Anziani, persone con disabilità, bambini, in 5.000 all’Esposizione Universale con “Expo sociale”

By 11 settembre 2015Primo piano

e Sala: “Manifestazione attenta ai temi del , della disabilità e della povertà, eredità per il cambiamento culturale della città” 


expo, 11 settembre  – , persone con disabilità e famiglie con in affido, in 5.000 hanno potuto visitare 2015 grazie ai biglietti messi a disposizione dalla società al costo di 5 euro e destinati dall’Assessorato alle Politiche sociali agli anziani dei Centri socio ricreativi e culturali (3.130) e dei Centri di aggregazione multifunzionali (723), alle famiglie affidatarie (217) e alle persone con disabilità (715) che frequentano i Centri del Comune. Le visite organizzate con i pullman sono iniziate nel mese di luglio e proseguiranno per tutto il mese di settembre. Fino ad oggi sono stati già utilizzati 4.785 biglietti e i restanti 215 saranno presto assegnati.  L’iniziativa è nata grazie alla collaborazione tra il Comune di Milano e la Società con la finalità di aprire le porte dell’Esposizione universale caratterizzandola come ‘ sociale’ rivolta a tutti, anche a chi, nonostante la scontistica già applicata, non avrebbe potuto acquistare il biglietto, perdendo l’occasione di visitare l’evento più importante della sua città. “Dai grandi eventi alle piccole iniziative – afferma l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – 2015 non ha deluso le nostre aspettative mostrandosi manifestazione attenta ai temi del sociale, della disabilità e della povertà. In particolare grazie alla collaborazione con la Società siamo riusciti nell’intento di rendere l’Esposizione universale un’occasione di partecipazione per tutti, dalle persone con disabilità, agli anziani a basso reddito, dalle famiglie numerose, ai bambini. Un luogo accogliente, educativo, aperto e divertente per i milanesi e per i turisti. Ci auguriamo che lasci in eredità una sensibilità sempre più concreta nei confronti di chi ha più bisogno e un patrimonio di esperienze da proseguire anche dopo la fine della manifestazione, per sostenere il cambiamento culturale che questa Amministrazione sta portando con i privati, il Terzo settore e il mondo del volontariato”. “ 2015 vuole accogliere il maggior numero di persone interessate a visitare questa Esposizione Universale, agevolando chi sarebbe in difficoltà ad acquistare il biglietto – dichiara Giuseppe Sala, Commissario Unico delegato del Governo per Milano 2015 -. Per questo motivo insieme al Comune di Milano abbiamo deciso di creare le condizioni perché fasce vulnerabili potessero partecipare a questo grande evento che coinvolge la loro città. Questa è una delle iniziative che si affianca all’accordo con l’INPS e alle agevolazioni tariffarie previste fin dall’inizio della manifestazione per le persone con disabilità, per anziani e per bambini, per fare in modo che l’ sia un evento accessibile per tutti”. L’ “ sociale”, oltre agli ingressi scontati, ha garantito anche la completa accessibilità del sito a milanesi e turisti con disabilità grazie all’assenza di barriere architettoniche, agli ingressi dedicati, ai percorsi e mappe tattili per non vedenti e al Mobility center che ha fornito mini scooter elettrici per gli spostamenti di persone con ridotte capacità motorie. Sempre in tema di accessibilità, da marzo scorso, è stato attivato www.expofacile.it il portale che ha offerto a tutti i visitatori, anche con disabilità, le informazioni necessarie per muoversi in autonomia con itinerari turistici e schede informative sull’accessibilità di alberghi, ristoranti e musei, sui mezzi di trasporto e sui servizi utili, dai punti di primo intervento ai poliambulatori medici. Il portale è nato da un impegno condiviso tra Regione Lombardia, Comune di Milano e le associazioni di persone con disabilità (raggruppate nelle Ats Ledha e UICI) che lo hanno portato a termine. Il progetto è realizzato in partnership con Unicredit Foundation. Expo sociale è stato anche nonni e bambini insieme con l’iniziativa “Adotta un nonno a Expo 2015”: lo scorso maggio un centinaio di alunni delle scuole elementari di Milano accompagnati dai loro “nonni” adottivi (gli anziani del quartiere ospiti a pranzo nelle mense della scuola)  hanno visitato il sito, soffermandosi al Padiglione Zero, al Padiglione di Save the Children e al Children Park. Expo sociale è stato infine salute e prevenzione con “Keep calm and have safer sex” la campagna di prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili realizzata, in occasione di Expo 2015, dal Comune di Milano, ASL Milano e dalle associazioni del tavolo Malattie Sessualmente Trasmissibili: a disposizione un sito internet (www.contattosicuro.it), l’App “SmartSex” per tablet e smartphone e una brochure informativa in 8 lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo, cinese, arabo, romeno, russo) disponibile in 170 punti espositivi (Sedi ASL Milano e Ospedali).

 

Lascia un commento