Mondo

In Alaska pesca da record per il salmone selvaggio

By 30 Maggio 2015 No Comments

Le previsioni di ADF&G (Alaska Department of Fish and Game)dicono che quest’anno la cattura del salmone selvaggio vedrà un incremento del 40% rispetto al 2014

orso pescatoreRoma, 30 maggio – La notizia è di quelle che catturano l’attenzione perché la pesca, in Alaska, è l’attività prevalente del Paese e, quindi, le previsioni di ADF&G (Alaska Department of Fish and Game) sono seguitissime da tutti gli operatori del settore. Il 14 maggio ha preso ufficialmente il via la pesca delle cinque specie di Salmone Selvaggio dell’Alaska: Sockeye, King, Rosa, Keta e Argentato, pesca che si protrarrà fino al mese di ottobre. ADF & G  ha già fornito importanti indicazioni circa i risultati del futuro pescato 2015. Si dice infatti che quest’anno la cattura del salmone selvaggio vedrà un incremento del 40% rispetto al 2014, un dato estremamente importante in quanto si prospetta una maggiore disponibilità  di prodotto congelato, fresco e in scatola, soprattutto in vista della stagione estiva quando il salmone selvaggio è molto richiesto per le grigliate. Il prodotto congelato è fondamentale in quanto è richiesto tutto l’anno a livello internazionale, proprio in virtù delle tecniche di congelamento di cui gode, così rapide da permettere di mantenere intatti la qualità e gli elementi nutrizionali del salmone. Ed ecco la dichiarazione rilasciata da Tyson Fick, direttore della Comunicazione presso l’Alaska Seafood Marketing Institute (ASMI) : “ L’eccezionale pesca di quest’anno consentirà non solo di incrementare gli acquisti di salmone selvaggio dell’Alaska, ma darà ai consumatori l’opportunità di sperimentare un sapore straordinario. I consumatori sanno che possono fidarsi del pesce dell’Alaska, sia per la qualità sia per la pratica di gestione della pesca di questo Paese, sostenibile e sottoposta a una regolamentazione rigida che rappresenta un modello per tutto il mondo”. Il salmone selvaggio dell’Alaska è dunque una risorsa di eccellenza  per un’alimentazione sana e corretta. L’USDA, Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, conferma  che mangiare pesce da due a quattro volte la settimana, è utile a mantenere il corpo il buone condizioni fisiche. In particolare, il Salmone Selvaggio dell’Alaska contiene un livello di Omega 3 più alto rispetto ad altre specie che aiutano a prevenire e persino a migliorare alcune malattie. Il salmone selvaggio è disponibile fresco solo nei mesi in cui avviene la pesca, da maggio a ottobre, ma, per i rimanenti mesi dell’anno, fondamentali per la riproduzione della specie, è reperibile congelato , inalterato nella qualità e nel sapore. Un pesce molto versatile, perfetto per diverse tipologie di ricette e molto apprezzato dai migliori chef internazionali.

 



Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]