Monumentale. Le bellezze artistiche del “Museo a cielo aperto di Milano” conquistano Google Street View

By 31 ottobre 2015Italia

D’Alfonso e Maran: “Un ottimo alleato per la promozione turistica di e la valorizzazione delle sue attrattive”


news_41016_imageMilano, 31 ottobre 2015 – Un viaggio alla scoperta di uno dei più importanti simboli della città. Da domani, domenica 1° novembre, su sarà possibile passeggiare virtualmente lungo i viali del di Milano.  Street View, l’evoluzione di Google Maps che consente di esplorare il mondo attraverso fotografie panoramiche a 360 gradi scattate a livello stradale, ha immortalato le bellezze del Cimitero Monumentale, rendendole disponibili ai suoi utenti. Un’iniziativa che diventa occasione imperdibile per scoprire i tesori architettonici e artistici del più importante ‘museo a cielo aperto’ della città.  “Google, che ha reso la vita più semplice a molti cittadini grazie alla funzione che consente di visualizzare percorsi e orari dei mezzi pubblici di Milano,  si sta rivelando un ottimo alleato anche per la promozione turistica. Abbiamo già sperimentato le potenzialità dello Street View con le immagini della nuova e della rinnovata piazza Castello. Siamo sicuri che gli utenti si lasceranno conquistare dalla bellezza artistica e culturale del Cimitero Monumentale” spiegano  gli assessori   (Commercio e Turismo) e Pierfrancesco Maran (Mobilità e Ambiente) .
Grazie a Google Street View si potranno ammirare le opere di questo patrimonio culturale collettivo dal valore inestimabile, progettato dall’architetto Carlo Maciachini e inaugurato nel 1866, che racchiude al suo interno la storia della città e la sua vicenda artistica, dal Realismo e dall’Eclettismo, al Liberty e al Simbolismo fino all’età contemporanea.  Basteranno pochi click per guardare capolavori di scultura come il monumento di Antonio Canova a Maria Cristina d’Austria e lasciarsi stupire dalle architetture dei grandi maestri dell’800 e del ‘900 come Piero Portaluppi, Giuseppe Sommarguga e Giò Ponti, che si sono misurati in modo nuovo con la rappresentazione della spazialità temporale e spirituale. Il tour virtuale potrà concludersi con una visita al Famedio, il Pantheon delle donne e degli uomini illustri della città, dove riposano alcune delle personalità di eccellenza di Milano, da Alessandro Manzoni a Carlo Cattaneo, dal premio Nobel  Salvatore Quasimodo al pittore Francesco Hayez, sino agli artisti del nostro secolo, come Franca Rame ed Enzo Jannacci.

Lascia un commento