Arte & CulturaDiritti umaniItaliaPrimo piano

Calabria: un casting etico per dire no all’illegalità

By 20 Luglio 2013 No Comments

935835_10201608735849449_1932373701_n‘MafiaNo’ e ‘Promuovi’ individuano un percorso al sicuro da ogni illegalità e compromesso per giovani che vogliono recitare

Roma, 19 luglio – L’Associazione di volontariato ‘ProMuovi’ organizza, presso il Teatro Piccolo dell’Università della Calabria, una manifestazione culturale multietnica con il fine di conoscere e scegliere giovani ambosessi da indirizzare verso la carriera artistica. La scelta di dare vita ad un casting etico, aderendo al Progetto Etico mafiaNO, è, ormai, indispensabile in un mondo che approfitta della necessità, della disponibilità e della genuinità dei giovani. Molto spesso, infatti, lungo la tortuosa strada dell’arte, i ragazzi incontrano schiere di approfittatori che mortificano il sogno, sporcandolo con biechi interessi personali.

Il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Cosenza, rappresentato dall’assessore alla Comunicazione e Spettacolo Rosaria Succurro, della presidenza del Consiglio Provinciale di Reggio Calabria, Antonio Eroi presidente, dell’Amministrazione Comunale di Palmi, rappresentata dall’assessore alla Pubblica Istruzione e alla Legalità Giuseppe Saletta, rafforza e garantisce l’intento dell’Associazione ProMuovi e della presidente Daria Cimino, sostenitrice della tutela dei Diritti Umani e Sociali. I partecipanti vengono selezionati da una giuria composta dai rappresentanti istituzionali, dalla presidente dell’associazione Promuovi e dall’ideatore del Progetto Etico mafiaNO, Nino Spirlì.
“Sono anni difficili per il lavoro, soprattutto per i ragazzi che vogliano entrare nel mondo dello spettacolo. I compromessi sono dietro ogni angolo. Sostenere la loro professionalità, è un obbligo per le istituzioni.” Lo sostiene Antonio Eroi, presidente di Giuria. “Eliminare il pregiudizio che il debutto nell’arte e nello spettacolo debba necessariamente attraversare fiumi in piena, è la necessità primaria per le istituzioni. Io, personalmente, mi auguro che, rafforzando gli inizi, il cammino di ognuno di questi ragazzi sia forte, onesto e legale.” A parlare, Rosaria Succurro, assessore al Comune di Cosenza. “Basta con le belle statuine accondiscendenti. La scelta di organizzare un casting etico nel cuore dell’Università, dove i ragazzi esprimono il meglio di sé e trasformano i propri sogni in progetto di vita, è un segnale forte che ProMuovi vuole dare non solo al territorio, ma alle coscienze. Questi nostri ragazzi, scelti con criterio e rispetto delle regole, saranno i belli con testa, e non vuoti contenitori da esibire.” Daria Cimino ha le idee chiare in merito. Giuseppe Saletta, assessore alla Legalità del Comune di Palmi sottolinea l’importanza della presenza delle istituzioni anche in questa fase delicata del debutto ” È oggi che vanno individuati coloro che potranno continuare e dissuasi coloro che non ne hanno le possibilità. Meglio guadagnarsi un’onesta delusione, che una finta illusione”. image_miniNino Spirlì, scrittore e opinionista per Il Giornale.it , ideatore di mafiaNO: ” mafiaNO incoraggia ogni attività che crei opportunità di lavoro ed arricchimento culturale. I giovani hanno molto da dire e da dare alla società. Il compito nostro è di favorire lo sviluppo di una società futura fresca e nuova, lontana dalle logiche passate del favoritismo e dell’illegalità, padre e madre dell’immoralità.”



Lascia un commento