Connect with us

Italia

Crotone in ginocchio, l’alluvione spazza via una parte della cittadina calabrese

Avatar

Published

on

Già nel ’96 Crotone aveva subìto i danni di una potente alluvione. Da quel giorno nulla è stato fatto per evitare il peggio

di Benedetta Parretta

Non bastava l’emergenza covid19, non era abbastanza l’incapacità del governo di Giuseppe Conte nel non saper individuare una figura istituzionale come commissario della Sanità calabrese. Ci si mette anche il cattivo tempo. Il nubifragio che ha colpito Crotone in questi ultimi due giorni ha fatto il resto. Crotone è nel disastro totale.

Innumerevoli i danni a cose e persone.

Dopo l’alluvione tragica del’ 96, abbiamo assistito anche questa volta all’esondazione del fiume Esaro, straripati gli argini con l’acqua che ha invaso la strada cittadina ed è entrata nei piani bassi, portando tutto con sé. Sommerso Poggio Verde e molti quartieri della citta’ e della periferia.

Paura e sgomento ma soprattutto smarrimento negli occhi chi ha guardato la morte in faccia e si è visto portare via le poche cose che aveva.

Un plauso va fatto alle forze dell’ordine tutte impegnate nei soccorsi, la protezione civile che ha fatto arrivare una task force di automezzi speciali dalla vicina Campania, e lodevole la Croce Rossa impegnata sia sul fronte covid che sull’emergenza alluvione.

Innumerevoli i soccorsi avvenuti con i canotti e gli elicotteri, prontamente intervenuti ma a parte il grave disagio della popolazione non ci sono stati morti anche perché con la memoria dell’alluvione precedente e consapevoli delle condizioni dei lavori non fatti dalle precedenti amministrazioni, la gente si e’ allertata da sola con il passaparola.

Sono 19 le famiglie con bambini senza dimora, ospiti dell’hotel Casarossa, e 40 famiglie senza corrente e riscaldamenti e altre 48 nel quartiere Fondo Gesù nelle stesse condizioni; famiglie che hanno perso tutto ma non la loro grande dignità.

Ancora una volta Crotone è in ginocchio ed ancora una volta la lezione da imparare è sempre la stessa che oggi nel dopo alluvione diventa il monito principale per la nuova giunta cittadina: i soldi pubblici vanno spesi per il territorio e non per un tornaconto personale.

Lascia un commento
Continue Reading

Italia

Crotone, delitto D’Arca, nella quinta udienza parlano i parenti della vittima

Benedetta Parretta

Published

on

Il 21 Gennaio 2021 si è svolta la quinta udienza del processo D’Arca, sono stati escussi i testi delle parti civili e le parti civili stesse.

È emerso il dolore della vedova interrogata dall’avv.to Procopio e della figlia Grazia la cui vita è stata stravolta dalla perdita del padre. Interrogata dagli Avv.ti Jessica Tassone e Simona Manno è anche emerso il profondo dolore che ha pervaso il nipotino Marco Antonio al quale è stato spiegato che il nonno è volato in cielo come un angelo.

Sono stati interrogati i fratelli e le sorelle del defunto dall’ avvocato Gallo, tutti controinterrogati dall’avvocato Laratta. Gli imputati hanno rinunciato al loro esame, previsto per l’indomani.

Come si sono svolti i fatti che hanno portato all’uccisione di Stefano D’Arca

La lite tra D’Arca e Cortese sarebbe degenerata la notte del 7 marzo alla chiusura del bar Moka di Luciano Cortese padre di Giuseppe, per la perdita di una schedina. Stefano D’Arca avrebbe danneggiato una zuccheriera e una vetrina, forse era ubriaco. Giuseppe Cortese chiamò il padre Luciano che, con l’ausilio di alcuni dipendenti, separò il figlio e D’Arca, ma neanche lui riuscì a riportare la calma.

Allora il giovane chiamò il nonno, che abita a due passi da lì ed è il titolare dell’hotel Concordia.

Lo stesso Giuseppe Cortese a quel punto prese una pistola in uno sgabuzzino e tornò sul posto, ritrovandosi con D’Arca che inveì verbalmente. «Ti sei preso una pistola per spararmi?». Quindi D’Arca venne allontanato dal bar dal padre del ragazzo che, a quanto pare insieme al nonno, a quel punto affrontò D’Arca che con atteggiamento di sfida disse al giovane che non avrebbe avuto il coraggio di sparare.

