabile su due livelli, alla de-luxecon mini piscina idromassaggio per due, tutte decorate per l’occasione con fragranti boccioli rossi appena colti. Immersi nel silenzio delle assolate colline umbre, protetti da solide mura e da un parco di 130 ettari con piscina, è questa un’idea da sogno, da festeggiare con un brindisi a base di cocktail ovviamente alla rosa rossa, accanto a una coppa di fragole altrettanto rosse e di cui è stato sancito il potere afrodisiaco.  (Tel: 075 920287, www.petroia.it/).

Per la MAMMA STRESSATISSIMA

Una intera, rilassante settimana di mare è quello che ci vuole per rigenerare la mamma dopo le fatiche quotidiane tra case e lavoro! Con la sicurezza che i bimbi sono in buone mani grazie a spazi, attività, menù, ristorante, personale a loro dedicato. I piccoli ospiti allegri e impegnati rendono felici e rilassati i genitori, e la vacanza è vacanza vera nei Ricci Hotels di Cesenatico (FC).  (Numero verde 800 014 040, www.riccihotels.it)

Lascia un commento

Italia

Arleo su Legge di bilancio: bene le misure per il decollo delle zes e aumento dei beneficiari di Resto al Sud

Avatar

Published

on

Il responsabile dell’Osservatorio sulla ricostruzione economica post COVID-19 di Competere.eu commenta alcune novità della Legge di Bilancio finalizzate a rilanciare l’economia nel Mezzogiorno

“Ben vengano le misure relative alle zone economiche speciali e all’ampliamento della platea dei beneficiari di Resto al Sud al fine di aiutare le start up nelle Regioni meridionali”. 

Lo dichiara Giuseppe Arleo, responsabile dell’Osservatorio sulla ricostruzione economica post COVID-19 di Competere.eu.
“Con i commi 173-176 e 170 della Legge di Bilancio – spiega Arleo – si definiscono misure molto importanti al fine di aiutare in maniera concreta coloro che intendano avviare un’attività imprenditoriale al Sud.  Nel primo caso è prevista una rilevante agevolazione fiscale per chi avvia un’attività d’impresa nelle zone economiche speciali istituite nel Mezzogiorno d’Italia, pari al 50% a decorrere dal periodo d’imposta nel corso del quale è stata intrapresa l’attività e per i 6 periodi d’imposta successivi. Con il comma 170, invece, si amplia la platea dei beneficiari delle agevolazioni di Resto al Sud, portando da 45 a 55 il limite d’età per poter accedere alle incentivazioni stabilite.

Sono due azioni diverse in tema di politiche agevolative, una fiscale l’altra finanziaria, ma entrambe sicuramente destinate a produrre risultati positivi, se saranno attuate in maniera rapida e veloce, pertanto riducendo al minimo il periodo di attesa dei passaggi burocratici necessari in modo da renderle immediatamente operative”.

Per il responsabile dell’Osservatorio sulla ricostruzione economica post COVID-19 di Competere.eu, i commi da 173 a 176 possono rappresentare finalmente l’auspicata svolta per le Zes. “Potrà essere finalmente valorizzata l’istituzione di questo nuovo strumento, la cui messa in pratica è stata di fatto rimandata per diversi anni. Con l’incentivo fiscale le Zes diventano concretamente attrattive per un sistema impresa che voglia tornare a essere protagonista, superando il periodo drammatico che ancora stiamo tutti vivendo”.

Giudizio positivo anche per le modifiche di Resto al Sud, incentivo gestito da Invitalia e che agevola l’avvio di attività nelle Regioni del Mezzogiorno e nelle aree del Centro colpite dal sisma nel 2016 e 2017. “L’innalzamento dell’età a 55 anni”, sottolinea Arleo, “consente a coloro che, per via della crisi generata dalla pandemia, non abbiano più un contratto di lavoro o vogliano riconvertire la propria attività, di avere una possibilità concreta di avviare una nuova iniziativa imprenditoriale, con un incentivo che copre l’intero investimento da realizzare. Resta purtroppo ancora escluso dalle agevolazioni il settore commerciale”.

Lascia un commento
Continue Reading

Featured

Crotone, episodio di violenza tra due giovani. Pestaggio ripreso con un telefonino

Benedetta Parretta

Published

on

Ripreso con uno smartphone il pestaggio di un adolescente, il filmato fa il giro del web. L’aggressore del coetaneo è figlio del pugile crotonese Tobia Giuseppe Loriga.

