Connettiti con noi

Cinema & Teatro

Penthesilea, il ritorno del mito delle amazzoni per salvare il futuro degli uomini

Antonio Martinelli Carraresi

Pubblicato

il

La Penthesilea di Isabel Russinova è un’eroina post-moderna immersa in un tempo senza tempo e la sua battaglia ci spinge a riflettere sul nostro futuro

di Antonio Martinelli Carraresi  

La storia, la tradizione, la leggenda, il mito delle Amazzoni  hanno affascinato e coinvolto letterati, poeti, drammaturghi di ogni tempo, le gesta delle amazzoni sono state esaltate dai grandi, da Erodoto a Strabone, da Plinio il Vecchio a Diodoro, da Omero a Virgilio, fino a Kleist, Jules Verne, Salgari, ma anche storici e geografi hanno concordemente parlato dell’esistenza di amazzoni in Europa, nelle Americhe, in Africa, in Asia, hanno descritto e documentato popoli di donne che combatterono difendendo la loro identità e dignità, esattamente come la leggenda ne ha portato memoria fino a noi ed oggi, finalmente la cronaca storica che coinvolge le amazzoni offre nuove  narrazioni  sempre più vicine al mito, sostenute dalle scoperte portate avanti dalla ricerca e dall’ archeologia.

Come ad esempio i ritrovamenti di tombe di sovrane e guerriere sepolte con scettri ed armi che, un tempo sarebbero state catalogate come appartenenti a resti maschili, ma le nuove tecnologia permette di arrivare scientificamente alla verità dando così la giusta connotazione alla donna nella storia, liberandola dai pregiudizi che la relegavano a ruoli secondari o solo dentro il focolare domestico.

Tra i tanti esempi possiamo citare il ritrovamento nel 2019 a Khousgal (Mongolia) di una tomba del XIV secolo con il corpo di una guerriera con tanto di corredo funerario fatto di ascia da guerra, coltelli di ferro, sella con staffe  o la tomba  etrusca del VII secolo scoperta da Mandolesi, con il corpo di una potente donna guerriera, corredata da armi. Questo il percorso che la scienza sta facendo per rintracciare più precisamente il ruolo e il posto della donna nella storia e cosi sostenere lo forzo necessario per lavorare sulla mentalità che ha perseguitato la donna da troppi millenni, tracciando un percorso doloroso per la sua dignità che è ancora troppo difficile da cancellare ma da cui dipende l’armonia tra il maschile e il femminile e di conseguenza il benessere del nostro pianeta.

Questo è il concetto principale che accompagna il nuovo testo di Isabel Russinova dedicato proprio a Penthesilea, mitica regina delle amazzoni. La Penthesilea di Isabel Russinova è un’eroina post-moderna immersa in un tempo senza tempo e la sua battaglia ci spinge a riflettere sul nostro futuro. Penthesilea non è più la femmina ferita a morte da Achille raccontata dal mito, bensì una guerriera che si arma e lotta per combattere la guerra che è stata creata dai maschii, e così costruire una nuova armonia tra femminile e maschile.

L’amazzone campeggia come personaggio moderno, espressione della nostra società, spesso in bilico tra passione e azione, rinuncia e coraggio. L’ambientazione, sospesa in un tempo non tempo, luogo non luogo vuole simboleggiare le difficoltà dell’esistenza dell’umanità sulla terra che porta le ferite che l’uomo stesso le ha inferto, lo stesso uomo che non rispetta la donna offendendo così la vita.  

La proposta contemporanea di Penthesilea è tutta al femminile, le amazzoni sono le sole, uniche protagoniste del racconto, anche se la figura di Achille, che rappresenta il maschile, è continuamente evocata  per essere desiderata, amata, odiata o combattuta. Il dramma, oltre ad esaltare la travolgente carica emotiva del mito, consente una serie di riflessioni sul tempo dell’uomo e il suo presente. Attraverso Penthesilea, mitico e controverso personaggio di tutti i tempi, si costruisce un omaggio al femminile, alla donna, da sempre grande motore della società.   Il femminile è il riscatto dell’ essere umano, il femminile come concetto da opporsi alla violenza, al machismo  gratuito e sterile, il femminile inteso come esaltazione della vita, il femminile che comprende uomo e donna,  che protegge il buon senso, la memoria, la conoscenza, la vita, il rispetto della natura, dell’ ambiente, il rispetto verso l’altro, combattendo ignoranza, violenza, avidità, stupidità, i grandi mali del nostro tempo, quelli che vorrebbero spingerci verso il baratro  senza neanche sapere il perchè  e senza considerare il fatto che dopo il baratro c’ è solo il nulla, il baratro è senza ritorno.

 “Dobbiamo pulire millenni di falsa educazione, millenni di false verità, millenni di bugie” così recita un momento del testo della Russinova, e ancora ”non c’è niente che la  femmina non possa fare e  non c’è niente  che il maschio non possa fare “.

Penthesilea è in streaming su Piattaforma INDIECINEMA all’interno del Festival dedicato al teatro audiovisivo, al movietheatre, il linguaggio che coniuga teatro e cinema,

Penthesilea  di e con Isabel Russinova, con Daniela Allegra e Chiara Candidi,  regia di Isabel Russinova e Rodolfo Martinelli  Carraresi, musiche originali di Francesco Verdinelli. Su piattaforma INDIECINEMA www.indiecinema.it/broswe teatro in streaming.

Lascia un commento
Print Friendly, PDF & Email

Categorie