Afghanistan al voto, talebani mozzano le dita ad elettori

By 15 giugno 2014Mondo

204945-f74b3942-f471-11e3-9b4b-c275dbac2021Il ballottaggio per la scelta del nuovo afghano si è svolto sotto la minaccia e la violenza talebana: tra morti, feriti e alle urne il 52 per cento degli elettori


Roma, 15 giugno – Sono più di sette milioni gli elettori che hanno votato per il ballottaggio presidenziale  in , una affluenza del  52 per cento su un elettorato stimato in 13,5 milioni di votanti. Il si è svolto  nonostante le minacce dei e gli atti violenti messi in campo per sabotare il risultato elettorale. Circa 200mila uomini della sicurezza sono stati dispiegati nelle 34 province per proteggere le operazioni di ma “15 ANA (Afghanistan National Army) e 20 civili sono stati martirizzati”, ha riferito il ministro dell’Interno Omar Daudzai, aggiungendo che circa 60 militanti sono stati uccisi. Undici elettori nella provincia occidentale di Herat si sono visti amputare le dita dai ribelli per aver votato.
Il risultato, che uscirà alla fine di luglio, deciderà se sarà l’ex ministro degli Esteri Abdullah Abdullah o l’economista ex Banca Mondiale Ashraf Ghani  a condurre l’Afghanistan in una nuova era senza il controllo militare e l’assistenza civile internazionale.  Il segretario di Stato americano John Kerry ha avuto parole di elogio per tutti gli  afghani che “hanno sfidato la minaccia della violenza andando alle urne” per  realizzare  un “futuro più solidale, prospero e stabile”. Durante la campagna elettorale, entrambi i candidati hanno proposto soluzioni programmatiche  per affrontare la corruzione, costruire infrastrutture e proteggere i cittadini dalla violenza.

Lascia un commento