Il nonno sostiene di aver impugnato lui l’arma e di aver sparato.

Sette i colpi partiti da quella maledetta calibro 7,65 con la matricola abrasa, cinque dei quali raggiunsero al petto D’Arca, che morirà in ospedale poco dopo.

Il nonno chiamò l’ambulanza del 118 e la polizia, dichiarando: “abbiamo sparato a qualcuno che ci ha aggrediti… ci siamo difesi”. Ma la polizia intervenuta sequestrò a casa del nonno un’altra pistola clandestina. La vicenda fu ricostruita rapidamente dagli agenti della Squadra Mobile della Questura grazie anche alla visione delle immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza, da cui emerge un quadro inquietante.

Il proseguimento del processo

Dopo il rinvio a giudizio degli imputati del delitto Francesco Pezziniti e Giuseppe Cortese, cinque giorni fa si è aperto il dibattimento in Corte d’Assise a Catanzaro che chiarirà le modalità dell’omicidio di Stefano D’Arca che fin dall’inizio è apparso agli inquirenti, supportati dalle immagini di una telecamera, come un atto di giustizialismo personale dei due imputati contro il D’Arca che, forse in stato di alterazione dovuto ad alcol, si era reso molesto solo con le parole. Al contrario nonno e nipote avrebbero reagito a colpi di pistola. Gli agenti intervenuti sul posto infatti, durante l’interrogatorio che seguì all’omicidio di D’Arca, misero Giuseppe Cortese di fronte all’evidenza del possesso della pistola, e lui ammise indicando il luogo dove l’aveva riposta dopo gli spari.

Le parti civili del processo sono l’avv. Jessica Tassone per D’Arca Graziella, l’avv. Emanuele Procopio per Valeria Scoleri e l’avv. Simona Manno per il nipote Filoramo Marco Antonio. Gli avv.ti Fabrizio Gallo, Marco Malara e Agnese Garofalo per i fratelli e la mamma di D’Arca.

Graziella quali sono state le emozioni mentre testimoniavi? (n.d.r. si tratta di Graziella D’Arca, figlia di Stefano D’Arca)

Ieri quando ho testimoniato per ricordare mio padre, sono state tante le emozioni contrastanti, la rabbia è stata predominante perché cercano sempre di screditarlo dicendo come non vere, oltre il danno la beffa.

Non si rendono conto che hanno spento una vita dietro la quale c’era e c’è una famiglia.

Mio padre mi manca, mi manca in tutto siamo stati inseparabili e un proiettile di una dannata pistola me l’ha portato via come il vento fa con le foglie.

Però nel dolore che ho provato nel raccontare, sono stata felice nel descriverlo come era nella realtà,e non come vogliono farlo sembrare.

Lascia un commento
Continue Reading

Italia

Arleo su Legge di bilancio: bene le misure per il decollo delle zes e aumento dei beneficiari di Resto al Sud

Avatar

Published

on

Il responsabile dell’Osservatorio sulla ricostruzione economica post COVID-19 di Competere.eu commenta alcune novità della Legge di Bilancio finalizzate a rilanciare l’economia nel Mezzogiorno

“Ben vengano le misure relative alle zone economiche speciali e all’ampliamento della platea dei beneficiari di Resto al Sud al fine di aiutare le start up nelle Regioni meridionali”. 

Lo dichiara Giuseppe Arleo, responsabile dell’Osservatorio sulla ricostruzione economica post COVID-19 di Competere.eu.
“Con i commi 173-176 e 170 della Legge di Bilancio – spiega Arleo – si definiscono misure molto importanti al fine di aiutare in maniera concreta coloro che intendano avviare un’attività imprenditoriale al Sud.  Nel primo caso è prevista una rilevante agevolazione fiscale per chi avvia un’attività d’impresa nelle zone economiche speciali istituite nel Mezzogiorno d’Italia, pari al 50% a decorrere dal periodo d’imposta nel corso del quale è stata intrapresa l’attività e per i 6 periodi d’imposta successivi. Con il comma 170, invece, si amplia la platea dei beneficiari delle agevolazioni di Resto al Sud, portando da 45 a 55 il limite d’età per poter accedere alle incentivazioni stabilite.

