Mantova, presentata prima rete “cittadina” di imprese

By 25 marzo 2015Italia

Protagoniste imprese di che operano in diversi settori in rete con la logica dell’eccellenza. Un che unisce valori aziendali e culturali legati alla città di Mantova e al mondo dell’impresa a livello internazionale.  




Created with Nokia Smart CamMantova, 25 marzo «Tutto è nato dall’idea di un “visionario” come Giampaolo Benedini, architetto alla guida dello studio Benedini Associati, dotato di una geniale intraprendenza e di una naturale passione per la politica e per l’innovazione (è suo il progetto che ha fatto nascere Mantova Creativa)». Ha esordito così Niccolò Filippo Veneri nelle sue vesti di presidente MaMa Mantova Makers che questa mattina a Milano (via Statuto, 12) ha presentato alla stampa il suo progetto di sviluppo. Le parole “magiche” – quelle che sono riuscite a innescare la logica aggregativa e lo spirito di condivisione che governano l’iniziativa – sono Mantova, sinergia, eccellenza, unione (che fa sempre la forza) e affinità. Con obiettivi di medio raggio chiari: ottimizzazione delle reciproche opportunità, mercati esteri, progetti di marketing comuni. Ed ecco che le otto aziende mantovane (tra cui l’Orchestra da Camera) sono riuscite in una piccola grande impresa: riunirsi con un contratto di rete. Il primo che in maniera così strutturata coinvolge realtà di una stessa città, traducendolo, nei fatti, anche in un «progetto di sviluppo e di promozione territoriale», ha sottolineato , ex canoista attualmente Assessore Sport e Politiche per i giovani della Regione Lombardia. «Il collante non è il settore d’appartenenza ma l’eccellenza che le contraddistingue, ognuna nel proprio ambito di competenza: moda, design, architettura, arte, editoria, musica, fioricoltura», spiega Alessandra Landi coordinatrice MaMa. «Le imprese aderenti, tutte del mantovano, appartengono a campi diversi ma complementari», aggiunge Niccolò Filippo Veneri presidente MaMa e titolare di Looklateral. «Cammina bene l’uomo se sa dove andare – cita provocatoriamente San Francesco Marina Puricelli, docente del Dipartimento di Management e Tecnologie della Bocconi, con specializzazione in tema di reti di imprese – funzionano le reti dove si parla lo stesso linguaggio: stesso territorio, stessi valori, stesso modo di concepire l’impresa. Dove si gioca di complementarietà. La rete non è la soluzione per le piccole imprese in crisi. E’ un collettivo di persone che ci mette intelligenza, tempo, energie, risorse». A raccogliere questa nuova sfida mettendoci la faccia, tutte le aziende aderenti MaMa: per Agape, Emanuele Benedini; per Bustaffa, Massimiliano Bustaffa; per Gentryportofino di Olmar e Mirta, Gianluca Tirelli; per Looklateral, Niccolò Filippo Veneri; per Lubiam, Marzia Bianchi; per Matteo Brioni, l’omonimo proprietario; per l’Orchestra da Camera di Mantova, Irene Crosignani.

 

Lascia un commento