Scuola, visita in Calabria della Ministra delle Donne della Repubblica del Paraguay

By 5 novembre 2014Arte & Cultura

Il ministro del Paraguay Ana Maria Baiardi ha siglato un protocollo di intesa di cooperazione con l’Italia nell’ambito del Programma “Pitagora Mundus”, promosso dall’Istituto Calabrese di Politiche Internazionali


rende_pitagota_mundus_01
Catanzaro, 5 novembre – “La Calabria puo’ diventare un significativo polo formativo, valorizzando non solo le sue scuole e università ma anche le imprese innovative e le radici storiche e culturali della regione presenti in tutti i continenti”. E’ quanto ha dichiarato l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri commentando la visita della Ministra delle Donne della Repubblica del Paraguay Ana Maria Baiardi, in Calabria per siglare un protocollo di intesa di cooperazione con l’Italia nell’ambito del Programma “Pitagora Mundus”, promosso dall’Istituto Calabrese di Politiche Internazionali. Nell’occasione si e’ svolto a Rende il convegno “Cooperazione Italia -Paraguay. Percorsi verso nuove opportunità”, dove hanno partecipato anche gli esponenti di istituti e comuni che stanno gia’ sperimentando esperienze di formazione con studenti stranieri nelle scuole superiori. Tra questi Concetta Smeriglio (Dirigente Istituto Superiore di Diamante), Raffaele Pane (Sindaco di Scigliano), Fernanda Petrisano (Dirigente dell’Istituto Professionale Agrario di Scigliano), Luca Branda (Sindaco di Sant’Agata D’Esaro), Francesca Costanzo (Dirigente dell’Istituto Superiore di Sant’Agata D’Esaro), Cesare Marini (Sindaco di San Demetrio Corone). “Pitagora Mundus” è un programma di formazione ed interscambio internazionale, organizzato in Calabria grazie al supporto della Regione Calabria, dell’Ufficio Scolastico Regionale, di province, comuni e scuole della regione. Finora sono circa 400 gli studenti egiziani e iracheni che studiano nelle scuole superiori della regione, quasi tutti in istituti tecnici e professionali. L’accordo siglato con il Paraguay si propone di favorire e sviluppare le relazioni sociali, culturali, economiche e scientifiche con l’Italia, orientate a rafforzare i principi delle pari opportunità.

Lascia un commento