Nei giorni scorsi è stato diffuso in rete un video ripreso a Crotone nel quale si vedono due giovani ragazzi litigare violentemente tra di loro. In particolare uno di essi viene ripreso mentre con calci e pugni colpisce l’altro ragazzo inerme a terra, intimandogli di non reagire sennò continuerà a picchiarlo fino ad ucciderlo, mentre il povero malcapitato tenta di coprirsi il volto con le mani.

Altri ragazzi riprendono la macabra scena che si tinge del color rosso del sangue della vittima, che inorridito non reagisce più.

Alcune grida di altri coetanei suggeriscono l’utilizzo di alcune mattonelle per continuare a colpire il ragazzo, e negli occhi del ragazzino è palese la paura di morire, quando viene colpito da più testate violente restando visibilmente stordito.

I poliziotti della squadra mobile della Questura hanno in breve tempo identificato aggressori e complici protagonisti della vicenda, avvenuta a Crotone nello scorso mese di dicembre in un magazzino abbandonato della città a quanto pare per futili motivi, i partecipanti sono tutti minorenni.

Non si sa ancora quali sono i motivi della lite, ma si conosce il nome dell’aggressore che riempie di botte l’altro ragazzo nel video. Si tratta del figlio del pugile crotonese Tobia Giuseppe Loriga.

Per questo la Procura della Repubblica di Crotone ha trasmesso gli atti alla Procura per i minori di Catanzaro che sta valutando le responsabilità di ognuno dei protagonisti e le relative ipotesi di reato. “Quanto accaduto – si legge in una nota della Questura di Crotone – deve essere sicuramente stigmatizzato e pertanto si invita la cittadinanza a denunciare alle forze di polizia eventuali analoghe situazioni, al fine di prevenire il compimento di gesti emulativi”.

La Crotone degli adulti dovrebbe dimostrare in modo chiaro e tangibile che è contro la violenza, contro il bullismo. Un gesto concreto verso chi è vittima di pestaggi brutali è il minimo. Anche perché quando un minore si macchia di episodi di grave violenza i veri responsabili sono gli adulti, siamo noi che non sappiamo infondere i giusti messaggi e la morale, siamo sempre noi gli adulti che diamo l’esempio e dobbiamo preservare e riempire di contenuti il futuro dei nostri figli.

Qui di seguito il messaggio su FB del campione di pugilato Tobia Giuseppe Loriga in risposta a quanti lo hanno attaccato dopo l’episodio di violenza perpetrato dal figlio ai danni di un coetaneo. E anche se Facebook è una sorta di Agorà anche del mondo degli adulti, forse qualcosa di più poteva essere fatto per essere esempio costruttivo e non solo…’personaggi in cerca d’autore’!

Non posso che condannare, come padre, come atleta e come cittadino, il gesto fatto da mio figlio, divenuto in queste ore di dominio pubblico. Occorre però effettuare, sin da subito, alcune importanti precisazioni. Preliminarmente, i fatti sono stati commessi nel mese di dicembre, prima della celebrazione del Natale. Preso coscienza dei fatti – come mia abitudine e costume – ho incontrato immediatamente i genitori del ragazzo dove, a colloquio, alla presenza anche di Pierfrancesco, abbiamo voluto capire cosa fosse successo. Sempre in quella occasione, poi – come mia abitudine e costume – ho chiesto scusa al ragazzo ed alla famiglia. Sempre durante il privato colloquio, i ragazzi,oltre a chiarirsi e stringersi la mano in segno di pace, non riferivano di quanto si vede nel video, da me appreso, con forte rammarico, solo in queste ore. Ulteriore colloquio privato poi è stato tenuto, nuovamente con i genitori del minore, alla presenza delle Forze dell’Ordine DA ME PERSONALMENTE PORTATE! Anche in quella occasione ho chiesto umilmente scusa, l’ho invitato a venire in palestra gratuitamente – con la felicità e complicità del padre che mi rassicurava che lo avrebbe portato lui personalmente – e per sempre, nonostante porto ancora in cuore il rammarico e la delusione per quanto accaduto. E’ inutile dire che con il padre del ragazzo ci siamo pacificamente chiariti. Ancora, sempre successivamente al predetto incontro, il ragazzo commentava alcuni miei post con dei cuori. Ora, chi ha imparato a conoscermi, sia come uomo che come atleta, sa quanto sia contrario alla violenza, in qualsiasi forma essa si presenti. Chi mi conosce sa bene che insegno ai miei allievi la non violenza ed anzi, utilizzare la nobile arte fuori dalla palestra – qualunque sia il motivo – vuol dire essere immediatamente espulsi. Cresco ed accudisco i miei allievi come figli, cercando di non far loro compiere gli stessi miei errori commessi in gioventù. Sfido qualsiasi padre a dire diversamente. Chi non ha mai commesso errori in gioventù? E chi vorrebbe che i figli commettano gli stessi errori dei padri? Sono però rammaricato anche per le aspre e gratuite critiche che mi vengono mosse come padre e genitore. Ho dato a Pier tutta l’educazione possibile. Gli ho dato i migliori consigli che un padre possa dare. Gli ho insegnato che si è forti se si è buoni nell’animo e non violento nella mani. Ma a quanto pare l’opinione pubblica dimentica come alle volte sia difficile essere genitore ma si vuole, a tutti costi, colpevolizzare, puntare il dito e denigrare. Lo ripeto, più volte sono stato a colloquio con la famiglia del ragazzo e con lo stesso ragazzo e, per quanto nelle mie facoltà, ho fatto ciò che potevo fare. Mi spiace leggere commenti ed incitamenti a chiedere pubblicamente scusa – come se l’averlo fatto in privata sede e non averlo reso pubblico non abbia la stessa valenza. Sono stato messo in queste ore alla gogna perchè sarei “un genitore che insegna la violenza”. AVETE OGGETTIVATO UNA IMMAGINE DISTORTA DELLA MIA PERSONA, FORSE COMPRENSIBILE COME ATLETA, MA NON COME PADRE E PER QUESTO NON ACCETTO DA NESSUNO CRITICHE ASSOLUTAMENTE GRATUITE E FUORI LUOGO. Per il resto, aspettiamo che la Magistratura faccia il suo corso. Come disse Gesù, chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Tobia Giuseppe Loriga

