Cinema & TeatroFeatured

Elisabetta Pozzi ad ‘Ether, il quinto elemento’. Continua la rassegna di Isabel Russinova: in scena il teatro

By 21 Maggio 2020 No Comments

La narrazione del vero teatro dalla viva voce di Elisabetta Pozzi. Un’artista che non lascerà mai dietro di sé il vero senso dell’arte. Simpatica, piena di vitalità ed esempio per le nuove generazioni

di Macrì Martinelli Carraresi

Grande interprete e donna di gran cultura. Ha lavorato con due maestri di eguale calibro ma di differente, forse solo in apparenza, approccio al mondo del teatro. Si tratta di Elisabetta Pozzi che fin da giovanissima ebbe la fortuna di incontrare sulla sua strada Giorgio Albertazzi. Lui il vate, il grande artista che seppe cogliere in lei il dàimon dell’artista e la guidò nel suo iniziale percorso con il teatro.  Nel tempo anche Carmelo Bene, che nel teatro riesce a mettere in scena la vita vera. Ed è su questa vita reale che Elisabetta Pozzi sa giocare, interagire con il pubblico e rendere ogni alzata di sipario diversa da quella della sera prima.


Perché il teatro è vita, e la vita va raccontata minuto per minuto. La Pozzi vince il David di Donatello come migliore attrice non protagonista nel film ‘Maledetto il giorno che t’ho incontrato’ del ’92. Ma calca le scene da quando aveva solo 17 anni ed è un’attrice simbolo del nostro teatro per la sua grande capacità di essere sé stessa su un palco. Studiare il teatro vuol dire conoscere la storia che ci ha attraversato. Ha dato il suo grande contributo anche in periodo di lockdown da emergenza coronavirus, e le siamo grati per questo. I dettagli nella puntata di Isabel Russinova, con Tiziana Primozich e Macrì Martinelli Carraresi del web magazine DailyCases


Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com