Americano coltiva pomodorini e basilico al Polo Nord


L’uomo è riuscito a diventare un agricoltore su un’isola norvegese dove le temperature si aggirano intorno ai venti gradi sotto lo zero e il suolo è totalmente ricoperto di ghiaccio.

Recentemente, il 40enne americano Benjamin Vidmar è diventato internazionalmente noto per essere uno dei pochissimi abitanti del Polo Nord ad avere il pollice verde. Nel 2007,  Benjamin ha lasciato il suo Paese per trasferirsi, insieme alla sua famiglia, sull’isola norvegese di Longyearbean, dove vive una comunità di 2.000 abitanti.  Per loro il quarantenne americano era semplicemente un cuoco, finché non ha deciso di dedicarsi all’agricoltura coltivando pomodori, basilico e tanti altri tipi di ortaggi e piante aromatiche. A spingere  Benjamin verso questa originale avventura, è stata la necessità degli abitanti di  Longyearbean di mangiare verdure fresche raccolte direttamente nel loro villaggio, uno dei luoghi più impervi della Terra, dove la sola idea di coltivare una pianta sembra sfidare le leggi della natura. Sull’isola baltica la temperatura si aggira intorno ai 20 gradi sotto zero, la luce del sole scarseggia e il suolo, oltre ad essere roccioso, è ricoperto di ghiaccio.

Ma queste difficoltà non hanno fermato   Benjamin Vidmar, che è riuscito ad aggirarle costruendo una serra. Una volta realizzata la struttura, “l’agricoltore di   Longyearbean” ha installato al suo interno un impianto di riscaldamento, che ha permesso di creare un microclima di 10 gradi. Solo dopo aver raggiunto una temperatura idonea alla coltivazione,  il 40enne americano ha potuto dedicarsi al “lavoro della terra”, la quale è stata importata e successivamente collocata all’interno della serra. Attraverso un costante lavoro di monitoraggio delle piante e ad una attenta selezione dei fertilizzanti,  Benjamin è riuscito a creare un “angolo di verde” sulla gelida isola norvegese, visitata annualmente da migliaia di turisti. Molti di loro considerano la serra di  Longyearbean come un monumento del luogo.

Lascia un commento