Italia

Borse di studio: per un anno all’estero fino a €15.000

By 29 Novembre 2019 No Comments

Studiare all’estero oggi è più accessibile grazie alle diverse opportunità di borse di studio: dopo aver studiato un anno fuori cresce il livello di maturità e responsabilità dei ragazzi

Sono più di 1.500 le borse di studio assegnate dall’INPS ai figli di dipendenti e pensionati pubblici che desiderano frequentare un anno o un semestre scolastico all’estero. Le prossime graduatorie del bando di concorso al riguardo verranno pubblicate entro il 15 gennaio 2020.

Pubblicazione delle graduatorie

Il bando, da poco concluso, è rivolto ai ragazzi delle scuole superiori e punta all’assegnazione di 1.500 borse di studio che consentono di coprire in parte o totalmente il costo del viaggio all’estero. Le graduatorie degli aventi diritto al contributo verranno pubblicate, entro il 15 gennaio 2020, sul sito istituzionale INPS, nella specifica sezione riservata al concorso.


Borse di studio Mondo Insieme

Nella convinzione che lo studio e l’impegno scolastico vadano propriamente riconosciuti, Mondo Insieme ha deciso di offrire ulteriori borse di studio fino a € 2.500 ai ragazzi più meritevoli delle scuole superiori.

Indipendentemente dalla durata del programma, un semestre oppure un anno, o dalla scelta della destinazione, Mondo Insieme premia gli Exchange Students che si distinguono per profitto scolastico, competenza linguistica e motivazione all’esperienza, tenendo in considerazione anche il reddito famigliare. È possibile fare richiesta di questa borsa di studio fino al 30 novembre 2019.

Mondo Insieme, organizzazione con sede a Bologna specializzata in scambi culturali, è una delle associazioni che promuove i soggiorni scolastici all’estero per chi può usufruire del contributo ITACA e che, ogni anno, segue passo dopo passo le famiglie nella compilazione del bando di concorso.

Perché studiare all’estero

Studiare all’estero, per un anno o un semestre scolastico, apre gli orizzonti dei giovani, non solamente aiutandoli nel superamento delle barriere linguistiche, ma soprattutto delle più significative barriere culturali.

Vivere in una famiglia diversa dalla propria, conoscere nuove persone, crescere in contesti educativi differenti rispetto a quello italiano, sono il vero trampolino di lancio per diventare cittadini del mondo autonomi e responsabili.

“Parlando con un Exchange Student si capisce immediatamente il livello di maturità e responsabilità che ha acquisito durante l’esperienza” – afferma Graziella Costa, responsabile del Programma Anno Scolastico all’Estero di Mondo Insieme.

“I nostri ragazzi imparano a vedere il mondo con occhi diversi e sviluppano una grande adattabilità a nuovi contesti e culture, caratteristica sempre più importante per muoversi in un mondo internazionale. Forti dell’importanza del nostro lavoro, abbiamo deciso di offrire un contributo economico, valido per tutte le 40 destinazioni che siamo orgogliosi di offrire, per dare l’opportunità a tutti i ragazzi di partire e crescere grazie a questa esperienza”, specifica Costa.


Negli ultimi anni, tra le mete più gettonate svettano gli Stati Uniti, seguiti dall’Australia, dal Canada e dai Paesi del Nord Europa. Se queste destinazioni sono ancora tra le più richieste, è interessante vedere come l’area geografica di interesse si stia spostando: un incremento notevole di domande si è registrato per la Corea del Sud, ma anche per Cina, Giappone, Argentina e Sudafrica, in linea con l’influenza culturale che questi Paesi stanno esercitando in Occidente. Quale modo migliore per imparare a conoscerli?

Per ricevere maggiori informazioni basta contattare Mondo Insieme (Via Castiglione, Bologna) al tel.: 051 6569257, alla mail [email protected] o tramite il sito internet www.mondoinsieme.it.

Lascia un commento