Lascia un commento
Continue Reading

Featured

Cisl Medici Lazio: campagna vaccinale anti COVID-19 non è una gara a chi vaccina di più

Avatar

Published

on

La Cisl Medici Lazio ha pubblicamente apprezzato la campagna vaccinale anti COVID-19 portata avanti dalla Regione Lazio ma ammonisce ‘non è una gara a chi vaccina di più. Assessore alla Sanità sia rigoroso e vigile nel far somministrare seconda dose a 21 giorni di distanza’

di Vanessa Seffer

 

Sarebbe estremamente grave – evidenzia la Cisl Medici Lazio in un comunicato – se gli operatori sanitari che si sono sottoposti alla prima iniezione del vaccino anti COVID dovessero rimanere senza la seconda dose di vaccino da somministrare a 21 giorni di distanza. 

Sarebbe grave perché non verrebbe rispettata la esatta sequenza temporale dettata dalla azienda produttrice del vaccino, e confermata dalla comunità scientifica, e non ci sarebbe alcuna certezza sulla possibilità di mettere in sicurezza gli operatori sanitari.

Sarebbe grave perché nessuno sa cosa accade a chi si è vaccinato la prima volta ed ora rischia di vedere slittare la seconda dose di vaccino. E certo non potremmo accontentarci delle eventuali rassicurazioni che qualche presenzialista televisivo finirà per emettere per accontentare magari chi avrebbe dovuto garantire una adeguata programmazione vaccinale.

Sarebbe grave perché aumenterebbero i numerosi dubbi sulla campagna vaccinale che non può essere fatta nelle Asl del Lazio con accelerazioni dettate dalla voglia di primeggiare nei numeri per vincere la gara a chi vaccina di più.

Sarebbe grave a fronte della risonanza mediatica che si è data alla necessità di vaccinare le categorie più fragili e gli anziani ultraottantenni.

E come Cisl Medici Lazio avevamo visto giusto considerato che pochi giorni fa, in un precedente comunicato, scrivevamo che occorreva evitare quella che sembrava già una gara al primato di chi vaccina di più.

La Cisl Medici Lazio ha pubblicamente apprezzato la campagna vaccinale anti COVID-19 portata avanti dalla Regione Lazio, per i medici e il personale sanitario, sulla base di una adesione  “libera e volontaria” e quindi senza alcuna obbligatorietà. Oggi invitiamo l’Assessore alla Sanità a non attardarsi sul tema del certificato vaccinale da rilasciare a partire da febbraio, dopo la somministrazione della seconda dose, bensì a garantire la somministrazione stessa della seconda dose facendo la voce grossa a tutti i livelli istituzionali per mettere in sicurezza gli ospedali e gli operatori sanitari e di conseguenza mettere in sicurezza i pazienti e i cittadini.

E invitiamo fermamente l’Assessore alla Sanità del Lazio a fare la voce grossa anche con le direzioni strategiche delle Asl e delle Aziende ospedaliere affinché accelerino con le assunzioni di personale necessarie a dare stabilità e continuità alla lotta contro le altre malattie acute e croniche trascurate a causa della pandemia – conclude il comunicato della Cisl Medici Lazio.

Lascia un commento
Continue Reading

In evidenza