Zurigo, al via la biennale d’arte Manifesta11

By 11 giugno 2016Arte & Cultura

L’undicesima edizione delle Biennale è curata dall’artista


Senza-titolo-5

Milano, 11 giugno 2016. L’arte è di casa a e lo è soprattutto in questo 2016 ricco di eventi. Dopo avere festeggiato pochi giorni fa l’apertura del nuovo San Gottardo, che avvicinerà ancor di più la città elvetica all’Italia, e ancora in pieno fermento per i festeggiamenti del centenario DADA in corso da febbraio, si appresta ad ospitare dall’11 giugno e per 100 giorni  Manifesta, la Biennale Europea di Arte Contemporanea. L’undicesima edizione delle Biennale è curata dall’artista Christian Jankowski che metterà al centro della biennale d’arte quesiti culturali e topografici trasposti artisticamente.  Il motto per Zurigo sarà “What People Do For Money: Some Joint Ventures”. Quali lavori svolgono le persone per guadagnare soldi? Diversi artisti affronteranno questo quesito, elaborandolo dal punto di vista artistico. I contributi video artistici saranno trasmessi su una piattaforma galleggiante sul Lago di Zurigo, il palco principale della manifestazione, allestito appositamente per Manifesta 11. Questo “Pavillon of Reflections” verrà usato come stabilimento balneare di giorno e come luogo di riflessione per le opere presentate di sera. Manifesta 11 non si svolgerà solamente in riva al Lago ma anche al Museo Migros di arte contemporanea, alla Kunsthalle Zürich, allo Helmhaus Zürich e al Cabaret Voltaire, che fungeranno da location primarie. “È un vero onore poter ospitare un evento di fama mondiale quest’anno a Zurigo – afferma Lucia Filippone, responsabile del mercato Italiano a Zurigo Turismo. Avremo l’occasione di trasformare l’intera città in una piattaforma artistica dove persone comuni potranno incontrare artisti internazionali”. Ancora una volta nel corso di questo anno, Zurigo è al centro della vita culturale europea ed è pronta ad ospitare gli amanti dell’arte e i turisti italiani durante questi mesi estivi che si preannunciano più che mai „vivaci“ sulle sponde della Limmat.

Lascia un commento