Diritti umaniMondoPrimo piano

Yemen, il 14% spose prima di compiere 15 anni

By 10 Settembre 2013 No Comments

YemenHuman rights watch:  ”Conseguenze devastanti. Le bambine vengono tolte da scuola, la loro istruzione interrotta in modo permanente e molte soffrono di problemi di salute cronica per avere troppi figli e troppo presto”.

Sana’a, 9 set. – (Adnkronos/Aki) – Il caso di Rawan, la bambina morta dissanguata a 8 anni dopo la prima notte di nozze,  riaccendere i riflettori sulle nozze delle bambine nello Yemen, soprattutto nelle aree tribali e tra le famiglie più povere. Un fenomeno che, secondo ultimi dati dell’Unicef, nello Yemen riguarda il 14% delle bambine, che si sposa prima di compiere i 15 anni e il 52% di coloro che lo fanno prima dei 18.  Nel 2005 l’università di Sana’a ha denunciato che in alcune aree rurali vengono date in sposa persino bambine di otto anni.

Nel 2009 il Parlamento dello Yemen ha votato una legge per vietare i matrimoni sotto i 17 anni, ma gli esponenti più conservatori e i religiosi si sono opposti, affermando che era una violazione della legge islamica che non pone limiti all’età per le nozze. ”Le conseguenze dei matrimoni infantili sono devastanti. Le bambine vengono tolte da scuola, la loro istruzione interrotta in modo permanente e molte soffrono di problemi di salute cronica per avere troppi figli e troppo presto”, denuncia Liesl Gerntholtz, direttore della divisione per i diritti delle donne di Human rights watch. “E’ fondamentale che lo Yemen prenda misure immediate e concrete per proteggere le ragazze da questi abusi”, aggiunge.

Lascia un commento