Damien Jurado in concerto

By 28 giugno 2016Arte & Cultura
[AdSense-A]

Venerdì 1 Luglio , Spilla – Corte Mole Vanvitellina

Senza-titolo-3


Definito da alcuni il “padrino dell’esplosione folk di Seattle”, è uno tra i più costanti songwriter statunitensi dell’ultimo decennio. Nel 2013 collabora con Moby per l’album Innocents e nello stesso anno il suo singolo Everything Trying viene incluso nella colonna sonora del film La grande bellezza di Paolo Sorrentino. Damien Jurado arriva a Spilla con V i s i o n s o f U s o n t h e L a n d , il nuovo album pubblicato lo scorso 18 marzo 2016 via Secretly Canadian . Successore di Brothers and Sisters of the Eternal Son e Maraqopa , Visions of Us on the Land , anticipato dal brano Exit 353 , è l’ultimo capitolo della trilogia pensata dal songwriter. Realizzato ancora una volta in collaborazione con Richard Swift, il lavoro riprende i temi trattati nei due precedenti dischi riportandolo ad un « nuovo livello da sogno ».

DAMIEN JURADO ospite di Spilla 2016:

VENERDÌ 1 LUGLIO ANCONA – SPILLA CORTE MOLE VANVITELLINA


in collaborazione con

Biglietti: 10 €

Prevendite disponibili su www.vivaticket.it

DamienJurado_600X450

Damien Jurado è un cantante originario di Seattle. Inizia la sua carriera solista nella metà degli anni Novanta, realizzando una demo che gli permette di attrarre l’attenzione della Sub Pop Records . Con questa etichetta realizza il suo primo disco, Water Ave S (1997). Il secondo lavoro è Rehearsals For Departure (1999). Nel 2000 pubblica Postcards And Audio Letters e Ghost Of David . I Break Chairs viene realizzato nel 2002, sarà il suo ultimo lavoro per la Sub Pop . Nel 2003 l’artista approda ad una delle etichette “di culto” della scena indipendente, la Secretly Canadian , con la quale pubblica ben sette album ritornando al genere folk. Nel 2010 è la volta di S a i n t B a r t l e t t , mentre a Febbraio 2012 viene realizzato Maraqopa , il secondo disco in collaborazione con Richard Swift dopo Saint Bartlett . L’album segna un nuovo inizio: un suono pieno, ammiccante al folk-rock anni 70 e arrangiamenti ormai distanti anni luce dall’estetica lo-fi dei primi anni della sua carriera. Il suo percorso artistico ha mostrato continui cambi di umore, momenti oscuri alternati ad intramezzi di pura grazia. La sua paletta sonora spazia dal rock classico all’elettronica. Brothers and Sisters of the Eternal S on pubblicato nel 2014 è il secondo capitolo della sua trilogia: Visions of Us On The Land  ne è il terzo e conclusivo capitolo. Inizialmente Jurado non voleva creare una trilogia. Il primo capitolo, Maraqopa doveva essere «una rapida istantanea. Ma è diventato qualcosa che vive nella mia coscienza. Maraqopa è il luogo tranquillo in cui posso rifugiarmi nella mia mente. Un po’ psichedelico, […]. L’ho chiamato Maraqopa, un nome simile alle città di fantasia della televisione o dei libri”. Visions of Us On The Land  è un viaggio ulteriore nel subconscio,  un viaggio simbolico che mette in luce le persone e le città che il personaggio principale del racconto e il suo compagno di viaggio, Silver Katherine, incontrano dopo essersi lasciati alle spalle la città in cui vivevano.  Da qui i titoli dei brani che alludono a luoghi reali americani. Come in tutte le grandi opere, nell’album si parla di vita e di morte, di amore e  libertà.

Lascia un commento