Sono due azioni diverse in tema di politiche agevolative, una fiscale l’altra finanziaria, ma entrambe sicuramente destinate a produrre risultati positivi, se saranno attuate in maniera rapida e veloce, pertanto riducendo al minimo il periodo di attesa dei passaggi burocratici necessari in modo da renderle immediatamente operative”.

Per il responsabile dell’Osservatorio sulla ricostruzione economica post COVID-19 di Competere.eu, i commi da 173 a 176 possono rappresentare finalmente l’auspicata svolta per le Zes. “Potrà essere finalmente valorizzata l’istituzione di questo nuovo strumento, la cui messa in pratica è stata di fatto rimandata per diversi anni. Con l’incentivo fiscale le Zes diventano concretamente attrattive per un sistema impresa che voglia tornare a essere protagonista, superando il periodo drammatico che ancora stiamo tutti vivendo”.

Giudizio positivo anche per le modifiche di Resto al Sud, incentivo gestito da Invitalia e che agevola l’avvio di attività nelle Regioni del Mezzogiorno e nelle aree del Centro colpite dal sisma nel 2016 e 2017. “L’innalzamento dell’età a 55 anni”, sottolinea Arleo, “consente a coloro che, per via della crisi generata dalla pandemia, non abbiano più un contratto di lavoro o vogliano riconvertire la propria attività, di avere una possibilità concreta di avviare una nuova iniziativa imprenditoriale, con un incentivo che copre l’intero investimento da realizzare. Resta purtroppo ancora escluso dalle agevolazioni il settore commerciale”.

Lascia un commento
Continue Reading

Featured

Crotone, episodio di violenza tra due giovani. Pestaggio ripreso con un telefonino

Benedetta Parretta

Published

on

Ripreso con uno smartphone il pestaggio di un adolescente, il filmato fa il giro del web. L’aggressore del coetaneo è figlio del pugile crotonese Tobia Giuseppe Loriga.

Nei giorni scorsi è stato diffuso in rete un video ripreso a Crotone nel quale si vedono due giovani ragazzi litigare violentemente tra di loro. In particolare uno di essi viene ripreso mentre con calci e pugni colpisce l’altro ragazzo inerme a terra, intimandogli di non reagire sennò continuerà a picchiarlo fino ad ucciderlo, mentre il povero malcapitato tenta di coprirsi il volto con le mani.

Altri ragazzi riprendono la macabra scena che si tinge del color rosso del sangue della vittima, che inorridito non reagisce più.

Alcune grida di altri coetanei suggeriscono l’utilizzo di alcune mattonelle per continuare a colpire il ragazzo, e negli occhi del ragazzino è palese la paura di morire, quando viene colpito da più testate violente restando visibilmente stordito.

I poliziotti della squadra mobile della Questura hanno in breve tempo identificato aggressori e complici protagonisti della vicenda, avvenuta a Crotone nello scorso mese di dicembre in un magazzino abbandonato della città a quanto pare per futili motivi, i partecipanti sono tutti minorenni.

Non si sa ancora quali sono i motivi della lite, ma si conosce il nome dell’aggressore che riempie di botte l’altro ragazzo nel video. Si tratta del figlio del pugile crotonese Tobia Giuseppe Loriga.

Per questo la Procura della Repubblica di Crotone ha trasmesso gli atti alla Procura per i minori di Catanzaro che sta valutando le responsabilità di ognuno dei protagonisti e le relative ipotesi di reato. “Quanto accaduto – si legge in una nota della Questura di Crotone – deve essere sicuramente stigmatizzato e pertanto si invita la cittadinanza a denunciare alle forze di polizia eventuali analoghe situazioni, al fine di prevenire il compimento di gesti emulativi”.

La Crotone degli adulti dovrebbe dimostrare in modo chiaro e tangibile che è contro la violenza, contro il bullismo. Un gesto concreto verso chi è vittima di pestaggi brutali è il minimo. Anche perché quando un minore si macchia di episodi di grave violenza i veri responsabili sono gli adulti, siamo noi che non sappiamo infondere i giusti messaggi e la morale, siamo sempre noi gli adulti che diamo l’esempio e dobbiamo preservare e riempire di contenuti il futuro dei nostri figli.

Qui di seguito il messaggio su FB del campione di pugilato Tobia Giuseppe Loriga in risposta a quanti lo hanno attaccato dopo l’episodio di violenza perpetrato dal figlio ai danni di un coetaneo. E anche se Facebook è una sorta di Agorà anche del mondo degli adulti, forse qualcosa di più poteva essere fatto per essere esempio costruttivo e non solo…’personaggi in cerca d’autore’!

Non posso che condannare, come padre, come atleta e come cittadino, il gesto fatto da mio figlio, divenuto in queste ore di dominio pubblico. Occorre però effettuare, sin da subito, alcune importanti precisazioni. Preliminarmente, i fatti sono stati commessi nel mese di dicembre, prima della celebrazione del Natale. Preso coscienza dei fatti – come mia abitudine e costume – ho incontrato immediatamente i genitori del ragazzo dove, a colloquio, alla presenza anche di Pierfrancesco, abbiamo voluto capire cosa fosse successo. Sempre in quella occasione, poi – come mia abitudine e costume – ho chiesto scusa al ragazzo ed alla famiglia. Sempre durante il privato colloquio, i ragazzi,oltre a chiarirsi e stringersi la mano in segno di pace, non riferivano di quanto si vede nel video, da me appreso, con forte rammarico, solo in queste ore. Ulteriore colloquio privato poi è stato tenuto, nuovamente con i genitori del minore, alla presenza delle Forze dell’Ordine DA ME PERSONALMENTE PORTATE! Anche in quella occasione ho chiesto umilmente scusa, l’ho invitato a venire in palestra gratuitamente – con la felicità e complicità del padre che mi rassicurava che lo avrebbe portato lui personalmente – e per sempre, nonostante porto ancora in cuore il rammarico e la delusione per quanto accaduto. E’ inutile dire che con il padre del ragazzo ci siamo pacificamente chiariti. Ancora, sempre successivamente al predetto incontro, il ragazzo commentava alcuni miei post con dei cuori. Ora, chi ha imparato a conoscermi, sia come uomo che come atleta, sa quanto sia contrario alla violenza, in qualsiasi forma essa si presenti. Chi mi conosce sa bene che insegno ai miei allievi la non violenza ed anzi, utilizzare la nobile arte fuori dalla palestra – qualunque sia il motivo – vuol dire essere immediatamente espulsi. Cresco ed accudisco i miei allievi come figli, cercando di non far loro compiere gli stessi miei errori commessi in gioventù. Sfido qualsiasi padre a dire diversamente. Chi non ha mai commesso errori in gioventù? E chi vorrebbe che i figli commettano gli stessi errori dei padri? Sono però rammaricato anche per le aspre e gratuite critiche che mi vengono mosse come padre e genitore. Ho dato a Pier tutta l’educazione possibile. Gli ho dato i migliori consigli che un padre possa dare. Gli ho insegnato che si è forti se si è buoni nell’animo e non violento nella mani. Ma a quanto pare l’opinione pubblica dimentica come alle volte sia difficile essere genitore ma si vuole, a tutti costi, colpevolizzare, puntare il dito e denigrare. Lo ripeto, più volte sono stato a colloquio con la famiglia del ragazzo e con lo stesso ragazzo e, per quanto nelle mie facoltà, ho fatto ciò che potevo fare. Mi spiace leggere commenti ed incitamenti a chiedere pubblicamente scusa – come se l’averlo fatto in privata sede e non averlo reso pubblico non abbia la stessa valenza. Sono stato messo in queste ore alla gogna perchè sarei “un genitore che insegna la violenza”. AVETE OGGETTIVATO UNA IMMAGINE DISTORTA DELLA MIA PERSONA, FORSE COMPRENSIBILE COME ATLETA, MA NON COME PADRE E PER QUESTO NON ACCETTO DA NESSUNO CRITICHE ASSOLUTAMENTE GRATUITE E FUORI LUOGO. Per il resto, aspettiamo che la Magistratura faccia il suo corso. Come disse Gesù, chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Tobia Giuseppe Loriga

Lascia un commento
Continue Reading

In evidenza